Geekissimo

Microsoft aprirà parte dei suoi prodotti. Ma c’è molta cautela

 
Daniele Semeraro ([email protected])
23 Febbraio 2008
3 commenti
Microsoft

Microsoft, in un cambio radicale di strategia, ha annunciato un’apertura dei propri prodotti nei confronti degli utenti esterni. Un’apertura molto importante, che porta con sé, potenzialmente, una vera rivoluzione nell’industria del software, anche se – dobbiamo ammetterlo – le prime reazioni sono tutte molto prudenti.

Il gigante basa la propria iniziativa su quattro pilastri: creare “connessioni aperte” ai propri prodotti principali (e in modo particolare ad Office), promuovere la portabilità dei dati, aumentare il supporto per gli standard industriali e aprirsi a un rapporto più aperto con i clienti, con l’industria e con le comunità di sviluppatori/utilizzatori open-source. Una decisione che viene dall’esigenza di molti utenti di lavorare con sistemi più aperti, interoperabili, trasparenti e flessibili.


Microsoft è visto da molti analisti come il predatore più feroce nella giungla del software, per questo sono tutti un po’ scettici nei confronti di un radicale cambiamento nel suo comportamento. “Abbiamo sentito discorsi del genere da parte di Microsoft molte volte negli ultimi anni – spiega Thomas Vinje, consigliere dell’European Committee for Interoperatibility Systems (al quale fanno capo, per citarne alcune, Ibm, Oracle, Sun e Adobe) – ma fino ad ora non abbiamo visto nessun cambiamento nel suo modo di comportarsi sul mercato”.

La Commissione Europea ha spiegato che “prenderà nota” delle decisioni del gigante del software e che s’impegnerà a verificare se i principi annunciati saranno messi in pratica. Tutto questo scetticismo è spiegabile guardando indietro nel tempo: la politica di Microsoft, infatti, è sempre stata quella di sviluppare applicazioni “proprietarie” e tentare di imporle sul mercato sfruttando il dominio del sistema operativo Windows e imponendo i propri standard nel salvataggio dei files. Staremo a vedere: sicuramente – a mio avviso – quella di Microsoft sembra davvero essere una svolta intelligente. Perché non dare un po’ di fiducia?

Via | El Mundo
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Dopo due anni è disponibile la beta di OpenOffice 3. Ecco la nostra recensione

Dopo due anni è disponibile la beta di OpenOffice 3. Ecco la nostra recensione

Sono passati ormai due anni dalla prima relase di OpenOffice 2; oggi la suite da ufficio gratuita più famosa che ci sia ritorna con la beta della versione 3 e […]

Come avere i font di Windows Vista su XP in modo legale

Come avere i font di Windows Vista su XP in modo legale

Lo so, in molti staranno pensando che avere i font (ovvero i caratteri di scrittura) di Windows Vista su XP sia un giochetto da ragazzi: basta scaricarsi un qualsiasi visual […]

10 ottimi strumenti per sincronizzare qualsiasi tipo di informazione tra diversi dispositivi

10 ottimi strumenti per sincronizzare qualsiasi tipo di informazione tra diversi dispositivi

Anche chi non è propriamente geek conosce l’importanza e l’utilità di avere i propri dati sincronizzati tra diversi dispositivi. Dal PC di casa al portatile che si usa al lavoro, […]

6 ottime alternative gratuite alla funzione Alt+Tab di Windows

6 ottime alternative gratuite alla funzione Alt+Tab di Windows

La funzione Alt+Tab di Windows, nota anche come task switcher, insieme al copia e incolla, è sicuramente una tra le più utilizzate nel sistema operativo di casa Microsoft. Tralasciando il […]

Tutte le alternative per Linux ai migliori software per Windows

Tutte le alternative per Linux ai migliori software per Windows

Ormai anche chi non è un vero geek incallito conosce (almeno per sentito dire) Linux ed il mondo del software libero. Il passare degli anni e la sempre più larga […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Micheluzzo

    Sì anche secondo me… ben venga questa decisione di M$… e speriamo che non sia solo una decisione di facciata, ma una cosa vera.

    23 Feb 2008, 10:12 am Rispondi|Quota
  • #2Daniele

    Non saprei…spero che la Microsoft faccia davvero quello che dice, ma essere scettici è d’obbligo visti i trascorsi. Il lupo perde il pelo…

    23 Feb 2008, 12:15 pm Rispondi|Quota
  • #3Fulgidus

    Caspita che cambiamento!
    Ma siamo sicuri?
    No, perchè quella faccia da tonno al centro nella foto ha sputato su ogni innovazione degli ultimi dieci anni (che sono un’era nella tecnologia informatica)…

    Tra l’altro, come diavolo si chiama che me lo scordo sempre?

    23 Feb 2008, 10:05 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Microsoft aprirà parte dei suoi prodotti. Ma c’è molta cautela
  2. Microsoft, una nuova stangata da parte dell’Unione Europea: 899 milioni di euro di multa - Geekissimo