Geekissimo

Il punto sui servizi di hosting: FileServe blocca la condivisione dei file, VideoBB quasi morto, nasce AnonyUpload

 
Andrea Guida (@naqern)
24 gennaio 2012
4 commenti


L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Il giorno dopo la morte di FileSonic come servizio di condivisione, l’ambiente intorno ai servizi di hosting continua ad essere molto agitato ed altri siti si avviano verso la vecchia signora con la falce (che per loro è sempre meglio di quella con le manette). Gli ultimi della lista ad accommiatarsi dal proprio consueto pubblico sono stati FileServe, che ha seguito le orme di FileSonic trasformandosi in un hard disk online attraverso il quale è impossibile condividere file, e VideoBB che ha già cancellato dal suo database tutti i contenuti illegali e pare stia applicando anch’esso restrizioni agli upload.

Come abbiamo sottolineato ieri, queste misure non sono state imposte dall’alto. Sono delle precauzioni che i responsabili dei servizi di hosting stanno prendendo dopo la chiusura di Megaupload da parte dell’FBI, in gergo tecnico vengono definite fifa marcia di finire in galera fregandosene degli utenti, degli uploader che dovevano essere remunerati (non necessariamente per aver condiviso materiale illegale) e degli abbonati che avevano pagato un abbonamento annuale.


Al momento, fra i servizi di hosting più famosi rimangono in attività: RapidShare, MediaFire, zShare, Netload. FileJungle, HotFile, DepositFile, FileSend, MegaShare, BitShare ed UploadStation. Sul fronte dei video in streaming, i servizi ancora in vita sembrano essere: VideoWeed, MovShare, Videozer, NovaMov e Putlocker. Ripetiamo però che si tratta di una situazione in continua evoluzione e quindi molti di questi siti potrebbero alzare bandiera bianca entro pochissimo tempo.

Chi non alza bandiera bianca, nel frattempo, sono gli hacker attivisti di Anonymous che continuano la loro crociata contro le autorità americane e passano – almeno pare – al contrattacco lanciando i progetti Anonyupload.com ed Anonyvideo.com, due servizi non ancora funzionanti che dovrebbero permettere di condividere file e video liberamente in Rete usando delle infrastrutture situate in Russia (quindi fuori dalla giurisdizione americana).

I servizi potrebbero essere aperti al pubblico entro un paio di giorni ma, per ora, l’attendibilità delle due iniziative è tutta da confermare. Appena ne sapremo di più e/o ci sarà qualche altro importante avvenimento nel panorama dei servizi di hosting, vi faremo sapere.

Aggiornamento 10:45

Come volevasi dimostrare: AnonyUpload ed AnonyVideo non sono progetti supportati ufficialmente da Anonymous (Twitter), probabilmente si tratta solo di fake realizzati per guadagnare visibilità e soldi nel marasma di questi giorni. Grazie a Sarah e Mega per le segnalazioni.
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Megaupload, il Partito Pirata Catalano prepara una “class action” globale contro la chiusura del servizio

Megaupload, il Partito Pirata Catalano prepara una “class action” globale contro la chiusura del servizio

Come facilmente prevedibile, la chiusura di MegaUpload da parte dell’FBI ha lasciato interdetti milioni di utenti, utenti che ora sono molto arrabbiati e non fanno nulla per nasconderlo. Su Twitter, […]

Panico fra i servizi di hosting: FileSonic non permette più di condividere file, FileServe e VideoBB chiudono i rubinetti

Panico fra i servizi di hosting: FileSonic non permette più di condividere file, FileServe e VideoBB chiudono i rubinetti

Come in molti temevano, la chiusura di MegaUpload e MegaVideo da parte dell’FBI ha avuto serie ripercussioni anche sugli altri servizi di hosting rimasti online. Il tintinnio delle manette che […]

Alternative a Megaupload, le migliori 10

Alternative a Megaupload, le migliori 10

La chiusura di Megaupload da parte dell’FBI è uno di quegli avvenimenti che colpiscono l’immaginario collettivo della Rete come pochi altri. Migliaia di film, serie TV, giochi e software caricati […]

Megaupload: la chiusura dell’Fbi e la reazione di Anonymous

Megaupload: la chiusura dell’Fbi e la reazione di Anonymous

A circa 24 ore dall’inizio dello sciopero di internet, l’Fbi in collaborazione con il Dipartimento della Giustizia americano ha provveduto a procedere alla chiusura di Megaupload e di Megavideo, i […]

DebridMax, scaricare da Fileserve, Filesonic, Megaupload ecc. come utenti premium gratis

DebridMax, scaricare da Fileserve, Filesonic, Megaupload ecc. come utenti premium gratis

Il buon vecchio eMule ormai è stato sorpassato, le migliori alternative per scaricare film, musica e giochi gratis presenti attualmente sul Web sono i siti di hosting che permettono di effettuare […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1Sarah

    Anonymous ha appena twittato che Anonyupload.com è un fake… https://twitter.com/#!/YourAnonNews/status/161734720814723072

    24 Gen 2012, 10:27 am Rispondi|Quota
  • #2Mega

    Basta seguire gli account Twitter ufficiali per leggere che Anonyupload è uno scam fatto da qualcuno per guadagnarci dei soldi sopra come del resto il già pluri-smentito megaupload.bz

    https://twitter.com/#!/YourAnonNews/status/161734720814723072

    24 Gen 2012, 10:32 am Rispondi|Quota
  • #3M4ik

    Mi aggrego, uno di quelli a cui hanno rubato i soldi.

    24 Gen 2012, 10:38 am Rispondi|Quota
  • #4TheQ.

    4% di banda internet totale sparita in un giorno. 150 milioni di account (paganti) che si riversano da un sito ad altri in qualche giorno.
    Fatto storico da ricordare, mai successo in internet.

    L’FBI che ora ha un database con 150 milioni di dati di carte di credito di persone in tutto il mondo e relativi pagamenti
    ^_^”’

    24 Gen 2012, 1:50 pm Rispondi|Quota