Geekissimo

Google tra i finanziatori di un mega-cavo sottomarino tra Usa e Giappone

 
Daniele Semeraro ([email protected])
30 Giugno 2008
4 commenti
Cavo

Alcuni giorni fa è iniziato il progetto definitivo per la costruzione del’Unity Undersea Cable, un cavo sottomarino in fibra ottica ad alta velocità che andrà a collegare, tra qualche anno, Stati Uniti e Giappone e che rappresenta un vero passo in avanti per le telecomunicazioni globali. Un cavo fortemente voluto da Google, che è uno dei partner più importanti, insieme a cinque operatori di telefonia, del progetto.

Il cavo costerà trecento milioni di dollari (circa 190 milioni di euro) e inizialmente conterrà cinque coppie di fibre ottiche (una sarà messa in esercizio, le altre quattro coppie serviranno di backup in caso di malfunzionamento di quella operativa). Ogni cavo potrà sostenere la capienza di circa 960 Gbps (gigabit al secondo) e la capacità totale dell’intero sistema oscillerà tra i 4,8 Tbps e i 7,68 Tbps. In futuro il progetto prevede un’espansione a otto coppie di cavi.


Si tratta, come è facile immaginare, di un progetto importantissimo per le telecomunicazioni globali (e non solo, ovviamente, per le comunicazioni tra Stati Uniti e Giappone) considerato che se si mettono insieme tutti i cavi sottomarini attualmente in esercizio nel mondo, non si superano i 3,3 Tbps di capienza in totale. L’opera entrerà in esercizio nei primi quattro mesi del 2010, se tutto andrà per il verso giusto, e la joint-venture di queste società, spinta soprattutto da Google, potrebbe portare a un’ulteriore espansione negli anni successivi.

Oltre a Google, a finanziare il progetto ci sono l’indiana Bharti Airtel, la malese Global Transit, la giapponese Kddi e le due società di telefonia di Singapore Pacnet e SingTel. La partecipazione di Google è vista da molti come singolare e soprattutto segno dei tempi che stanno cambiando, considerato che fino ad ora solo le grandi compagnie telefoniche si erano interessate alla costruzione di cavi transoceanici sottomarini.
Categorie: Google, Internet, tecnologia
Tags: Google,  scienza, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Sette elementi che mancano in Google Chrome e che andrebbero aggiunti

Sette elementi che mancano in Google Chrome e che andrebbero aggiunti

Google Chrome è il browser più recente, che ha ottenuto un minimo di successo, nella così chiamata browser war. Però, a mio parere, è ben lungi dall’essere di eccellente qualità […]

Gli utenti Bing cliccano sugli Annunci Pubblicitari più degli utenti Google

Gli utenti Bing cliccano sugli Annunci Pubblicitari più degli utenti Google

Come tutti noi ben sappiamo, nonostante la miriade di servizi che offre, il core business e la maggiore fonte di introiti per Google sono ancora l’accoppiata Google Search – Google […]

Google Down????!!!!!!

Google Down????!!!!!!

Google non mi appare, non raggiungo ne www.google.it ne www.google.com. Non mi era mai capitato di vedere una schermata come quella che vedete qui sopra. E voi, riuscite a raggiungerlo? […]

6 ottime applicazioni per Adobe Air

6 ottime applicazioni per Adobe Air

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, Adobe Air (Adobe Integrated Runtime) è, in parole povere, un runtime multi-piattaforma che permette di utilizzare e sviluppare alcune applicazioni web come […]

FeedDemon, il feed reader desktop che supererà Google Reader?

FeedDemon, il feed reader desktop che supererà Google Reader?

Grazie alla sua indiscutibile utilità ed immediatezza, Google Reader è diventato in pochissimo tempo il feed reader on-line più amato dai geek (e non solo) di tutto il mondo. Questo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1andrewwwwwww

    Wow ì, però non capisco se questo è un cavo per aiutare il giappone o gli usa

    30 Giu 2008, 9:49 am Rispondi|Quota
  • #2Micheluzzo

    Credo che sia una cavo per migliorare le telecomunicazioni mondiali, non solo tra due paesi. Molto interessante il post!

    30 Giu 2008, 10:02 am Rispondi|Quota
  • #3Carcadons

    Più passa il tempo e più Google acquista potere, adesso controllerà anche un cavo sottomarino oltre al 50% delle applicazioni web 2.0 più usate dagli internauti.
    Da grande utilizzatore dei servizi google non dico che sia un “male”, dico solo che fa riflettere…

    30 Giu 2008, 10:35 am Rispondi|Quota
  • #4Placido

    Bel post, grande google…. dominerà il mondo !! E’ un’esagerazione ma… vedremo

    1 Lug 2008, 4:39 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Google tra i finanziatori di un mega-cavo sottomarino tra Usa e Giappone