Geekissimo

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

 
Daniele Semeraro ([email protected])
4 marzo 2008
9 commenti
Mailbox

La notizia sta facendo, piano piano, il giro del mondo. La Corte Suprema della Virginia, negli Stati Uniti, a ha condannato a nove anni di carcere Jeremy Jaynes, accusato di aver mandato milioni di messaggi di posta indesiderata ad altrettanti ignari utenti internet. Una sentenza che, sicuramente, entrerà nella storia della Rete.

La vicenda, tra ricorsi e carte bollate, va avanti già dal 2003, anno del primo arresto di Jaynes. L’accusa ha presentato la prova di 53mila messaggi e-mail illegali inviati in soli tre giorni, ma tra luglio e agosto del 2003 pare che l’uomo abbia mandato un milione di messaggi spam al giorno. La difesa, invece, ha basato le sue argomentazioni sul fatto che le leggi anti-spam emanate ultimamente negli Stati Uniti violerebbero i diritti del primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, quando si tratta di anonimato.


La corte, però, ha rigettato quest’ipotesi, considerato che l’uomo utilizzava degli indirizzi e-mail fasulli e, quindi, era impossibile da contattare per chiedergli una cancellazione del proprio indirizzo dal suo database; inoltre, i prodotti pubblicizzati fanno decadere i diritti del primo emendamento sulla libertà di espressione. Il processo si è tenuto in Virginia, proprio perché lì risiedono alcuni server di posta di Aol attraverso i quali sono passati questi messaggi. Il “Computer Crimes Act” della Virgnia proibisce “la trasmissione anonima di posta indesiderata o pubblicitaria, incluso quella contenente messaggi politici e religiosi”.

Secondo molti commentatori si tratta, però, di una decisione molto dura, soprattutto perché la legge esiste solo in alcuni stati degli Usa (come a dire, se vivi fuori dagli Usa puoi spammare liberamente). A mio giudizio, non so cosa ne pensate voi, forse nove anni di carcere sono un po’ eccessivi, ma se i tribunali di tutto il mondo cominciassero a prendere provvedimenti severi contro gli spammer, allora ci libereremmo molto presto di questa brutta piaga che colpisce, indistintamente, le nostre caselle e-mail.

Via | Ars Technica
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Lo spionaggio di segreti tra le aziende esiste da sempre. Ma probabilmente la tecnologia ha aumentato i rischi, per le aziende, di perdere dati anche per colpa dei propri stessi […]

Internet e sicurezza, ecco la prossima generazione dei CAPTCHA

Internet e sicurezza, ecco la prossima generazione dei CAPTCHA

I sistemi automatizzati riescono in maniera sempre più semplice a decifrare i CAPTCHA (cioè quei piccoli indovinelli – letterali o matematici – che si propongono all’utente prima di postare su […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Reti pubbliche Wi-Fi: dobbiamo davvero fidarci? Il pericolo è dietro l’angolo

Reti pubbliche Wi-Fi: dobbiamo davvero fidarci? Il pericolo è dietro l’angolo

Rispetto anche all’anno scorso ormai trovare una rete Wi-Fi libera, gratuita e senza password in giro per le città non è poi un’impresa così ardua. Utilissime quando siamo nei bar, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1Ilaria

    Che storia!!!
    Solo un appunto: è un tantino grave scrivere “a condannato”. I verbiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    4 Mar 2008, 10:48 am Rispondi|Quota
  • #2Bios outcast

    dovrebbero farlo anche qui

    la pena ci può sembrare esagerata ma in america queste cose le prendono molto sul serio, probabilmente avrà infranto una quantità di leggi federali

    e non dimentichiamo che questo personaggio spediva un milione di messaggi spam al giorno.

    un milione è una quantità spaventosa

    @ilaria, i verbi? ……

    secondo la netiquette di vari blog ,Forum, Ng (e anche secondo me), è + grave (e di cattivo gusto), far notare uno stupido errore di ortografia che farlo materialmente

    può capitare di sbagliare a dgt una parola in un testo

    4 Mar 2008, 11:57 am Rispondi|Quota
  • #3Federico

    Una specie di capro espiatorio, così magari gli altri spammers si daranno una bella regolata…

    4 Mar 2008, 12:40 pm Rispondi|Quota
  • Mi scuso per il refuso, frutto ovviamente di una disattenzione e non di ignoranza :).

    4 Mar 2008, 3:02 pm Rispondi|Quota
  • #5Martex

    Se gli utenti imparassero una buona volta a non aprire i messaggi spam rispondendo pure allora non ci sarebbe il bisogno di pene così severe. Dipende anche da noi. Gli utonti però spuntano e crescono a due a due…

    4 Mar 2008, 6:31 pm Rispondi|Quota
  • #6ste

    9 anni per spam…ci rendiamo conto?

    mio nonno è stato investito ed è morto, il tizio non ha fatto un minuto in galera.

    Equipariamo le cose, e ditemi se 9 anni di galera per spam sono giuste. Le pene dovrebbero avere il peso del reato, essere coerenti. Lo spam è una stronzata, in confronto a tutti i cookie che ci si becca navigando, con i quali vengono raccolti dati su di noi e venduti per fare ricerche di mercato…eppure 9 anni ad uno che inviava mail. se domani mi dicono che il sole gira intorno alla terra, quasi quasi ci posso credere

    29 Apr 2008, 7:44 pm Rispondi|Quota
  • #7FC

    mah 😛 forse 9 anni sono esagerati, in ogni caso deve assumersi le proprie responsabilità…

    27 Mag 2008, 12:42 pm Rispondi|Quota
  • #8fede-

    ok 9 anni oppure deve scrivere a mano una email di scusa ad ogni uente che ha ricevuto la mail spam ma una a una. nn un per tutti rispammata:-!
    (nn so quale delle due è la + veloce:-)

    (e neanche ctrlC ctrlV per lui:-)

    26 Giu 2008, 4:05 pm Rispondi|Quota
  • #9paolo giusto

    la cosa mi fà un di sgomento il motivo è che se verame ci sono persone che si battono come lii si potrebbe veramente fare qual’cosa di serio

    18 Ago 2008, 2:52 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale