Geekissimo
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
VirusChief, l’antivirus online

VirusChief, l’antivirus online

Salve cari lettori di Geekissimo, in passato abbiamo un attimo pizzicato l’argomento in questo post, ma oggi, in maniera più dettagliata vorrei presentarvi un ottimo antivirus online, in grado di […]

Crea un messaggio sul web che si autodistrugge con Vanish

Crea un messaggio sul web che si autodistrugge con Vanish

Il web 2.0 ha portato una gran mole di dati personali sul web, accessibili in vari luoghi del web che ne rendono spesso impossibile il reale controllo e la possibilità […]

Recupero della password tramite sms: Google arriva anche in Europa

Recupero della password tramite sms: Google arriva anche in Europa

In questo post si è parlato nello specifico di Google e della creazione, per i soli utenti statunitensi, delle caselle mail con la verifica o recupero password tramite sms. Cari […]

8 ottimi strumenti gratuiti per monitorare e proteggere i siti web

8 ottimi strumenti gratuiti per monitorare e proteggere i siti web

Chi gestisce un sito web o un blog lo sa benissimo: non c’è nulla di peggio che vedere la propria “creatura” off-line, magari per motivi sconosciuti e senza sapere da […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1neoex

    Azz avevo pensato a una cosa del genere proprio l’altro giorno! I casi 😀
    Be’ iniziativa lodevole, ma siamo sicuri che non possa in qualche modo facilitare le tecniche di social engineering?

    8 Dic 2007, 9:57 am Rispondi|Quota
  • #2Karim

    bel sistema ma se parliamo di security??
    se uno ti becca pass sei un po nei guai se poi si aggiungono magari anke log in di banke o basti pensare ad ebay… è un po’ da rivedere approfonditamente questa cosa

    8 Dic 2007, 10:28 am Rispondi|Quota
  • #3Rintintin

    Si
    di base sono d’accordo.
    La direzione e’ quella ,ma e’ comunque un’elvoluzione naturale della rete.
    Il vero punto e’ l’anonimato che oggi e’ ancora la “regola” di base del web ,ma che e’ destinato a diventare nel tempo una scelta di ghetto.
    Sono molto meno d’accordo nellpimporre la cosa pero’. Non ha molto senso che Blogger imponga ai suoi “adepti” (a questo punto ) una condizione del genere,che sa molto di “non anonimato” se e’ Blogger per primo ad essere anonimo.
    Inutile girare attonro al fico la faccenda e’ li e li arrivera’, e secondo me va bene cosi.
    L’anonimato sara’ elemento discriminante nel futuro del web esattamente come nel reale.
    Nessuno entra n un “negozio,bar ,attivita’ qualsiasi
    se vede all’interno gente non identificabile. Proviamo ad immaginare una vetrina dalla quale s’intravede gente allpinterno “mascherata” in modo che non capisci ne che faccia ha ne di che sesso sia ne e’ disposta a risponderti su questa argomntazione una volta dentro…
    Pero’ non va bene imporre la cosa. QUELLO NON E’ PIU’ INTERNET.
    Moltissimi blogger hanno “gettato la maschera”…si fa per dire e oggi hanno un vlto ,un’espressione,uno sguardo ect.ect.
    questo blog e’ tra quelli che hanno capito la cosa e questa sara’ la strada anche per chi vorra’ commentare o scrivere all’interno di un blog.
    Basta dare un occhio a Marta….non e’ certo ne la “bellezza” del personaggio ne la cura dei filmati ne i contentuti ad attrarre cosi clamorosamente l’attenzione…anche se la tipa non e’ male e’ simpatica e i contentuti sono di primissimo livello…
    Robin Good stesso (il piiu’ avanti d tutti a mio parere ) l’ha capito da tempo….
    Prima di pensare allputenza di un blog quindi…che si pensi e si rifletta sull’opportunita’ (ma non l’obbligo ) di finirla con il giochetto del “tutti assieme nel penitenziario e parliamoci con i folgietti o i colpi sul muro……”
    perche’ alla fine anche questo e’ stato internet fino a poco tempo fa…..
    poi
    che si pensi pure all’utenza che commenta i blog che visita…..MA SEMPRE LASCIANDO UN MARGINE DI SCELTA
    diversamente
    NON E’ PIU’ INTERNET.

    8 Dic 2007, 1:59 pm Rispondi|Quota
  • #4cirio

    mmm..mha mi sembra un po irreale come cosa, basti pensare che se viene violato il database, non si tratterà più di un fatto unilaterale, ma che rischierà di coinvolegere milioni di siti, per non parlare poi della possibilità di scelta di ogni utente, internet è sinonimo di libertà..

    9 Dic 2007, 1:11 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. OpenID, lo standard del futuro per il Web, arriva alla versione 2.0
  2. OpenID 2.0: un altro mattone tolto dal muro Schininà.it - LogBook » Blog Archive