Geekissimo

Come saranno fatti i computer del futuro? Probabilmente avranno microchip chimici, magnetici o ottici

 
Daniele Semeraro ([email protected])
11 Giugno 2008
14 commenti
Chip

Come saranno i computer del futuro? Di quali materiali saranno costruiti? E quanto saranno veloci? Capita che ci poniamo spesso questa domanda, pensando agli anni a venire. Ebbene: alcune ricerche ultimamente pubblicate stanno dando luogo a un lungo dibattito nella comunità scientifica, perché pare davvero che nel giro di qualche decennio i microchip (che regolano la vita di tutti i nostri sistemi elettronici) potranno essere magnetici, chimici o ottici. Secondo la legge di Moore, il numero di transistor in un chip raddoppia ogni 18 mesi, e di pari passo vanno le prestazioni di un computer. Questa equazione, però, sta per raggiungere i suoi limiti perché la capienza massima dei chip sta per essere raggiunta.

E così, molto presto – addirittura nel giro di un paio di decine di anni – i nostri processori tradizionali fatti di silicio sono destinati completamente a sparire. A favore, ad esempio, dei microchip magnetici. Invece di utilizzare il movimento degli elettroni per elaborare le informazioni, il che dissipa tra l’altro molta energia, c’è chi sta pensando a sfruttare altre caratteristiche degli atomi. Un esempio concreto sono i cosiddetti “computer quantici”, in cui si utilizzano atomi “intrappolati” che variano il loro stato energetico, o quelli “a spin” che utilizzano una particolare proprietà magnetica delle particelle. Questo modo di elaborare le informazioni permetterebbe di effettuare molti più calcoli nella stessa unità di tempo.


Passiamo ora a vedere i microchip chimici, in grado sfruttare diverse caratteristiche di composti per trasmettere le informazioni. Sono allo studio, infatti, molecole che cambiano forma se sottoposte a stimoli particolari, oppure dei calcolatori cosiddetti “metabolici”, che utilizzano reazioni tipiche delle cellule viventi (incredibile!). I primi a entrare sul mercato saranno però i microchip ottici, già presenti in alcune applicazioni industriali.

Invece di muovere le informazioni all’interno di un chip con gli elettroni, gli scienziati hanno scoperto che è possibile utilizzare i fotoni, cioè “pacchetti di luce”, che hanno il vantaggio di essere più veloci e non dissipare calore. Nei modelli ora in costruzione sono ancora gli elettroni a fare i calcoli, mentre i fotoni trasmettono solo i risultati, ma c’è chi sta pensando a computer basati soltanto sulla luce. Unico problema di tutte queste tecnologie che ci fanno sognare? Sono molto, molto più costose di quella al silicone silicio.

Si ringrazia l’utente Oliver Ingrouille [ mr oji ] di Flickr per l’immagine
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Notebook con display OLED ed HDTV in 3D: il futuro è adesso

Notebook con display OLED ed HDTV in 3D: il futuro è adesso

Uno dei modi migliori per affrontare i periodi di crisi è, senza ombra di dubbio, quello di propagandare ottimismo. A tutti i costi, anche dicendo qualche piccola bugia. Tra queste, […]

Ecco l’ultimo mini Mouse veramente mini!

Ecco l’ultimo mini Mouse veramente mini!

Il mondo dei Gadget hardware per i Computer, ogni giorno presenta nuovo e interessanti prodotti. Con l’avvicinarsi del natale, molti già stanno pensando a cosa regalare ai propri amici o […]

Gli alti consumi della nuova Nvidia GeForce GTX 280

Gli alti consumi della nuova Nvidia GeForce GTX 280

E’ un argomento che ormai stiamo trattando parecchio in questi giorni. La componentistica Hardware dei pc, riguardante la parte video è quella che in questi giorni sta facendo sempre più […]

OpenOffice meno prestante con le nuove versioni

OpenOffice meno prestante con le nuove versioni

OpenOffice, l’alternativa gratuita ed open source ad Microsoft Office credo che la conosciate tutti. Permette di aprire, creare, modificare e salvare file in formati compatibili per Office, sian essi testi, […]

Google primo anche tra i 100 top brand, boom per il settore tecnologico

Google primo anche tra i 100 top brand, boom per il settore tecnologico

Uno degli aspetti più importanti per il successo o insuccesso di una qualsiasi azienda è il suo marchio, brand. Quando una compagnia o azienda ha un marchio forte e di […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1luigi

    11 Giu 2008, 9:29 am Rispondi|Quota
  • #2yselfh

    “Unico problema di tutte queste tecnologie che ci fanno sognare? Sono molto, molto più costose di quella al silicone.”

    Processori al silicone? O__O”… cioè? Per aumentare le prestazioni si sono fatti una plastica come Pamela Anderson? 😛

    11 Giu 2008, 9:46 am Rispondi|Quota
  • #3basta638

    silicone? silicio semmai xD

    11 Giu 2008, 10:22 am Rispondi|Quota
  • #4Alex

    Sembrava troppo bello se l’articolo filava tutto liscio, proprio su l’ultima parola vai a confondere silicone con silicio….ah 😉

    11 Giu 2008, 10:58 am Rispondi|Quota
  • #5Zio Michele

    Cosa vi lamentate, è questo il livello di geekissimo.

    11 Giu 2008, 11:32 am Rispondi|Quota
  • #6Trinitrotoluene

    oddioragàzzi…

    11 Giu 2008, 12:10 pm Rispondi|Quota
  • #7Trinitrotoluene

    non ricominciamo a menarla solo per una distrazione, forza e coraggio… c’è una vita che vi aspetta, fuori da quel tostapane grigino, piena di belle occasioni per fortificarsi l’animo e diventare meno acidelli…

    11 Giu 2008, 12:14 pm Rispondi|Quota
  • I Computer Quantici saranno decisamente il prossimo passo verso questo sorpasso nei confronti dei a noi cari microcip.
    La D Wave systems, una ditta fondata nel 1999 e con sede in Burnaby, Canada, ha gia’ promesso di rilasciare entro quest’ anno il primo modello di computer con tecnologia quantica a scopo commerciale.
    La compagnia e’ stata pero’ pesantemente criticata da parte dei cervelloni e sciamani del settore nel novembre 2007 dopo la presentazione dimostrativa del prototipo Orion. Essi affermano che un computer quantico a tutti gli effetti dovrebbe come minimo allargare i confini della fisica quantistica e magari anche dimostrarlo, cosa che, a quanto dicono loro, non e’ stata ancora fatta.

    11 Giu 2008, 2:14 pm Rispondi|Quota
  • #9[email protected] / Geekissimo.com

    Ehehe scusatemi… si tratta ovviamente di silicio, non di silicone (errore di distrazione eheheh).

    Grazie a tutti per le segnalazioni!

    11 Giu 2008, 2:33 pm Rispondi|Quota
  • #10lillobyte91

    capita mentre si scrivev… 😀

    11 Giu 2008, 5:05 pm Rispondi|Quota
  • #11FrancescO

    I computer ottici, che sfruttano la fibra anziché rame, rendono molto più veloci i collegamenti. Avevo letto qualcosa anni fa. Inoltre non sono sensibili ai campi em, poiché non c’è movimento di cariche. Queste caratteristiche li rendono non solo più veloci, ma anche più adatti in certe situazioni, sugli aerei ad es.
    I processori quantici sono il futuro: grande miniaturizzazione ed elevata potenza di calcolo. Però leggevo che hanno una limitazione, e cioè che per risolvere alcuni tipi di problemi sono incredibilmente veloci, ma per alcuni particolari elaborazioni sono invece più lenti degli attuali. Ma non ne so molto e mi piacerebbe informarmi.
    Dovreste scrivere un articolo più approfondito sull’argomento.

    L’errore è un classico delle traduzioni di fretta: silicon=silicone anziché silicio.

    11 Giu 2008, 8:17 pm Rispondi|Quota
  • Gia’, il problema e’ che silicone e silicio si traducono in inglese alla stessa maniera…..Silicon.
    Errore perdonabile…

    13 Giu 2008, 12:05 pm Rispondi|Quota
  • #13Ronde88

    Silicone… in inglese Silicon significa silicio… un errore da niente quindi, in fondo siamo in internet la lingua più usata è l’inglese!

    13 Giu 2008, 2:32 pm Rispondi|Quota
  • #14PorKiss

    Ma perchè, a voi sembra che questi sappiano parlare l’inglese? Ma se non azzeccano un articolo in italiano!
    Il fatto è che Geekissimo è troppo bello! Insomma, non si finisce mai di imparare, lo seguo da anni, se solo avessero studiato con almeno la metà dell’impegno che hanno nello scrivere, sarebbe davvero il miglior blog in assoluto ad occuparsi di informatica.

    13 Giu 2008, 6:10 pm Rispondi|Quota