Geekissimo

eBay cambia la politica sui download digitali

 
Daniele Semeraro ([email protected])
5 Aprile 2008
3 commenti

Cambia la politica di eBay nei confronti della vendita di beni digitali. Per beni digitali s’intendono tutti quei beni che possono essere scambiati da computer a computer e che non possiamo effettivamente toccare con mano (ad esempio, una licenza di uso di un software o un file musicale mp3, tanto per intenderci). Invece di scambiarsi questi beni tramite normali aste, da ora in poi bisognerà utilizzare la formula “30-day classified ads” (annunci pubblicitari di trenta giorni) dal costo di 9,95 dollari.

La novità, annunciata nel blog di eBay, è stata decisa per evitare che venditori aumentino artificialmente il proprio feedback vendendo migliaia di identici file musicali per magari pochi centesimi. In questo caso, invece, nella categoria degli annunci non è prevista alcuna sorta di feedback. In effetti, i download digitali non hanno costi di consegna, e una volta prodotti si possono rivendere infinite volte, dando quindi la possibilità al venditore di “fregare” il sistema dei feedback in un modo praticamente legale.


Attualmente, dunque, sarà possibile continuare a vendere beni digitali solamente se inseriti all’interno di un cd o di una pennetta Usb. Se, invece, si darà la possibilità all’acquirente di scaricare il bene che gli vogliamo vendere, allora si sarà fuori dalle nuove regole di eBay. Al momento ci sono ancora numerose aste di questo tipo in corso, e probabilmente ci vorrà qualche giorno affinché la nuova regola abbia effetto.

Probabilmente la sezione degli annunci economici non è la migliore per vendere i beni digitali, e magari eBay avrebbe dovuto pensare a una sezione apposita. Penso, inoltre, (ma – lo dico subito – non ho in mente alcuna soluzione) che non è nemmeno giusto che persone “per bene” che vogliano vendere beni digitali una sola volta non debbano ottenere alcun feedback per i loro sforzi. Che ne dite? A voi è mai capitato di comprare o vendere beni del genere? E come vi siete trovati?

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
eBay dovrà pagare 20mila euro di risarcimento alla Hermes. Un pericoloso precedente, che pone la società d’aste a rischio chiusura!

eBay dovrà pagare 20mila euro di risarcimento alla Hermes. Un pericoloso precedente, che pone la società d’aste a rischio chiusura!

Ancora problemi per eBay, che per l’ennesima volta si trova a dover pagare una multa per il comportamento scorretto dei propri utenti. Questa volta siamo in Francia: un tribunale d’oltralpe […]

La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

Viacom-YouTube, la causa giudiziaria miliardaria che spaventa il Web

Viacom-YouTube, la causa giudiziaria miliardaria che spaventa il Web

Sta suscitando enormi polemiche la causa miliardaria che Viacom ha intentato contro YouTube “per non essere stata capace di tenere fuori dal popolare sito di video-sharing i materiali protetti da […]

eBay, arrestato un famoso truffatore italiano. E tu, come ti difendi?

eBay, arrestato un famoso truffatore italiano. E tu, come ti difendi?

Come in tutte le “piazze” che si rispettino, anche su eBay iniziano a diffondersi i grandi truffatori. Coloro, cioè, che cercano di inflazionare il prezzo degli oggetti in vendita oppure, […]

Come “adescare” i pedofili? Con falsi link

Come “adescare” i pedofili? Con falsi link

Qual è il metodo più semplice per acciuffare i pedofili, se non quello di “fregarli” con la loro stessa arma? È quello che sta facendo, con molto successo, in questi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Micheluzzo

    Mah, non so che dire… effettivamente la ragione ce l’hanno tutti. eBay che non vuole che gente senza scrupoli accresca il proprio feedback con false transazioni di beni digitali… ma non è nemmeno giusto che una persona per bene che vuole vendere un bene digitale non deve ricevere il giusto feedback. Sbagliato fare di tutta l’erba un fascio.

    Saluti.

    5 Apr 2008, 10:11 am Rispondi|Quota
  • #2AndreaPalmieri

    Io sono stato uno di quei furbacchioni…ho venduto circa 150 foto a 0.20$…

    Dopo un pò di tempo mi hanno bannato per una settimana, ora sono di nuovo dentro ;-p

    27 Apr 2008, 5:09 pm Rispondi|Quota
  • #3alex

    A me hanno bannato solo perche’ ho venduto un ebook e non avevo letto sta nuova legge di ebay …. Secondo me è una cosa ingiusta io avevo molti ebook da vendere tutti miei ma ebay mi ha tolto tale opportunità ….
    Per non parlare di fare dei cd : calcolando il costo di un cd pari a 1 euro , spedizioni 5 euro , un utente si deve trovare di fronte anziche spendere 5 euro per un ebook , deve spenderne 11 per lo stesso identico ebook !!!!!

    6 Giu 2008, 6:33 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. eBay cambia la politica sui download digitali