Geekissimo

Wi-Fi libero in Italia, approvata la legge

 
Andrea Guida (@naqern)
6 novembre 2010
5 commenti

Questa notizia probabilmente l’avrete già letta sui giornali o sentita in TV, ma la sua rilevanza è tale che non potevamo esimerci dal segnalarvela.

Nella giornata di ieri, il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo “pacchetto sicurezza” messo a punto dal Ministro dell’interno Roberto Maroni che include, tra le altre cose, l’abrogazione (o per meglio dire, la mancata proroga) delle restrizioni al Wi-Fi pubblico imposte dal decreto Pisanu di cinque anni fa.

Per chi non lo sapesse, il decreto Pisanu è quello che – in nome della sicurezza e della lotta alle mafie – rende quasi impossibile l’installazione di connessioni Wi-Fi in locali pubblici quali bar, ristoranti, ecc., vincolando i gestori degli stessi a richiedere un’autorizzazione al questore e a identificare/tracciare tutti gli utenti che decidessero di usufruire della connessione.


Qualora il decreto di Maroni dovesse proseguire serenamente il suo iter legislativo (deve ancora essere approvato dalla Camera), dal 1° gennaio 2011 decadrà, dunque, la gran parte delle restrizioni appena enunciate. Tuttavia, non si può ancora parlare di liberalizzazione del Wi-Fi vera e propria.

Come sottolinea lo stesso Ministro leghista, da qui a dicembre saranno valutati “quali siano gli adeguati standard di sicurezza” da applicare alle connessioni a Internet pubbliche, che quindi qualche piccola restrizione potrebbero ancora prevederla.

Che stia per arrivare il momento di vedere un numero decente di connessioni Wi-Fi pubbliche anche nel nostro Paese (dove sono un quarto rispetto a quelle presenti nei principali Paesi europei)?

Non ci rimane che sperare.

[Via | Repubblica – Photo Credits | Seth Werkheiser]
Categorie: Internet
Tags: legge,  News,  roberto maroni,  wi-fi, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Decreto del Fare, nuove norme sul Wi-Fi meno incisive del previsto

Decreto del Fare, nuove norme sul Wi-Fi meno incisive del previsto

A quanto pare, avevamo cantato vittoria troppo in fretta. La versione finale del cosiddetto “Decreto del fare”, quella approvata dal Consiglio dei Ministri, è abbastanza diversa dalle bozze che erano […]

“Decreto del fare”, nuove liberalizzazioni per il Wi-Fi in Italia

“Decreto del fare”, nuove liberalizzazioni per il Wi-Fi in Italia

Negli ottanta punti del cosiddetto decreto del fare, con il quale il Governo Letta intende rilanciare l’economia italiana, sono incluse anche varie norme riguardanti il Wi-Fi pubblico. Una volta tanto, […]

WiFi Guard, uno scanner di rete che individua i device collegati senza consenso

WiFi Guard, uno scanner di rete che individua i device collegati senza consenso

Sfruttare una connessione Wi-Fi è sicuramente il miglior modo mediante cui collegare uno o più device ad internet. Per quanto comode possano essere le connessioni Wi-Fi possono però rivelarsi poco […]

AGCOM e censura Internet: tutti i dettagli sulle norme approvate

AGCOM e censura Internet: tutti i dettagli sulle norme approvate

Con il solo voto contrario di Nicola D’Angelo e l’astensione di Michele Lauria, l’AGCOM ha approvato all’unanimità le nuove norme in materia di copyright e siti Web. Come accennato ieri, […]

Wi-Fi Gratis a Venezia. Qualcosa si muove nel resto del Paese?

Wi-Fi Gratis a Venezia. Qualcosa si muove nel resto del Paese?

Anche se con qualche anno di ritardo, finalmente una città italiana si mette al passo con i tempi e con le principali capitali europee. È stato quasi un coro quello […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #15Lire

    ogni tanto qualcosa di buono vien fatto per noi internauti….speriamo bene!

    6 Nov 2010, 10:36 am Rispondi|Quota
  • #2Stefano_93

    era ora!!!

    6 Nov 2010, 3:14 pm Rispondi|Quota
  • #3VictorF

    oleee! Dove è adesso il vostro governo in crisi, eh?

    6 Nov 2010, 6:28 pm Rispondi|Quota
  • #4dani

    toglieranno solo l'obbligo di avviso del prefetto da parte di chi deve offrire il wi-fi poi rimarrà l'obbligo di identificazione tracciamento ecc ecc.. troppo comodo per chi è intelligente poter usare chat e voip tramite wi-fi sui cellulari e mandarsi email invece di sms senno…..

    6 Nov 2010, 6:33 pm Rispondi|Quota
  • #5folies

    Peccato che il consiglio dei ministri NON approvi alcuna legge… Disinformazione pure, questa su Geekissimo. 'gnurant! 🙁

    7 Nov 2010, 3:04 pm Rispondi|Quota