Geekissimo

Davvero potrebbe nuovamente spuntare Italia.it?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
6 Luglio 2008
14 commenti
Word

Sicuramente lo ricordate, perché ne avevamo parlato ampiamente all’inizio dell’anno. Ebbene Italia.it, uno dei simboli degli sprechi ministeriali, potrebbe rinascere dalle ceneri, con un nuovo progetto affidato nientedimeno che a Michela Vittoria Brambilla. La chiusura definitiva del portale era stata decisa il 22 gennaio attraverso un comunicato del capo dipartimento per l’Innovazione tecnologica, secondo cui era meglio chiudere, perché – d’accordo l’ex-ministro per i Beni Culturali con delega al Turismo Francesco Rutelli – “il portale non era più funzionale“.

Secondo quanto riporta un comunicato Michela Vittoria Brambilla, sottosegretario dalla Presidenza del Consiglio con delega al Turismo, avrebbe riferito di aver “assunto la gestione del portale Italia.it”. “Non ve ne posso parlare ora – ha spiegato la Brambilla nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi – la storia è complessa e ho bisogno di un po’ di tempo. Ma ho istituito un comitato per le nuove tecnologie anche per dare una risposta a questi problemi”. A nostro modesto avviso non serve un “comitato per le nuove tecnologie” per capire che negli scorsi anni sono stati spesi sette milioni di euro per ottenere poi un portale poco funzionale, poco accessibile e alquanto imbarazzante.


Tra l’altro la Brambilla avrebbe anche spiegato: “Prima di chiedere altri soldi, come ho imparato dalla mia esperienza imprenditoriale, voglio spendere quelli che ci sono. Spendiamo quelli che abbiamo bene, e poi vedremo se ne servono altri”. Secondo indiscrezioni per il progetto sarebbero stati stanziati, dai precedenti governi, circa 45 milioni di euro.

Insomma continuano le polemiche per un vero e proprio scandalo all’italiana. Il portale era stato molto criticato dalla comunità blogger per una struttura vulnerabile, troppo pesante, poco intuitiva e poco compatibile con molti standard di accessibilità del Web. Il 25 ottobre scorso il portale aveva smesso di funzionare: Francesco Rutelli aveva spiegato che “Italia.it” non era salvabile, spiegando di aver cercato di fare di tutto per evitare di staccare la spina, nonostante una dote finanziaria di molto superiore agli effettivi bisogni. Staremo a vedere; come sempre, appena avremo notizie, ve le riporteremo.
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Italian World Channel: un grande portale pro-Italia che parla americano!

Italian World Channel: un grande portale pro-Italia che parla americano!

Come se quasi fosse uno sfottò per il controverso e – opinione personale – inutile Italia.it, sito famoso più per le cifre sborsate da noi italiani per costruirlo (e mantenerlo) […]

Appassionati di StarWars? Ecco a voi Una Nuova Speranza in ASCII Art

Appassionati di StarWars? Ecco a voi Una Nuova Speranza in ASCII Art

Chiudiamo questa domenica con una chicca per tutti gli amanti del buon cinema, nello specifico, per tutti gli appassionati di Star Wars. Simon Jansen, un uomo con tanto tempo libero […]

Phishing, oltre 300mila le vittime in Italia

Phishing, oltre 300mila le vittime in Italia

Mai caduti nella trappola del phishing? Ormai ne parliamo sempre più spesso perché sembra che internet, presente sempre più nella vita degli italiani, stia dando sempre più spazio, purtroppo, anche […]

Italia.it, cronaca di una morte annunciata

Italia.it, cronaca di una morte annunciata

“A ottobre il ministro per i Beni Culturali con delega al Turismo Francesco Rutelli disse che il portale non era più funzionale. Noi di conseguenza abbiamo deciso di procedere ad […]

Cartoline d’epoca e spaziali, gli auguri di Natale facciamoli così!

Cartoline d’epoca e spaziali, gli auguri di Natale facciamoli così!

Che sia cartacea o virtuale, quale miglior modo di augurare buon Natale a qualcuno se non una bella cartolina a tema? Bene allora sarete contenti nel sapere che oggi noi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1okh

    per mettere a capo di questo progetto la Brambilla non dovevano avere proprio nessun altro..

    6 Lug 2008, 10:02 am Rispondi|Quota
  • #2Luca

    l’incompetenza in materia non è ne di destra nè di sinistra, mi basterebbe un governo di persone onesti e umili che di ogni ambito sappiano riconoscere la propria ignoranza e chiedano consiglio a chi inevitabilmente ne sa più di loro sull’argomento.
    italia.it , e mille altri sprechi sono l’esempio di come in italia si seguano direttive a volte sbagliate per interesse politico , a volte semplicemente per incapacità..

    6 Lug 2008, 10:06 am Rispondi|Quota
  • #3newmediologo

    Ma chi è che dice che non serve un “comitato per le nuove tecnologie” servirà sicuramente agli amici della Brambilla che ne faranno parte.. In fin dei conti le esperienze web della Brambilla o comunque di lavora per lei, non sono, a parte i discutibili contenuti, fatte proprio male..

    6 Lug 2008, 10:11 am Rispondi|Quota
  • #4claudio

    la brambilla? magari lo trasforma in un portale per escort …

    6 Lug 2008, 10:26 am Rispondi|Quota
  • #5The_Time

    Ah Ah Ah! Fantastico, è proprio vero che per essere un politico, non bisogna sapere niente (ma far finta di sapere)… Gente che non ha la minima competenza in questo campo. Un ragazzino delle superiori farebbe sicuramente un sito più funzionale, intuitivo e “funzionante” (con meno di 45 milioni di euro, circa 87000000000 di vecchie lire…). Non vedo l’ora di poter usufruire del nuovo italia.it <— Ovviamente scherzo. 😉

    6 Lug 2008, 11:28 am Rispondi|Quota
  • #6Crack

    Ma quanti soldi ci vogliono per realizzare un portale? 45 milioni? Ma stiamo scherzando?

    6 Lug 2008, 11:30 am Rispondi|Quota
  • #7Luca

    putroppo c’è poco da ridere.. questa è una delle incomprensioni italiane quando c’è da investire in qualcosa di pubblico.. Prima il governo stanzia i soldi e in seguito si pensa a come realizzarlo, risultato? Se i soldi non sono abbastanza costruisci metà di quel che devi realizzare ( avete mai visto in giro in qualche servizio ” ogni tanto” grandi opere , ospedali, circonvalazioni , piantate a metà perchè si sono esauriti i fondi? ) mentre in altri casi i soldi abbondano quindi giù ad intascarsi un po’ dei soldi di questa manna o creare dei servizi inutili..
    Bisogna fare PRIMA un progetto e farlo più economico possibile per far si che venga accettato e poi, poi ,poi battere cassa e chiedere l’approvazione. Nessuno sapesse quanto può costare un portale e dire , scusate ma che ci fate con 7 milioni di euro..
    Questa non è politica è amministrare il denaro con un po’ di cervello..

    6 Lug 2008, 12:31 pm Rispondi|Quota
  • #8divertito

    No normalmente io per un portale chiedevo di meno, tipo 25 milioni di euro..
    :D:D:D

    6 Lug 2008, 12:36 pm Rispondi|Quota
  • #9Luca

    putroppo c’è poco da ridere.. questa è una delle incomprensioni italiane quando c’è da investire in qualcosa di pubblico.. Prima il governo stanzia i soldi e in seguito si pensa a come realizzarlo, risultato? Se i soldi non sono abbastanza costruisci metà di quel che devi realizzare ( avete mai visto in giro in qualche servizio ” ogni tanto” grandi opere , ospedali, circonvalazioni , piantate a metà perchè si sono esauriti i fondi? ) mentre in altri casi i soldi abbondano quindi giù ad intascarsi un po’ dei soldi di questa manna o creare dei servizi inutili..
    Bisogna fare PRIMA un progetto e farlo più economico possibile per far si che venga accettato e poi, poi ,poi battere cassa e chiedere l’approvazione. Nessuno sapesse quanto può costare un portale e dire , scusate ma che ci fate con 7 milioni di euro..
    Questa non è politica è amministrare il denaro con un po’ di cervello..

    6 Lug 2008, 12:46 pm Rispondi|Quota
  • #10AleTanz

    mi offro per creare il portale di Italia.it 🙂 …scherzi a parte, ma assumere esperti del settore, competenti e che richiedono una cifra molto inferiore a quella detta, è troppo difficile?

    6 Lug 2008, 1:27 pm Rispondi|Quota
  • #11MaiNick

    Aspettiamo con ansia il nuovo progetto Italia.it
    Voglio vedere proprio a quanto arriva questo bel progetto.

    6 Lug 2008, 1:50 pm Rispondi|Quota
  • #12Tom

    Sinceramente se la smettessero di rifilare i progetti ad amici e parenti magari in questo paese qualcosa funziona.

    6 Lug 2008, 6:15 pm Rispondi|Quota
  • #13Bongo

    Provino a metterci Lukychan, lo sistema in un attimo e le visite salgono alle stelle, soprattutto di tutti coloro che fan parte del mitico funclub.

    6 Lug 2008, 11:01 pm Rispondi|Quota
  • #14Andrea9002

    Penso che il suo sito personale sia già una garanzia… ha ben 2 link esterni signore e signori! , Non zero, non uno ma ben due siore e siori!

    8 Lug 2008, 5:54 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Davvero potrebbe nuovamente spuntare Italia.it?