Geekissimo

Google diventa un po’ più veloce su Android

 
Andrea Guida (@naqern)
10 dicembre 2014
0 commenti

Avete uno smartphone Android e le ricerche su Google vi sembrano un po’ più veloci rispetto a qualche giorno fa? Forse non è solo un’impressione. Se utilizzate Chrome come browser potreste essere fra i primi utenti a trarre vantaggio dalla nuova tecnologia Reactive Prefetch.

Chrome Prefetch

Il prefetching reattivo, secondo quanto spiegato dallo sviluppatore Google Ilya Grigorik su Google Plus, funziona in modo da suggerire al browser quali contenuti caricare in background in base a quelle che sono le azioni dell’utente.

Quando cliccate su uno dei risultati della ricerca, il browser comincia a caricare la pagina di destinazione… e qui avviene la magia: al browser viene fornita un’indicazione anche su altre risorse critiche da caricare in parallelo per velocizzare il rendering delle pagine.
L’intuizione fondamentale di questa tecnologia è che non si vanno a scaricare risorse inutili, aspettiamo che l’utente faccia click su un link e ci dica esattamente dov’è diretto, così comunichiamo al browser le altre risorse da caricare in parallelo.

Il guadagno in termini di tempo portato dal Reactive Prefetch è quantificato in 100–150 millisecondi per ogni pagina. Non ci cambierà la vita, ma è una novità sicuramente interessante, soprattutto in ottica futura.

Attualmente, infatti, questo sistema è disponibile solo per gli utenti di Android che utilizzano Chrome ma presto – grazie alle specifiche dello standard Resource Hints – dovrebbe essere esteso ad altri programmi di navigazione.

Chi vuole approfondire l’argomento può leggere il post di Google+ che abbiamo linkato qualche riga più su e le specifiche di Resource Hints pubblicate sul sito del consorzio W3C.

[Gigaom] [Photo Credits | Bloomua / Shutterstock.com]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Da subito l’aggiornamento Oreo su OnePlus 3 e 3T: i dettagli ufficializzati

Da subito l’aggiornamento Oreo su OnePlus 3 e 3T: i dettagli ufficializzati

Da subito l’aggiornamento Oreo su OnePlus 3 e 3T, visto che ora possiamo analizzare nel dettaglio tutti i dettagli ufficializzati. Scopriamoli più da vicino

SpecCheck, confrontare le caratteristiche tecniche degli smartphone su Android

SpecCheck, confrontare le caratteristiche tecniche degli smartphone su Android

Siete in procinto di cambiare il vostro vecchio smartphone ma siete ancora indecisi su quale terminale acquistare? Allora potrebbe tornarvi utile SpecCheck, un’ottima applicazione gratuita per Android che permette di […]

Opera, disponibile la versione Android basata su WebKit

Opera, disponibile la versione Android basata su WebKit

Opera Software ha rilasciato la prima versione del suo browser equipaggiata con il motore WebKit, l’engine che anima già Safari e Chrome. Però non si tratta della versione desktop del […]

Windows Phone 7 vende poco, Android guadagna, Nokia perde

Windows Phone 7 vende poco, Android guadagna, Nokia perde

Windows Phone è stato finora una flop? Secondo le dichiarazioni di Elad Murtazin, blogger molto famoso nel panorama mobile, il sistema operativo di casa Microsoft ha venduto 674.000 unità, nonostante […]

Il vero rivale dell’iPad è marchiato Android

Il vero rivale dell’iPad è marchiato Android

Mentre tutti si perdono dietro le novità del nuovo iPhone OS 4.0 presentate lo scorso Giovedì da Steve Jobs, oggi noi torniamo ad affrontare l’argomento iPad, l’ultimo prodotto di casa […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento