Geekissimo

Internet e sicurezza, ecco la prossima generazione dei CAPTCHA

 
Daniele Semeraro ([email protected])
25 Aprile 2008
5 commenti
New_captcha

I sistemi automatizzati riescono in maniera sempre più semplice a decifrare i CAPTCHA (cioè quei piccoli indovinelli – letterali o matematici – che si propongono all’utente prima di postare su un sito o di iscriversi a un servizio, per dimostrare effettivamente che davanti al computer c’è un essere umano). Il fatto è che la tecnologia avanza per tutti, e gli sforzi fatti dagli esperti in sicurezza vengono puntualmente vanificati dagli sforzi dei cracker per bucarli.

I ricercatori della Penn State University hanno sviluppato un CAPTCHA di ultima generazione, che stanno per brevettare, basato sull’intelligenza dell’utente, al quale viene proposto in due step di riconoscere – nel primo – il centro geometrico di un’immagine contenuta all’interno di un’altra immagine, e nel secondo di scegliere tra una lista di nomi quello che più si avvicina a un’immagine distorta che viene proposta. Le immagini sono state sviluppate per essere – al momento – difficilmente riconoscibili da un computer, perché sono basate su una sequenza di colori, texture e forme completamente casuale.


È possibile avere già un esempio del comportamento del nuovo CAPTCHA, che si avvale di due passaggi. Nel primo passaggio all’utente è richiesto di fare click al centro di un’immagine presente in un’altra immagine, in questo caso (come vedete anche nella foto in alto) bisognerà fare click più o meno al centro del cartello “Speed limit 15”. Una volta passato il primo test, all’utente è richiesto di decifrare un’immagine distorta (ma che comunque l’immaginazione e l’occhio umano comprendono all’istante) e di scegliere il termine più adatto tra una lunga lista di oggetti; nell’esempio che ho provato io si trattava dell’immagine distorta di un gatto.

Come vedete, per l’immaginazione umana è molto semplice passare il test (anche se sinceramente sarà un’operazione un pochino lunga). Fate qualche prova e fateci sapere, nei commenti, cosa ne pensate. Di sicuro si tratta di una tecnologia molto interessante… ma quanto ci si metterà a “crackare” pure questa?

Via | Slashdot
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Lo spionaggio di segreti tra le aziende esiste da sempre. Ma probabilmente la tecnologia ha aumentato i rischi, per le aziende, di perdere dati anche per colpa dei propri stessi […]

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Le informazioni personali di ognuno di noi, è ovvio, sono senza prezzo. Ma tutto ha un prezzo e tutto ha un mercato… anche i dati (magari rubati) del vostro conto […]

Mac OS X hackerato più velocemente di Windows e Linux

Mac OS X hackerato più velocemente di Windows e Linux

Apple sbandiera ai quattro venti la sicurezza di Mac OS X in contrasto con le vulnerabilità dei sistemi operativi Windows. Ma durante il Pwn20wn, un contest di hacking, dove i […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Ascoltare comunicazioni VoIP altrui? Niente di più facile

Ascoltare comunicazioni VoIP altrui? Niente di più facile

Alcuni giorni fa è stata diffusa una notizia abbastanza inquietante, di cui però si è parlato alquanto poco (mi sembra) in giro per la rete. La notizia è che un […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1morgan

    Penso che sia il nuovo sistema usato da qualche giorno da rapidshare: E’ UNA VERA ROTTURA PER GLI UTENTI, ogni volta mi viene il mal di testa per trovare i quattro gattini del ca*** fra le lettere. Agli utenti non pensano mai?

    25 Apr 2008, 3:23 pm Rispondi|Quota
  • #2Matt Brolyen

    Morgan ma al posto di usare rapidshare usa mediafire che è completamente gratis e senza limiti!

    25 Apr 2008, 3:51 pm Rispondi|Quota
  • #3stephen_dedalus

    Già che ci sono perché non ci chiedono l’esame del DNA per postare un commento su YouTube o scaricare un file su Rapidshare?
    KE PALLE

    25 Apr 2008, 4:43 pm Rispondi|Quota
  • #4morgan

    @Matt Brolyen: già, ma vallo a dire ai milioni di utenti che usano rapid…. 🙁

    25 Apr 2008, 7:28 pm Rispondi|Quota
  • #5Matt Brolyen

    ah ok, ti avevo scambiato per un rapidshare fan e già stavo uscendo di testa lol

    purtroppo rapidshare è un pò come msn… fa schifo ma lo usano tutti

    25 Apr 2008, 7:52 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Internet e sicurezza, ecco la prossima generazione dei CAPTCHA