Geekissimo

Nell’era dell’eBook… la libreria non è più nostra

 
Daniele Semeraro ([email protected])
25 Marzo 2008
2 commenti
Libreria

I colleghi di BoingBoing e di Gizmodo durante gli ultimi giorni hanno discusso della proprietà “fisica” degli eBook, i libri elettronici che se da noi non sono ancora diffusissimi, sicuramente negli ultimi mesi stanno spopolando negli Stati Uniti, grazie anche ad alcuni lettori come Kindle e Sony Reader. In pratica, ci si chiede, perché i grandi negozi online da cui si acquistano questi eBook danno agli utenti le licenze invece di vendere interamente i libri?

In effetti, se ci pensiamo un attimo, i libri “normali” che compriamo in libreria possono essere prestati, rivenduti, regalati… In questo caso, invece, per proteggere la proprietà intellettuale le grandi società editoriali rendono vietata la copia o il prestito a un’altra persona.


Amazon e Sony, due tra i più importanti fornitori, spiegano che quando si acquista un libro elettronico si ottiene una licenza… il che significa che “si paga per utilizzarlo, non per averlo”. Certo, aggiungono, cercando di convincere gli utenti, la licenza per leggere il libro è illimitata. Resta però il fatto che il libro non si può rivendere. Quindi è come se non fosse interamente nostro.

Ovviamente non sappiamo come andrà a finire la questione, perché sicuramente fioccheranno cause su cause una volta che gli eBook diventeranno molto famosi. Però, rassicurano alcuni esperti di diritto, “anche se un editore la chiama licenza, se la transazione appare come una vendita, gli utenti hanno il diritto di rivendersi la copia per conto proprio”. Staremo a vedere.

Si ringrazia l’utente chotda di Flickr per l’immagine
Via | BoingBoing
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Amazon apre la sua prima libreria fisica

Amazon apre la sua prima libreria fisica

Amazon ha dato il via alla sua attività online come rivenditore di libri, questo è risaputo da tutti, o quasi. Adesso, dopo circa 20 anni di successi nel mondo del […]

BiblioTech, aperta la prima biblioteca di soli ebook

BiblioTech, aperta la prima biblioteca di soli ebook

Già da qualche anno a questa parte gli ebook o, per dirla alla nostrana, i libri digitali, stanno riscuotendo una buona dose di successo tra l’utenza, dapprima in terra a […]

Yudu Library, centinaia di libri gratuiti da sfogliare online

Yudu Library, centinaia di libri gratuiti da sfogliare online

Nonostante la capillare diffusione di Internet, che ne ha fatto la fonte primaria per cercare informazioni, le care vecchie biblioteche e i tradizionali libri cartacei continuano a riscuotere un grande […]

Kindle 2, il vero futuro dell’ebook

Kindle 2, il vero futuro dell’ebook

Quando poco più di un anno fa Amazon lanciò Kindle non si sarebbe mai immaginata un successo così straordinario, 240mila lettori venduti nei primi 9 mesi di vita danno un’idea […]

Secondo una ricerca i cosiddetti “giovani” sarebbero “molto felici” di pagare per scaricare musica legalmente

Secondo una ricerca i cosiddetti “giovani” sarebbero “molto felici” di pagare per scaricare musica legalmente

Premesso che io odio la parola “giovani”, oggi parliamo di una statistica inglese che farà molto parlare di sé e di conseguenza discutere: da un sondaggio fatto tra ragazzi e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1billgoldberg

    beh probabilmente rivendere la copia originale dovrebbe essere permesso ma duplicarla è come fare le fotocopie di un libro.
    il problema maggiore è riuscire a dare la possibilità all’utente di poter vendere solo l’originale e proibirgli di fare delle copie per rivenderle

    25 Mar 2008, 9:22 am Rispondi|Quota
  • #2Antonio Tombolini

    Polemica vecchia, che si basa su un equivoco: il libro non è il tot di carta che mi porto a spasso (l’oggetto fisico), ma è *il suo contenuto*, ovvero ciò che leggo. Da questo punto di vista, come dice Doctorow, finché non possiedi l’ebook non possiedi pienamente il book, perché solo la versione digitale ti consente di fruire del libro (il contenuto) in mille modi e in mille piattaforme diverse, e di condividerlo (che è molto più che “regalare” il pezzo di carta, col risultato che io non ce l’ho più!).
    Tutto il resto (licenza, non licenza, possesso…) sono disquisizioni inutili e astratte, che usano vecchi concetti per cose nuove che non sanno che farsene. Dimostrazione? Possediamo (e allo stesso tempo *condividiamo*) più musica oggi (in digitale) o ieri (in vinile/cd/ecc…)? Ovviamente oggi. Ma è perché abbiamo capito che una cosa è “il disco” (il supporto) una cosa è “la musica” (il contenuto). Per il libro dobbiamo ancora capirlo… ma lo capiremo 🙂

    26 Mar 2008, 5:33 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Nell’era dell’eBook… la libreria non è più nostra