Geekissimo

La Russia richiederà una registrazione per utilizzare le linee wi-fi

 
Daniele Semeraro ([email protected])
22 Aprile 2008
1 commento
RussiaWifi

Brutte notizie per chi, per lavoro o piacere, si reca in Russia e porta con sé il proprio computer portatile o telefonino in grado di collegarsi alle reti Wi-Fi. Secondo la nuova agenzia governativa Rossvyazokhrankultura (“servizio russo per la protezione culturale, i mass media e le comunicazioni”) chiunque vorrà creare una linea Wi-Fi (in casa come in un café) dovrà registrare il proprio hot-spot.

Non è tutto: gli utenti devono registrare ogni apparecchio elettronico che utilizza le frequenze delle comunicazioni Wi-Fi; quindi non solo dovranno essere registrati i modem e i router, ma anche tutti i computer, i Pda e gli smartphone che entrano nel paese. La registrazione permetterà l’utilizzo dell’apparecchio solo all’utente che ne farà richiesta.


La registrazione di ogni apparecchio personale dovrebbe essere evasa in circa dieci giorni lavorativi (incredibile!) ma la registrazione di un hotspot (incluse le reti domestiche come quelle che abbiamo a casa tutti noi) sarà più complicata e richiederà la presentazione di alcuni documenti e di non meglio dichiarate “certificazioni tecnologiche”. Se, poi, la rete si trova a Mosca o San Pietroburgo, ci vorrà anche un’ulteriore approvazione da parte di due agenzie federali.

Le regole sono state introdotte, spiegano da Rossvyazokhrankultura, non per limitare la connessione a internet degli utenti e degli stranieri (speriamo!) ma piuttosto per rinforzare la lotta alla criminalità informatica e migliorare l’immagine della Russia: secondo Sophos il paese è una superpotenza dello spam, seconda solo agli Stati Uniti, ma anche patria di virus e malware. Una sola domanda: chi controllerà se l’apparecchio col quale ci stiamo collegando a internet magari dall’albergo in cui ci troviamo è regolarmente registrato all’ente governativo?

Via | Slashdot
Categorie: Censura
Tags: Censura,  Russia,  tecnologia,  wi-fi, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Microsoft sostiene Pirate Pay per combattere la pirateria su BitTorrent

Microsoft sostiene Pirate Pay per combattere la pirateria su BitTorrent

Le major del mondo del cinema e di quello della musica d’ora in avanti dormiranno sonni più tranquilli potendo contare su un nuovo alleato per contrastare la pirateria su internet […]

Le proteste in Iran viste dal web

Le proteste in Iran viste dal web

Su Geekissimo spesso si parla di censura web, effettuata da parte di regimi democratici o regimi dittatoriali. Un regime poggia gran parte del suo potere su violenza, repressione e, soprattutto, […]

Wikipedia atto secondo (ed ultimo)

Wikipedia atto secondo (ed ultimo)

Siamo al secondo atto di una diatriba che vede sei importanti provider britannici contrapporsi a Wikipedia, accusata, come vi abbiamo raccontato, di diffondere pedopornografia. Dopo la controversa inclusione di Wikipedia […]

La censura cinese sferra il colpo più duro contro i video online

La censura cinese sferra il colpo più duro contro i video online

La Cina, purtroppo, torna a far parlare di sé sull’argomento della censura online e sul diritto di parola. Una nuova legge emanata dal ministero dell’Informazione che entrerà in vigore il […]

Twitter “bannato” negli Emirati Arabi Uniti

Twitter “bannato” negli Emirati Arabi Uniti

Twitter? È un fenomeno talmente in ascesa che ormai è entrato a far parte dei siti e dei servizi Web temuti dai governi che limitano la libertà di opinione. Gli […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Micheluzzo

    Non vorrei fare il solito disfattista, ma secondo me questa legge è fatta APPOSTA per limitare l’uso delle connessioni wi-fi… e quindi mi sembra una sorta di censura. Non siete d’accordo?

    Tra l’altro – è molto che vorrei farlo – colgo l’occasione per farvi i complimenti perché da qualche tempo avete ogni giorno sempre un paio di notizie “diverse” dagli altri siti e molto interessanti, che fanno discutere e riflettere. Quindi grande Geekissimo!

    22 Apr 2008, 9:56 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. La Russia richiederà una registrazione per utilizzare le linee wi-fi