Geekissimo

Nexar, l’app per la guida responsabile

 
Martina Oliva
4 ottobre 2015
0 commenti

La sicurezza alla guida rappresenta senza ombra di dubbio una questione di particolare rilevanza, specie oggigiorno considerando le mille distrazioni a cui si è continuamente soggetti.

Immagine che mostra il funzionamento di Nexar

Consapevole della cosa e fiducioso di poter migliorare il più possibile la situazione mettendo in piedi una rete di guidatori responsabili Eran Shir, ex direttore del centro innovazione e creazione di Yahoo Israel, ha co-fondato Nexar insieme al suo ex superiore Bruno Fernandez-Ruiz.

Lanciata lo scorso maggio a Tel Aviv e Los Angeles, Nexar è un’app che mira a prevenire i comportamenti pericolosi alla guida al fine di evitare potenziali incidenti. L’applicazione, che attualmente ha già raccolto più di 4 milioni di dollari, agisce propinando un segnale audio alla community in risposta all’impazienza, agli insulti, alla paura e all’aggressività che speso accompagnano i colpi di clacson.

Per sfruttare Nexar è sufficiente effettuarne l’installazione sullo smartphone. L’app si collega automaticamente al cruscotto dell’auto senza alcun hardware ed utilizza i sensori in dotazione sul dispositivo per rilevare posizione, direzione e velocità della vettura.

Con il retro della fotocamera dello smartphone Nexar va inoltre a registrare il movimento del veicolo, identifica le auto vicine ed il loro movimento. In caso di anomalie Nexar invia inoltre un segnale audio ed un messaggio al conducente che a sua volte può scegliere o meno di avvisare gli altri utenti.

Nel caso in cui il conducente allertato dal comportamento errato di un altro conferma la colpa Nexar va poi a catturare in modo automatico un video di circa 20 secondi prima dell’episodio e 10 secondi dopo ed invia le informazioni in cloud. In tal modo, in caso di lite, il conducente può verificare agevolmente i fatti.

Nexar è uno dei tanti frutti del clima di innovazione che si respira in Israele, che non a caso è considerata una vera e propria start-up-nation per il gran numero di aziende innovative presenti sul territorio.
Tutte le più recenti innovazioni e nuove tecnologie frutto del clima favorevole che si respira nel Paese sono in mostra a Expo Milano 2015 dove la start-up nation è presente con il padiglione di Israele.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Microsoft potrebbe acquisire l’israeliana Secure Island

Microsoft potrebbe acquisire l’israeliana Secure Island

Microsoft continua a puntare sulle startup israeliane ed in particolar modo sul fronte sicurezza informatica. Evidente dimostrazione di ciò è la notizia, emersa nei giorni scorsi, secondo cui l’azienda di Redmond […]

Mul-T-Lock, in arrivo serrature intelligenti gestibili da mobile

Mul-T-Lock, in arrivo serrature intelligenti gestibili da mobile

La casa del futuro, è ormai assodato, è totalmente smart. Le innovazioni degli ultimi tempi ne sono stata la più evidente dimostrazione e la sfida lanciata da Mul-T-Lock non è […]

Microsoft ha acquisito la startup israeliana Adallom

Microsoft ha acquisito la startup israeliana Adallom

Adallom è una startup israeliana salita agli onori della cronaca a dicembre del 2013 per aver dimostrato di essere in grado di entrare nel sistema di sicurezza di Office365 di […]

IsItYou, i selfie sostituiscono le password

IsItYou, i selfie sostituiscono le password

Le password rappresentano un elemento imprescindibile per garantirsi e per garantire la riservatezza dei dati considerati sensibili. Tuttavia sono in tanti coloro che non amano dover ricorrere all’impiego delle password, specie […]

Expo 2015, Israele e la Conferenza di Tel Aviv Smart City

Expo 2015, Israele e la Conferenza di Tel Aviv Smart City

Il giorno giovedì 4 giugno 2015 la città di Tel Aviv-Yafo è arrivata a Milano con la Conferenza di Tel Aviv Smart City al Padiglione d’Israele a Expo 2015. La […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento