leonardo.it

Google+ è davvero una città fantasma virtuale?

 
@Bugeisha (Martina Oliva)
29 febbraio 2012
7 commenti

A gennaio dell’anno corrente Google ha reso noto alla vasta utenza che Google+, il suo social network orami non più tanto “neo”, aveva raggiunto e superato i 90 milioni di utenti.

A tale dato è andato poi ad aggiungersi quello di un report di terze parti secondo cui, dopo poche settimane, Google+ avrebbe raggiungere i 100 milioni di utenti e che tale cifra sarebbe aumentata nel corso dei mesi successivi toccando i 400 milioni di iscritti entro la fine del 2012.

Un recente articolo apparso sul Wall Street Journal fa però sorgere qualche dubbio su quello che sarà l’effettivo futuro di Google+.

Infatti, basandosi sui dati forniti da comSore circa il tempo che l’intera utenza mondiale avrebbe trascorso impegnandosi nell’utilizzo dei social media nel periodo compreso tra settembre e dicembre 2011 (i dati in questione non tengono conto del traffico mobile) il Wall Street Journal ha dfinito Google+ come una ghost town, ovvero una città fantasma.


Analizzando i dati di comScore, in effetti, appare inevitabile notare che, ad esempio, se su Facebook gli utenti trascorrono, mediamente, 405 minuti al mese, su Pinterest 89 minuti, su Google+, invece, soltanto 3 minuti.

La situazione nella quale si trova Google+, nonostante il crescente numero di iscritti, non sembrerebbe quindi essere tra le migliori.

La delusione viene poi evidenziata anche da molti brand che avevano scommesso su Google+ tra cui Zynga, l’azienda produttrice di diversi social games di successo, come ad esempio CityVille, che, ad esempio, non ha voluto rivelare i dati eccessivamente bassi relativi a G+, ma anche Intel.

Un portavoce di Google, comunque, ha già fatto sapere che i dati raccolti e diffusi da comScore risultano notevolmente ben più bassi di quelli che, invece, sono stati registrati internamente da big G ma, almeno per il momento, il gran colosso di Mountain View non ha ancora reso visibili tali statistiche ai propri utenti.

Photo Credits | Flickr

Via | Neowin

Articoli Correlati
YARPP
Google migliora Maps e punta sulla modellazione in 3D delle città

Google migliora Maps e punta sulla modellazione in 3D delle città

Soltanto alcune ore addietro è stato possibile apprendere, stando a quanto reso noto dal Wall Street Journal, il fatto che Apple sia intenzionata a rendere disponibile sui suoi device, a […]

Google Plus Search, il motore di ricerca per Google+

Google Plus Search, il motore di ricerca per Google+

Il sito Daily Blog Tips ha segnalato un interessante servizio online dedicato a Google+. Si tratta di Google Plus Search, un vero e proprio motore di ricerca che permette di […]

Google+ raggiunge i 25 milioni di utenti

Google+ raggiunge i 25 milioni di utenti

Nemmeno due settimane dopo aver annunciato che Google+ aveva raggiunto i 20 milioni di utenti, la società di statistiche e ricerche di marketing ComScore ha certificato il raggiungimento di un […]

Google+ raggiunge i 20 milioni di utenti e si prepara a lanciare i giochi

Google+ raggiunge i 20 milioni di utenti e si prepara a lanciare i giochi

Appena una decina di giorni fa, gli utenti di Google+ erano 4.5 milioni. Oggi, a poco meno di un mese dal lancio ufficiale del servizio, il social network di Google […]

Google si trasforma in una libreria virtuale

Google si trasforma in una libreria virtuale

Google potrebbe iniziare a vendere eBook entro la fine di quest’anno. La cosa interessante però deriva dal fatto che bigG non ha nessuna intenzione di rilasciare questi libri nel vecchio […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Maurizio

    Google non ha fatto i conti con una cosa fondamentale, la pigrizia dell’utente medio.
    Ormai quasi tutti hanno un account su FB e fintanto che G+ farà le stesse cose(anche se non è del tutto vero), per quanto siano di qualità maggiore si troveranno a dover fare i conti con il “ma chi me lo fa fare se tanto ho già facebook?” degli utenti.

    Inoltre hanno sbagliato un paio di cose fondamentali al lancio:
    1) L’apertura del servizio è passata da beta su invito a servizio a pieno regime senza che nessuno lo sapesse o si sia accorto della differenza.
    Se ci fosse stata una differenziazione netta e ben pensata, probabilmente quelli seguenti non sarebbero esistiti in quanto semplici problemi di messa a punto.
    2) Il meccanismo di inviti era pensato male e gestito peggio
    3) L’impossibilità iniziale di creare pagine
    4) La mancanza di un tastino da mettere sul proprio sito o blog che condividesse direttamente i contenuti sul proprio account g+(addirittura da YT)

    29 feb 2012, 3:17 pm Rispondi|Quota
  • #2Vincenzo La Rosa

    All’inizio penso che sia una cosa normale… :) anche se ormai il social network di big g ha un po di mesi… staremo a vedere l’evoluzione del tutto :)

    29 feb 2012, 5:55 pm Rispondi|Quota
  • #3theq.

    ma è fantastico blog, forum e chat non erano social network… google+ e facebook sono social network… perchè hanno i giochini flash assieme ad un motore di ricerca per persone basato su nome cognome e località
    ;)

    siamo al delirio

    29 feb 2012, 9:33 pm Rispondi|Quota
  • #4Luca

    Tanto ora accorpano gli account di youtube, se non vado errato, e le cifre schizzeranno in alto.

    29 feb 2012, 10:41 pm Rispondi|Quota
  • #5Mike

    Io l’ho abbandonato subito. Già faccio fatica a stare su FB e Tw, figuriamoci g+ che all’inizio non si capiva molto bene qualche caratteristica …

    1 mar 2012, 1:54 am Rispondi|Quota
  • #6Michele

    La domanda è: perché devo cambiare? Già passare da Live di Microsoft fu, per me, una sofferenza. Tutte le foto pubblicate che oramai restano là non più viste da nessuno. Ora, dopo aver popolato la mia pagina fb, perché cambiare ancora?

    Tra l’altro, G+ è difficile da capire.
    Non capisco chi mi è già amico, chi mi viene proposto ma ancora non può vedermi e chi può vedere e cosa. Per esempio, quando pubblico una foto tramite cellulare non capisco chi può vederla.

    1 mar 2012, 11:30 am Rispondi|Quota
  • #7Andrea

    secondo me è ancora troppo complicato per l’utente medio di facebook.. Io apsetterei, le potenzialità di G+ sono a lungo e lungissimo termine.

    1 mar 2012, 12:47 pm Rispondi|Quota