Geekissimo

La Commissione Europea (finalmente) dalla parte dei consumatori: in tre anni le aziende telefoniche dovranno abbassare del 70% le tariffe dei cellulari

 
Daniele Semeraro ([email protected])
28 Giugno 2008
3 commenti
Bimbo

Chiamare i/con i telefonini costa troppo? La Commissione Europea ha lanciato una nuova “offensiva” contro i rincari delle tariffe dei telefoni cellulari, con l’obiettivo, ha spiegato il commissario europeo alle telecomunicazioni Viviane Reding, di “abbassare i costi delle telefonate di circa il 70 per cento nei prossimi tre anni“. Entro la fine dell’anno, dunque, verrà stilato un nuovo regolamento teso a porre un freno alla cosiddette tariffe di terminazione, quelle cioè che un operatore fa pagare agli altri operatori per far terminare sulla propria rete una chiamata (in pratica, le solite tariffe inutili volte solo a vessare gli utenti).

Il commissario Reding, inoltre, ha anche annunciato l’avvio di una consultazione pubblica che fino al prossimo 3 settembre coinvolgerà tutti gli operatori del settore della telefonia mobile, i regolatori nazionali e le associazioni dei consumatori. Secondo i dati forniti dalla Commissione Europea, per le chiamate verso la rete mobile le tariffe di terminazione variano attraverso i Paesi europei, da 0,02 centesimi di euro a 0,19 centesimi di euro al minuti, con una media di 0,09 centesimi. Per quanto riguarda l’Italia? Tranquilli, stiamo ben sopra la media, con 0,12 centesimi al minuto. Tariffe, ha sottolineato il commissario, “nove volte più elevate di quelle per le chiamate verso rete fissa”.


In Europa, tariffe più alte delle nostre le troviamo solo in Portogallo, Svizzera, Repubblica Ceca, Polonia e Bulgaria. “Le differenze tra i vari Paesi dell’Ue e il notevole gap tra le tariffe di terminazione fissa e mobile – ha spiegato Reding in una conferenza stampa – rappresentano un serio ostacolo alla realizzazione del mercato unico delle telecomunicazioni, il tutto a scapito dei consumatori“. Insomma, gli operatori della telefonia fissa (e i loro clienti…) stanno silenziosamente sovvenzionando gli operatori di telefonia mobile, pagando tariffe di terminazione più elevate per le chiamate fatte della rete fissa a quella mobile.

Sull’argomento si è espresso anche il responsabile dell’Antitrust europeo Neelie Kroes, per cui “tariffe di terminazione realmente orientate sui costi aumenteranno la concorrenza a beneficio dei consumatori, che da ora in poi devono aspettarsi come risultato un calo dei prezzi al dettaglio”. Questa raccomandazione, hanno sottolineato in molti, porterà benefici anche a gran parte dell’industria delle telecomunicazioni, in quanto “eliminerà le deformazioni della concorrenza tra gli operatori fissi e quelli mobili”.

Si ringrazia l’utente carlor di Flickr per l’immagine
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Nokia dovrà pagare ben 2,3 miliardi di dollari a Qualcomm!

Nokia dovrà pagare ben 2,3 miliardi di dollari a Qualcomm!

Nokia è sicuramente uno dei marchi di cellulari più famosi. I prodotti Nokia sono tra i più buoni in circolazione e a ogni nuovo modello, migliorano sempre di più la […]

“Wake up your phone”, la nuova campagna di SanDisk per informare gli utenti sulle potenzialità delle schede di memoria per cellulari e fotocamere

“Wake up your phone”, la nuova campagna di SanDisk per informare gli utenti sulle potenzialità delle schede di memoria per cellulari e fotocamere

“La maggior parte dei teen-ager non sa nemmeno di avere in tasca un telefonino capace di compiere decine e decine di operazioni e di immagazzinare centinaia di ore di film […]

“Drogati” per il telefonino? In Spagna due ragazzi sono stati addirittura condannati a trattamento sanitario obbligatorio in una clinica psichiatrica!

“Drogati” per il telefonino? In Spagna due ragazzi sono stati addirittura condannati a trattamento sanitario obbligatorio in una clinica psichiatrica!

Se non riuscite a staccarvi dal cellulare e guardate il telefonino in continuazione, allora forse avete qualche problema serio. La pensano così in Spagna, dove due ragazzini di dodici e […]

A New York cellulari vietati a scuola; in Austria vietati anche sui mezzi pubblici

A New York cellulari vietati a scuola; in Austria vietati anche sui mezzi pubblici

Dopo aver discusso, la scorsa settimana, dell’opportunità o meno di togliere internet dalle aule universitarie, ecco che sulla stessa scia stanno facendo discutere due notizie: una arriva da New York, […]

I cellulari sempre più attenti ai contenuti mobile

I cellulari sempre più attenti ai contenuti mobile

I produttori di telefoni cellulari si scontrano sfornando sempre dei nuovi modelli, più raffinati e multifunzione. I produttori di contenuti, invece, puntano tutto sull’intrattenimento, convinti che il 2008 sia l’anno […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1newmediologo

    Certo che sono tutte pie intenzioni.. In realtà i gestori fanno affari fantasmagorici vendendo solo il tempo perchè in realtà di costi ne hanno pochini..

    28 Giu 2008, 9:41 am Rispondi|Quota
  • #2nicola

    In Italia abbiamo tariffe sopra la media? Bah, io abito da 4 mesi a Parigi, e vi assicuro che qui i 12 centesimi al minuto ve li potete dimenticare…ci sono dei bei forfait da 40-50 euro al mese per 1-2 ore di chiamate!!! Da panico!!! Infatti io continuo ad usare la mia sim italiana e sono sicuro di risparmiarci tanto anche se in roaming internazionale! Per una volta (ma solo una…) evviva l'Italia!!!!

    28 Giu 2008, 1:35 pm Rispondi|Quota
  • #3OXO

    Non conosco la realtà francese, ma ho vissuto oltre un anno in Belgio e là le tariffe erano abbastanza simili alle nostre: peccato, però, che la popolazione è un decimo della nostra e che nessuno è talmente idiota da avere 2, 3 o addirittura 4 telefonini con altrettante schede.

    Speriamo che la Commissione si impegni realmente in questa battaglia (come in altre) a tutela dei consumatori.

    28 Giu 2008, 5:05 pm Rispondi|Quota