Geekissimo

Microsoft: sotto accusa per corruzione, coinvolta anche l’Italia

 
Martina Oliva
21 marzo 2013
0 commenti

Microsoft accuse corruzione italia, cina e romania

La notizia è stata data in primis dal Wall Street Journal e poi ha iniziato ad essere diffusa a tutta forza dai media nelle ore successive: le autorità federali a stelle e strisce, il Dipartimento di Giustizia (DoJ) con la Securities and Exchange Commission (SEC), hanno cominciato ad indagare su possibili tangenti pagate da Microsoft a funzionari governativi stranieri in cambio della sottoscrizione di contratti software.

Tra i paesi al centro dei casi di corruzione vi sarebbero, sempre attenendosi a quanto riportato dal WSJ, Italia, Romania e Cina.

Nel caso specifico dell’Italia viaggi e regali sarebbero stati il mezzo principale sfruttato da Microsoft per ottenere facilmente gli appalti governativi.

Per il momento non sono stai fatti nomi e neppure ipotesi ma le accuse riguardano direttamente l’estensione nazionale del gruppo.

Non risultano disponibili neppure date esatte ragion per cui non è ancora chiaro se la vicenda in questione faccia riferimento al periodo in cui alla guida di Microsoft Italia c’era Pietro Scott Jovane o, in tempi più recenti, a Carlo Purassanta.

Nell’attesa di ulteriori dettagli da parte delle autorità Microsoft ha pubblicato un post firmato da John Frank, Vice President & Deputy General Counsel, nel quale viene ricordato come accuse di questo tipo vengano formulate con una certa frequenza in ogni parte del mondo considerando la grande estensione della multinazionale.

Nel post viene poi sottolineato che l’azienda terrà in seria considerazione tali accuse promettendo inoltre la piena collaborazione.

Microsoft, quindi, ha intenzione di mettere in atto specifici approfondimenti assicurando l’esecuzione di eventuali azioni appropriate nel caso ci emergano comportamenti contrari all’azienda e, naturalmente, a quelle dei territori in cui opera.

Quel che tuttavia rischia Microsoft non è tanto il pagamento di specifiche sanzioni bensì un ingente danno d’immagine che metterebbe in serie discussione l’intera multinazionale ed il suo operato.

Frattanto, comunque, in Cina, dove l’accusa ha avuto origine da un ex dipendente della redmondiana, la questione sarebbe già stata approfondita da responsabili esterni.

 

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Hacker, gli attacchi agli Stati Uniti partono dalla Cina

Hacker, gli attacchi agli Stati Uniti partono dalla Cina

Il quartier generale della maggior parte delle attività di hacking contro istituzioni, organizzazioni, aziende e media a stelle e strisce che hanno avuto luogo nel corso delle ultime settimane è […]

Amazon, rimborsi in arrivo per gli utenti vittima del cartello degli ebook

Amazon, rimborsi in arrivo per gli utenti vittima del cartello degli ebook

In seguito all’indagine condotta, non molto tempo addietro, dal Dipartimento di Giustizia staunitense e conseguenzialmente alle varie grane emerse facenti riferimento agli editori è ora giunto il momento di mettere […]

Google nel mirino dell’Antitrust USA: abuso di posizione dominante nel search

Google nel mirino dell’Antitrust USA: abuso di posizione dominante nel search

La Federal Trade Commission (FTC) pare stia decidendo, a maggioranza, di mettere Google alle strette ed il motivo, stando alle ultime notizie al momento disponibili fornite da fonti interne alla […]

Huawei e ZTE sono un rischio per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti

Huawei e ZTE sono un rischio per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti

Huawei e ZTE, i colossi cinesi in fatto di telecomunicazioni, potrebbero presto essere tagliati fuori dal mercato statunitense poiché, stando a quanto reso noto nel corso delle ultime ore, la […]

Pirateria, i nuovi numeri di BSA

Pirateria, i nuovi numeri di BSA

I dati facenti riferimento al più recente rapporto BSA (Business Software Alliance)  che sono stati resi noti proprio nel corso delle ultime ore mettono in evidenza una situazione italiana che, ancora […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento