Geekissimo

Viacom-YouTube, la causa giudiziaria miliardaria che spaventa il Web

 
Daniele Semeraro ([email protected])
28 Maggio 2008
6 commenti

Sta suscitando enormi polemiche la causa miliardaria che Viacom ha intentato contro YouTube “per non essere stata capace di tenere fuori dal popolare sito di video-sharing i materiali protetti da copyright”. Viacom, in particolare, avrebbe identificato sul sito di proprietà di Google almeno 150mila clip non autorizzate. Google, dal canto suo, si difende spiegando che questa causa sta minando uno dei fondamenti di internet, e cioè “minaccia il modo in cui centinaia di milioni di persone ogni giorno si scambiano legittimamente informazioni”.

I legali di Big G, inoltre, hanno assicurato che YouTube si è da subito adeguata ai dettami del Digital Millennium Copyright Act del 1998, e che va molto oltre il suo ruolo, aiutando anche le società detentrici di copyright a identificare e rimuovere i contenuti considerati illegali. Viacom, da parte sua, attacca spiegando invece che è stato fatto “pochissimo” per combattere il fenomeno illegale. In particolare, la Viacom si riferisce ai molti spezzoni di film e programmi televisivi postati sul sito e visti ogni giorno da migliaia di persone. Tra questi, nella causa si parla di South Park, SpongeBob SquarePants, Mtv Unplugged o il documentario “An inconvenient truth” visto più di 1,5 miliardi di volte.


La causa va avanti già da un anno, ma ora gli avvocati di Viacom hanno presentato un’ulteriore istanza: “Non vogliamo fare solo i nostri interessi – ha spiegato l’amministratore delegato di Viacom Sumner Redstone – ma vogliamo aiutare tutti coloro che hanno dei copyright e vogliono che questi rimangano protetti. Non possiamo tollerare alcuna forma di pirateria da nessuno, e nemmeno da YouTube. Non possono passarla liscia se rubano i nostri prodotti”.

Sono già moltissimi i siti specializzati, gli analisti e i blogger – famosi e no – che si stanno schierando contro questa limitazione della libertà personale. Immagino che siate d’accordo con me: se una persona è regolarmente abbonata a un canale satellitare o via cavo, perché non può registrare un prodotto (regolarmente pagato) e condividerne una parte con gli amici, o con gli utenti del Web? Non è questa la filosofia della rete? Fatemi sapere cosa se siete d’accordo.

Via | Bbc News
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Arriva YouTube Kids, l’applicazione adatta ai bambini!

Arriva YouTube Kids, l’applicazione adatta ai bambini!

Se prima i bambini erano lontani dal web e dai dispositivi connessi ad internet, oggi i più piccoli hanno un accesso costante ai device dei genitori. Questo significa che i […]

E se Google vivesse a casa tua?

E se Google vivesse a casa tua?

E’ un fatto ormai appurato che Google sia entrato nelle nostre vite in modo rilevante e che molti suoi servizi siano il nostro pane quotidiano. Senza entrare nella specificità della […]

La home-page di Google è illegale?

La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A […]

Ieri il Giorno della Terra, ecco come l’hanno celebrato i vari siti web

Ieri il Giorno della Terra, ecco come l’hanno celebrato i vari siti web

Ieri 22 aprile è stata la giornata mondiale della Terra (almeno per molte nazioni). Questa iniziativa è partita nel 1970 quando fu celebrato il primo Earth Day. In giro per […]

Youtube: ecco come visualizzare i video censurati o non disponibili nel nostro paese

Youtube: ecco come visualizzare i video censurati o non disponibili nel nostro paese

Nonostante siamo arrivati al 2008 era di web 2.0 e del informazione via web c’è ancora un vecchio nemico della libertà che si affaccia alla finestra di Internet, ovvero la […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Stevie

    Google è troppo potente per sentirsi dire, da un’azienda che in confronto a loro è la metà, cosa deve o non deve fare. Per una volta forse il potere verrà usato per il bene.

    28 Mag 2008, 9:16 am Rispondi|Quota
  • #2bevone

    io ho imparato l’inglese + dalle puntate di south park su youtube .. che in anni e anni di scuola!

    28 Mag 2008, 11:44 am Rispondi|Quota
  • #3Zimo

    Concordo con te [email protected], non sarà proprio la stessa cosa, ma se io acquistassi un libro (per esempio) non son libero di prestarlo a ki voglio?? Secondo la Viacom dovrei far pagare il copyright a tutti questi!!?? :-S Capisco ke non è cosi semplicistico xò non trovo neanke giusto ke ci si speculi troppo!! Cmq staremo a vedere come andranno le cose…. Ciao ciao!!

    28 Mag 2008, 12:38 pm Rispondi|Quota
  • #4morgan

    non riusciranno mai a mettere il bavaglio agli utenti; se riusciranno a imporsi su youtube nasceranno altri mezzi per diffondere l’informazioni e i contenuti, protetti o non.

    28 Mag 2008, 12:56 pm Rispondi|Quota
  • #5Stevie

    Esatto, poi come dice Morgan, si danno la zappa sui piedi… Mettiamo che la Viacom vince… E che siamo costretti a ricorrere a qualche sotterfugio per condividere quel che normalmente è condiviso (per ora) sul Web… Sapete bene che i sotterfugi implicano grandi perdite di sicurezza… E grandi perdite di sicurezza causano lamentele… E le lamentele causano grosse perdite alla Viacom. Se non vincono in tribunale con un buon giudice… Vinceremo noi con un buon mouse.

    28 Mag 2008, 3:08 pm Rispondi|Quota
  • #6Alberto

    Intelligente questa Viacom, in un colpo solo si è portata contro un miliardo e passa di persone…

    28 Mag 2008, 6:32 pm Rispondi|Quota