Geekissimo

Domini .xxx a ruba, più di 600.000 prenotazioni

 
Francesco Dipo (Dipoweb)
19 aprile 2011
2 commenti

Apre ufficialmente i battenti il nuovo angolo “caldo” del web dopo una disputa decennale di regolamentazione dedicata ai siti erotici con il dominio .xxx.

Infatti dallo scorso weekend è raggiungibile il tanto chiacchierato dominio .xxx.

I primi siti ad essere ospitati su tale dominio sono sex.xxx e porn.xxx, anche se al momento pur entrandoci non è presente nessun contenuto in quanto si tratta di due siti “pubblicitari” utilizzati per promuovere la vendita di nomi con dominio .xxx. L’operatore incaricato di gestire questo domini è l’ICM Registry, in passato citato in giudizio e costretto a regolare e ri-approvare i propri piani.

Come era prevedibile, non mancano le polemiche. La più forte opposizione ai domini .xxx viene dalle industrie a luci rosse. Il Free Speech Coalition, organizzazione professionale attiva nel settore, sostiene che sarà molto facile per i governi bloccare l’accesso ai siti web .xxx. Tra questi ci sono già l’India e l’Arabia Saudita che hanno già affermato di censurare questa tipologia di siti con dominio .xxx.

Secondo ICM Registry “i siti .xxx saranno gestiti in modo professionale che trasmetterà agli utenti maggiore fiducia e certezza“. Fino ad ora una cosa è certa, non mancano le prenotazioni… anzi!

I domini .xxx vanno a ruba, fino ad ora ne sono stati prenotati circa 600.000. Il costo per ogni singolo dominio è di 70 dollari, prezzo sette volte maggiore per un classico indirizzo .com (adottato attualmente da migliaia di webmaster di siti web erotici).

Ricordiamo che l’approvazione dei domini .xxx è arrivata recentemente, marzo 2011, dopo anni di litigi e serrati battibecchi.

[via – Telegraph]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Ricevere gratuitamente K-Ubuntu 9.10

Ricevere gratuitamente K-Ubuntu 9.10

Cari lettori di Geekissimo, come ben sapete Ubuntu e Kubuntu nella fattispecie, spopolano tra gli utenti che si avvicinano al mondo open source e gnu/linux. Succede anche che, chi di […]

Windows 7, chiave OEM in black list e versione E non disponibile

Windows 7, chiave OEM in black list e versione E non disponibile

Salve cari lettori di Geekissimo, oggi volevo segnalarvi una news per coloro che avessero installato Windows 7 RTM e lo avessero convalidato tramite la crack reperibile in rete per l’attivazione […]

Disponibili offline tutte le applicazioni di Google Docs

Disponibili offline tutte le applicazioni di Google Docs

Penso che tutti voi conosciate bene Google Docs, la suite di applicazioni fornite da Google, la cui peculiarità è di risiedere sul server Google ed essere lanciata da remoto, non […]

Flickr implementa la condivisione Video

Flickr implementa la condivisione Video

Se ne parlava ormai da più di un anno, finalmente il celebre sito di Photo-Sharing Flickr ha implementato la condivisione di video. La notizia è arrivata ieri, e ha colto […]

Microsoft “compra” Yahoo per sfidare Google

Microsoft “compra” Yahoo per sfidare Google

Questo matrimonio…s’ha da farsi, probabilmente l’avrete già letto, su qualche altro sito di news, ma noi di Geekissimo, abbiamo aspettato che passasse almeno una giornata, cosi da poter fare un […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1LoGnomo

    Ottimo, almeno i siti xxx saranno automaticamente bloccati dai genitori tramite programmi di controllo del figlio.

    19 Apr 2011, 2:10 pm Rispondi|Quota
    • #2Blog123

      Guarda che il "figlio" riesce comunque a scavalcare il blocco.
      Per evitare che i figli guardino materiale non adatto a loro bisogna insegnarglielo e fargli capire perché non si fa.

      20 Apr 2011, 10:30 am Rispondi|Quota