Geekissimo

Un giudice americano impone la chiusura di Wikileaks, famoso sito che ospita fughe di notizie

 
Daniele Semeraro ([email protected])
21 febbraio 2008
2 commenti
Wikileaks

Un giudice federale di San Francisco, Jeffrey White la Dynadot, ha decretato la chiusura immediata di Wikileaks, sito americano molto famoso perché alimentato quasi esclusivamente da fughe di notizie. La società che ne possiede il dominio, però, ha deciso di fare appello in quanto non sarebbe stato ripettato il Primo emendamento della Costituzione americana, quello che regola la libertà di espressione.

Il sito era diventato famoso qualche tempo fa per aver pubblicato (grazie a una fuga di notizie) le regole d’ingaggio dei militari americani in Iraq e il manuale destinato alle guardie del carcere di Guantanamo, a Cuba. Il caso che ha però portato alla chiusura del sito è legato alla denuncia da parte di una banca delle isole Cayman, la “Juluis Baer Bank and Trust”, che si è vista pubblicare online delle accuse parecchio pesanti.


Da queste accuse emerge molto chiaramente il modo utilizzato dalla banca per riciclare il denaro sporco e frodare il fisco. Dall’istituto di credito sono convinti che il materiale confidenziale sia stato fornito a Wikileaks da un dipendente che voleva vendicarsi di un pessimo trattamento sul lavoro da parte dei suoi superiori. Al momento è ancora possibile accedere al sito tramite i domini .be, .de e .cx, non registrati dalla società colpita dalla sentenza di San Francisco.

Capita spesso di apprendere notizie del genere, sia in Italia che all’estero. Cosa ne pensate? Pensate che l’informazione su internet debba essere libera da ogni censura e da ogni controllo, oppure debba essere sottoposta a tutte le “normali” regole della comunicazione? E a quale giurisdizione, secondo voi, si dovrebbe attenere?
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
La Cina non garantisce che internet sarà “completamente aperta” durante i giorni delle Olimpiadi

La Cina non garantisce che internet sarà “completamente aperta” durante i giorni delle Olimpiadi

Ci ritroviamo spesso a parlare di Cina, diritti umani e connessioni a internet. Come sapete in Cina è in azione una forte repressione nei confronti di blog e servizi “social” […]

L’ Indonesia rimuove parzialmente la censura a YouTube, il Brasile impedisce l’accesso a WordPress.com

L’ Indonesia rimuove parzialmente la censura a YouTube, il Brasile impedisce l’accesso a WordPress.com

Il tema della censura internet è ogni giorno al centro della discussione per i continui sviluppi a cui va incontro nei vari paesi del mondo. Per un paese che decide […]

Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks

Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks

Ne avevamo parlato proprio qualche giorno fa: un giudice statunitense aveva creato molto scalpore dopo la decisione di chiudere il sito Wikileaks, specializzato nella pubblicazione di notizie riservate e fughe […]

La censura cinese sferra il colpo più duro contro i video online

La censura cinese sferra il colpo più duro contro i video online

La Cina, purtroppo, torna a far parlare di sé sull’argomento della censura online e sul diritto di parola. Una nuova legge emanata dal ministero dell’Informazione che entrerà in vigore il […]

Riflessione su YouTube e la tragedia finlandese

Riflessione su YouTube e la tragedia finlandese

Di sicuro avrete sentito della tragedia avvenuta due giorni fa a Tuusula, in Finlandia, dove uno studente ha ucciso nove persone, tra cui la direttrice della propria scuola, e ha […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1pippo

    21 Feb 2008, 9:26 am Rispondi|Quota
  • #2pasquale

    ognuno può scrivere quello che vuole… o dobbiamo tornare 4 secoli indietro? in questo caso sono pure robe vere.. per una volta che si pubblicano cose vere e non stronzate (tg in tv per esempio) perché devono rompere le balle? privacy? boh..

    22 Feb 2008, 4:01 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Viva la libertà di espressione: riapre Wikileaks - Geekissimo
  2. Daniele Semeraro » Blog Archive » DanieleSemeraro.it — Geekissimo » Un giudice americano impone la chiusura di Wikileaks, famoso sito che ospita fughe di notizie