Geekissimo

Il Bangladesh punta su internet: installerà computer a banda larga in tutte le scuole da far usare gratuitamente alla popolazione

 
Daniele Semeraro ([email protected])
18 giugno 2008
6 commenti
Bangladesh

I lettori più appassionati di Geekissimo sanno che spesso e volentieri ci piace parlare di iniziative benefiche, di solidarietà e di “belle notizie”. Oggi vi raccontiamo di cosa sta accadendo in Bangladesh, che come sapete è uno dei paesi più poveri del mondo. Il Bangladesh Telecommunications Regulatory Commission, l’ente nazionale che si occupa di telecomunicazioni, ha annunciato che installerà computer con connessione internet a banda larga da usare gratuitamente presso tutte le circa 40mila scuole elementari disseminate in tutto il paese. Un’iniziativa presa soprattutto per far conoscere le potenzialità di internet nelle zone rurali.

La mossa, dunque, porterà internet in decine di migliaia di villaggi, dove vive oltre il 70 per cento della popolazione del paese (144 milioni di persone). Tra l’altro, la decisione andrà anche ad alleviare i conti delle scuole e università, non più soggette al pagamento della bolletta di internet. Una mossa dunque a prima vista davvero intelligente: basti pensare che con soli tre milioni di utenti il Bangladesh è uno dei paesi al mondo in cui la penetrazione di internet nella popolazione è minima.


Samiul Wadud, amministratore delegato del più grande provider del Paese, spiega che la decisione andrà a raddoppiare o triplicare il numero di utenti internet in meno di un anno: “È un grosso incentivo anche per le industrie e il mondo degli affari: il governo non solo darà la possibilità a scuole e università di connettersi gratuitamente, ma molto presto taglierà anche i costi di internet del 60 per cento per tutti i tipi di utenti”. Per questo, aggiungono altri, internet diventerà finalmente qualcosa di molto meno elitario e inizierà ad arrivare anche in campagna e nelle zone più lontane dai centri abitati. Il Paese, che pure è uno dei più poveri del mondo, negli scorsi anni ha visto un incremento enorme delle telecomunicazioni, e soprattutto quelle dei cellulari (cresciuti dall’1,5 milioni di apparecchi del 2004 agli oltre 42 milioni odierni); e la politica dei cellulari è stata la stessa di quella attuata ora per internet.

Dunque una decisione molto intelligente da parte delle autorità del Bangladesh, considerato anche che i vicini indiani sono diventati in pochi anni dei “maghi” di internet e della programmazione, proprio grazie a una loro propensione per i numeri e la tecnologia. Unica domanda che vorrei girarvi: secondo voi è giusto agevolare la diffusione di internet in campagna, o magari con quei soldi si potevano costruire infrastrutture e combattere la povertà, considerato che il 40 per cento della popolazione vive con meno di un dollaro al giorno?

Si ringrazia l’utente Kapalic’ di Flickr per l’immagine
Via | Afp
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
“Dal prossimo anno pagelle solo online”. Ci sembra un po’ azzardato… e tra l’altro in Italia già si fa

“Dal prossimo anno pagelle solo online”. Ci sembra un po’ azzardato… e tra l’altro in Italia già si fa

Sta facendo molto parlare di sé, in questi ultimi giorni, l’annuncio del neo-ministro della Funziona pubblica, Renato Brunetta, secondo cui entro un anno, un anno e mezzo anche le pagelle […]

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Internet aiuta il moltiplicarsi della pedofilia. Parola di alcuni esperti spagnoli

Negli ultimi tempi – lo dimostrano anche i tanti arresti di questi giorni – la pedofilia è cresciuta in maniera esponenziale in tutto il mondo. Secondo alcuni esperti, una delle […]

Internet mobile, social network, cellulari, palmari. Ecco cosa ci attende nel 2008

Internet mobile, social network, cellulari, palmari. Ecco cosa ci attende nel 2008

Come sarà il neonato 2008, dal punto di vista di internet e della tecnologia? Beh, ovviamente non abbiamo una palla di cristallo, né vogliamo inventare nulla. Però qualche considerazione la […]

Internet collasserà nel 2010. O no?

Internet collasserà nel 2010. O no?

Ultimamente sono in molti a parlare di una vicina morte (o collasso) di internet, dovuta al traffico eccessivo. Ultimamente sta facendo molto scalpore una ricerca pubblicata dal quotidiano statunitense Usa […]

L’Africa e internet: a che punto siamo?

L’Africa e internet: a che punto siamo?

Più di un terzo degli abitanti dell’Africa avrà una connessione a internet a banda larga entro il 2012. Sono i risultati di una conferenza (“Connect Africa”) sull’utilizzo di internet nel […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1newmediologo

    Certo che se riescono a portare Internet nei villaggi del Bangladesh ed a Roma sulla Cassia non si può avere ADSl stiamo bene..

    18 Giu 2008, 9:06 am Rispondi|Quota
  • #2Daniel

    perdonatemi la pubblicità. Per le nazioni in via di sviluppo, potete prestare $ 25 (circa Euro 16,20 attualmente) tramite http://www.kiva.org
    Se vi restituiscono i soldi, potreste darli ad un’altra persona.

    18 Giu 2008, 9:53 am Rispondi|Quota
  • #3Micheluzzo

    Secondo me come al solito la verità sta nel mezzo: ottima l’iniziativa di portare internet nelle campagne, ma bisognerebbe pensare anche a quelli che muoiono di fame, e di internet non se ne fanno niente.

    18 Giu 2008, 10:23 am Rispondi|Quota
  • #4krayen

    bello come paesi del 3 mondo pensino a certe cose, mentre in Italia non si riesce ad avere nemmeno l adsl ovunque…

    18 Giu 2008, 2:03 pm Rispondi|Quota
  • #5Mattia

    E' una notizia che conforta. Senza Internet non possono far sapere che muoiono di fame, non possono far sapere le ingiustizie, non possono informarsi nè informare. Capisco che conta di più la pagnotta, ma la cultura è un passo avanti verso la civiltà, e magari i benefici concreti della civiltà non sempre si riescono a cogliere.

    18 Giu 2008, 5:44 pm Rispondi|Quota
  • #6aid85

    cos’è un computer a banda larga ?

    18 Feb 2012, 1:54 pm Rispondi|Quota