Geekissimo

Il mercato delle telecomunicazioni è completamente impreparato alla crisi della telefonia fissa

 
Daniele Semeraro ([email protected])
9 Giugno 2008
5 commenti
Telefoni

Come sappiamo tutti, oggi dovrebbe essere finalmente presentata la nuova versione dell’iPhone, il famoso iPhone 2.0 o iPhone 3G che – speriamo al più presto – verrà commercializzato anche in Italia (anzi, vi consiglio ovviamente di seguire tutte le novità su TheAppleLounge.com). Ebbene, proprio pochi giorni fa è stata diffusa una ricerca secondo cui il mercato delle telecomunicazioni sia impreparato alla crisi della telefonia fissa. La cricerca, promossa da Jajah (società di comunicazione specializzata in servizi VoIP), pone l’accento sul fatto che i principali responsabili delle società di telecomunicazioni globali siano molto preoccupati della riduzione delle linee di telefonia fissa e della continua crescita dei servizi basati su Ip.

“Il principale timore dei carrier – si legge – riguarda indiscutibilmente il crescente abbandono della telefonia fissa tradizionale. Per sostituire il conseguente crollo dei ricavi, i migliori candidati player sul mercato si rivelano quelli in grado offrire servizi a valore aggiunto basati su Ip con nuove strategie di prezzo, sebbene molte aziende debbano ancora definire le rispettive strategie relative all’IP”. Tra l’altro, i dati sono anche confermati da una recente indagine, secondo cui quasi una famiglia statunitense su sei (poco più del 15 per cento) non possegga una linea fissa, e che quasi tre famiglie su dieci possiedono solo il telefono cellulare e non ricorrono praticamente mai all’apparecchio tradizionale.


L’emergere di nuove reti, nuovi concorrenti e soprattutto nuovi dispositivi collegabili tra loro, dunque, sta creando una pressione senza precedenti sugli operatori telefonici: una sfida vera e propria per i provider che intendono mantenere il loro ruolo centrale nella connessione dei loro clienti. È come se i carrier stiano vivendo “un notevole divario rispetto all’innovazione di chi sviluppa servizi basati su Ip, e rimangono incerti su come affrontare un nuovo genere di concorrenza come quella rappresentata ad esempio dall’integrazione della voce nei servizi di instant messaging”.

Insomma: al momento il settore sta navigando nell’incertezza e sono necessarie azioni a brevissimo terine per cogliere tutte le opportunità che la nuova tecnologia offre. “I bundle di servizi, la convergenza tecnologica, la crescente concorrenza globale e la compressione dei margini stanno causando un forte mutmento nel settore delle telecomunicazioni – ha affermato il Ceo di Jajah, Trevor Healy – ed è davvero incoraggiante vedere come i maggiori prtagonisti del mercato stiano adottando il concetto della telefonia Ip come fonte di ricavi, protezione e crescita”. Che questa convergenza possa arrivare presto, spinta anche dall’iPhone e dai nuovi modelli di cellulare, anche in Italia?
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Ecco come comprare un iPhone (e non solo) dagli States spendendo poco, quasi un 35% in meno

Ecco come comprare un iPhone (e non solo) dagli States spendendo poco, quasi un 35% in meno

Dite quello che volete ma l’iPhone resta il mio sogno, non sarà il massimo, ma Apple come al solito riesce a coniugare eleganza e tecnologia in modi che nessun’altra casa […]

Una nota di AT&T conferma l’iPhone 3G

Una nota di AT&T conferma l’iPhone 3G

Per mesi si è parlato molto in internet dell’arrivo del iPhone 3G di Apple. Quasi tutti concordano che questo verrà presentato durante l’evento Apple del 13 giugno, adesso sta circolando […]

L’iPhone in italia arriverà con Vodafone e Tim!!

L’iPhone in italia arriverà con Vodafone e Tim!!

Il noto blog TheApple Lounge dedicato al mondo Apple, e facente parte del gruppo iSayBlog, non si perde nessuna notizia e nessun comunicato riguardante il mondo Apple. Questa volta arrivano […]

I piani di Microsoft per diventare il “re del media-entertainment”

I piani di Microsoft per diventare il “re del media-entertainment”

I piani di Microsoft per il futuro portano tutti verso il potenziamento dei propri sistemi di distribuzione dell’intrattenimento digitale. Parola di J Allard, già famoso per aver guidato il settore […]

L’iPhone snobbato a Londra

L’iPhone snobbato a Londra

Carphone Warehouse a Wimbledon In america l’iPhone ha fatto letteralmente impazzire tutti i fan della mela, ma ieri (9 novembre), giorno di lancio in Inghilterra (e Germania), le cose non […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Edoardo

    speriamo! ormai la vita nel 3 millennio deve essere mobile! basta 80000 telefoni…uno a testa e via! ormai ki in casa non ha almeno 2 cordless + i cellulari personali ? un macello! un concerto infinito di suonerie 😛

    9 Giu 2008, 10:14 am Rispondi|Quota
  • #2softcodex

    personalmente il telefono fisso in casa non ce l’ho più dal 2003. é un costo che si puo tranquillamente evitare con le tariffe dei cellulari sempre + basse, e viste le offerte che ho con il mio provider (sunrise in svizzera) ora non pago più le telefonate verso i fissi, quindi una linea fissa non avrebbe alcun senso.

    9 Giu 2008, 10:20 am Rispondi|Quota
  • #3Alex

    Il mio terrore è che in Italia si inventino un “superbollo” per skype, son sicuro che ci stanno lavorando…

    9 Giu 2008, 10:43 am Rispondi|Quota
  • #4gianluca riccio

    Ciao! Se vuoi cimentarti con qualche previsione sul nuovo iPhone 2.0, ho messo in palio un pò di magliette di Futuroprossimo (quelle ahimè 1.0) sul sito: c’e’ un post nel quale chiedo pronostici ‘a premi’ prima del keynote

    9 Giu 2008, 4:38 pm Rispondi|Quota
  • #5Andrea9002

    E abolire il canone Telecom?
    Utopia?!

    9 Giu 2008, 11:20 pm Rispondi|Quota