Geekissimo

Tecnologia in classe? Liguria regione pilota: dal prossimo anno contro il caro libri e il peso degli zaini, e-book gratis per tutti

 
Daniele Semeraro ([email protected])
26 Giugno 2008
6 commenti
Studenti

Oggi parliamo di una novità fresca fresca che arriva dalla Liguria, che con una legge regionale diventa capofila in Italia per un progetto molto innovativo. Il Piano regionale per il diritto allo studio del sistema scolastico e formativo per gli anni 2008-2010 approvato ieri all’unanimità prevede, infatti, per gli studenti delle scuole dell’obbligo la possibilità di scaricare gratuitamente dal Web i libri di testo.

Una scelta che va a migliorare la vita degli studenti (e dei genitori) in due modi. Il primo è che ovviamente gli studenti potranno evitare di portare con sé a scuola libri molto pesanti, soprattutto se costretti ad andare a piedi o a prendere l’autobus. Il secondo riguarda invece i genitori, che potranno scegliere di non acquistare alcuni libri troppo costosi, decidendo invece di scaricarli.


“L’auspicio – ha spiegato il consigliere regionale Roberta Gasco (Udeur), promotore dell’inziativa – è che l’esempio della Liguria possa essere seguito al più presto anche da altre regioni. Sono convinta che attraverso la piattaforma elettronica contenuta nel sito della Regione, e su cui si potranno trovare e scaricare gratuitamente i vari libri di testo redatti dallo stesso ente, si riuscirà a porre rimedio a una situazione che era ormai diventata insostebiile per le famiglie, come il costante aumento dei libri scolastici. Gli studenti, inoltre, potranno scaricare e stampare singolarmente i capitoli delle relative dispense“.

Si tratta sicuramente di una scelta tecnologicamente all’avanguardia, e ovviamente speriamo tutti che possa entrare in vigore regolarmente senza problemi di sorta. Ci vengono in ogni caso dei dubbi. I libri a disposizione degli studenti saranno tutti, oppure saranno solo alcuni? Non è che poi scaricando e stampando su carta capitolo dopo capitolo, comunque si spendono soldi e si creano danni per l’ambiente (pur ammettendo che il risparmio economico sarebbe moltissimo rispetto a un libro acquistato in libreria)? Come reagiranno i librai, sempre pronti a dichiarare lo stato di crisi? Quanti alunni potranno permettersi di andare a scuola col portatile?

Si ringrazia l’utente rivierabazar di Flickr per l’immagine
Categorie: tecnologia
Tags: e-book,  scuola,  studenti,  tecnologia, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Intel Introduce i Transistor a 22 Nanometri

Intel Introduce i Transistor a 22 Nanometri

Ieri sera sono stati presentati, in contemporanea in tutto il mondo grazie al Webcast da Santa Clara, i nuovi transistor Intel da 22 Nanometri

PrintBrush, la stampante portatile

PrintBrush, la stampante portatile

Più e più volte  abbiamo detto che stiamo entrando nell’era della portabilità, nell’era in qui non è più necessario avere una scrivania per lavorare. Oggi vengo a conoscenza di uno […]

L’ADSL più veloce del mondo

L’ADSL più veloce del mondo

Che i giapponesi fossero un popolo tecnologicamente all’avanguardia è risaputo ma non credevamo che lo fossero fino questo punto. La nipponica J:Com ha annunciato l’offerta ADSL più potente del mondo […]

USB 3.0, il seriale a velocità inaudita

USB 3.0, il seriale a velocità inaudita

L’attesa sta per finire, l’evento è alle porte, finalmente stiamo per assistere all’entrata in campo ufficiale dello standard USB 3.0! Se ne parlava da tempo, ormai, dell’arrivo di questa nuova […]

50 estensioni per Firefox dedicate agli studenti

50 estensioni per Firefox dedicate agli studenti

Ormai manca davvero poco: gli esami di maturità sono alle porte e tantissimi ragazzi e ragazze si preparano ad una “full immersion” in libri e scartoffie varie, compreso ovviamente il […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1AleTanz

    bella idea!
    sul fatto del portatile non sono molto d’accordo, nel senso che basterebbe utilizzare un ebook reader e si risolverebbe il problema. L’unico costo quindi sarebbe solamente il lettore, che comunque viene utilizzato per più anni.
    Magari lo schermo non è molto grande, però potrebbe tornare utile.

    26 Giu 2008, 9:12 am Rispondi|Quota
  • #2GoodSpeed

    Non sono d’accordo sulla modalita’ di utilizzo degli e-book.
    Se per leggere un e-book lo devo stampare perdo molto, se non tutto, il guadagno dell’ebook.
    Su libri molto grandi ci posso sprecare tranquillamente una cartuccia di nero dal costo di 28-30 euro a cui va sommata la carta (3 euro per una risma da 500 fogli). Mi sembra quindi che il vantaggio economico non ci sia.
    Il vero vantaggio economico e ambientale e’ usare un e-book reader ma quelli hanno costi ancora alti (>300 euro).
    Sarebbe stato molto piu’ utile incentivare l’itulizzo di e-book reader facendoli acquistare ad un prezzo vantaggioso tramite la scuola.

    26 Giu 2008, 10:07 am Rispondi|Quota
  • #3okh

    concordo con AleTanz,sarebbe sufficiente un ebook reader, anche se non credo che le insegnanti siano d-accordo nel portare questi oggetti in classe. Credo anzi che questa normativa sia solo `scarica e stampa`.

    26 Giu 2008, 10:07 am Rispondi|Quota
  • #4LASTREGA

    invece la trovo una grande idea
    anzi una idea banale a cui come al solito arriviamo tardissimo
    per prima cosa dobbiamo trovare professori che intelligentemente non facciano stampare tutto il libro PERCHè NON SI USA MAI TUTTO IL LIBRO
    se uno pensa che la scuola insegna per unità didattiche deve anche pensare che vengano stampate solo le parti che servono alle unità didattiche da svolgere in classe
    ma io arrivo anche un po’ più in là: il peso più grosso viene ad esempio dalle antologie di letteratura: qualunque laureato in lettere esce italianista il che significa che potrebbe scegliere attraverso la progettazione di unità didattiche il materiale senza doverlo per forza subire dalle antologie
    si potrebbe arrivare alla progettazione di unità didattiche come ipertesti e di scelte di testi da analizzare fatte direttamente dai professori: insomma invece di portarsi 100 testi in una antologia che pesa 3 kg si portano i testi che servono si raccolgono appunti diversi invece di avere tristi note a fondo pagina che non dicono nulla. E si utilizza la biblioteca.
    è doloroso solo per le case editrici ma quelle cadono sempre in piedi.
    Il dibattito deve evolversi in italia dato che in america gli istituti di italianistica stanno lavorando già da anni a questo riguardo. per non parlare dei LATINISTI E DEI GRECISTI che degli ipertesti hanno fatto il punto di forza per l’analisi dei testi. poi l’ebook reader può aiutare ancora di più. ma è ora di avviare un dibattito culturale che abbia come oggetto i programmi di studio e I MEZZI di studio: guarda caso in italia il dibattito si ferma sempre ai programmi per nuove edizioni antologiche
    io laureata in lettere se dovessi andare a insegnare farei comprare solo il vocabolario di italiano: il resto? lo proporrei io del resto se no che ho studiato a fare critica letteraria letteratura e filologia?
    so però che mi gambizzerebbero ma correrei il rischio anche perchè avrei una grossa risposta dagli studenti
    avvicinare i mezzi che i ragazzi usano tutti i giorni e adattare un metodo di studio ai mezzi informatici sarebbe anche educativo.

    26 Giu 2008, 11:04 am Rispondi|Quota
  • #5Peppe Cicco

    Grande idea, ma se mal gestita (come avviene nella maggior parte dei casi) può portare solo al collasso ed ad uno spreco totale di danaro. Bisogna cercar innanzitutto di fare informazione, ai presidi, genitori, alunni e, naturalmente, i professori. E sperare di non incappare nel disinteresse degli insegnanti “di vecchio stampo”, ma, soprattutto, in quello dei molti nullafacenti…
    Decisamente interessante è la proposta integrativa di LASTREGA, che, a mio modesto parere, potrebbe anche agevolare il lavoro dei supplenti che, non dovendo attenersi alle antologie (che loro nemmeno possiedono, visto che cambiano frequentemente scuole) sono più liberi di scegliere gli autori e i brani in base agli argomenti trattati. Non credete?

    26 Giu 2008, 10:14 pm Rispondi|Quota
  • #6fantàsia

    Un’altra cosa mi preoccupa: questi testi non saranno testi pubblicati da più case editrici (cosa che può garantire la libera scelta del docente e quindi la pluralità delle idee) ma dall’Istituzione stessa. Ora è la regione, ma il principio è il “testo di Stato”, con tutti i rischi che questo comporta come univocità di contenuti.
    Al di là, quindi, del problema cartaceo Vs digitale – e io trovo il digitale un’idea ottima – vedo un problema di tipo politico.

    27 Giu 2008, 10:43 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Tecnologia in classe? Liguria regione pilota: dal prossimo anno contro il caro libri e il peso degli zaini, e-book gratis per tutti