Geekissimo

Visualizzare i satelliti in orbita intorno alla terra con J-Track 3D

 
Romolo Ganzerli (Seroban)
5 Ottobre 2008
7 commenti

Dal lancio del primo satellite, lo Sputnik, nell’ormai lontano 4 ottobre 1957, l’uomo ha messo in orbita circa 6000 satelliti diversi. Di tutti questi, solo 900 sono realmente operativi. E gli altri 5100? continuano ad essere in orbita nonostante non siano attivi per gli eccessivi costi e le difficolta che implicherebbe un recupero.

Già all’inizio di quest’anno il Centro Europeo per le Operazioni Spaziali ha rilasciato una serie di immagini, come quella che vedete qui sopra, che evidenziano la gravità della situazione, ed il “sovraffollamento” delle orbite intorno la terra. La Nasa a questo proposito ha rilasciato un’applicazione web 3D che rende ancora meglio l’idea, J-Track 3D.


J-Track 3D è un programma in Java che si esegue direttamente dal browser e che, attingendo informazioni da un database interno alla Nasa, è in grado di rappresentare in uno spazio tridimensionale tutti i satelliti in orbita intorno alla terra, in tempo reale. Con l’ausilio del mouse è possibile spostare la mappa, aumentare o diminuire lo zoom e visualizzare l’orbita di un determinato satellite.

Come potete vedere, il numero di satelliti posizionati nell’ orbita geostazionaria attorno la terra è davvero elevato. Vi consiglio di dare un’occhiata al programmino anche se solo per curiosità.

Via | AppScout
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google investe in SpaceX per portare internet nello spazio

Google investe in SpaceX per portare internet nello spazio

Mediante la pubblicazione di un apposito breve comunicato nel corso delle ultime ore è stata resa nota la volontà di Google di andare nello spazio. Si, esatto, avete proprio capito bene perché il […]

Slooh, un osservatorio astronomico Online

Slooh, un osservatorio astronomico Online

Gli appassionati di astronomia, di satelliti e telescopi che aprissero bene le orecchie (o meglio gli occhi) perchè sto per presentarvi un servizio davvero unico nel suo genere. Penso che […]

Isola ecologica #10

Isola ecologica #10

Rieccoci con la decima puntata della rubrica che ricicla. Colgo l’occasione offertami dal numero 10 nel titolo del post per rispiegare cosa si tenta di fare in questo appuntamento. In […]

14 modi per aiutare la scienza nei momenti di inattività del PC

14 modi per aiutare la scienza nei momenti di inattività del PC

Da bravi geek sicuramente amerete il mondo scientifico, così come sarete a conoscenza della funzione del calcolo distribuito, vale a dire quando più computer in tutto il mondo, grazie alla […]

L’iPod è robaccia? Ditelo agli astronauti dello Space Shuttle Endeavour

L’iPod è robaccia? Ditelo agli astronauti dello Space Shuttle Endeavour

Tempo fa si discusse su di una possibile sponsorizzazione dei viaggi spaziali, shuttle con il baffo della Nike che orbitavano attorno alla terra o satelliti con scritte impossible is nothing […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1kayowas

    bello ed interessante, corro a provare

    5 Ott 2008, 8:28 am Rispondi|Quota
  • #2okh

    non ha una grafica fantastica, rende meglio l’idea l’immagine all’inizio dell’articolo.

    5 Ott 2008, 10:08 am Rispondi|Quota
  • #3Tzun

    invece rende meglio l’applicazione in java.
    Nell’immagine al’inizio dell’articolo le dimensioni dei satelliti sono state aumentate..

    5 Ott 2008, 11:10 am Rispondi|Quota
  • #4Maurizio

    Spettacolare, ma non c’è rischio di collisione?

    5 Ott 2008, 11:30 am Rispondi|Quota
  • #5PaceyIV

    Il rischio di collisione è molto basso. Ogni satellite (sia operativo o non) viene costantemente monitorato da terra e si continua a correggere le varie orbite in modo continuato. Semmai, perché non pensano a farli schiantare sull’atmosfera così che brucino e si dissolvano come fanno i meteoriti? O doppiamo proprio tenerci tutta la nostra spazzatura anche attorno alla terra, non solo sulla terra?!

    5 Ott 2008, 12:32 pm Rispondi|Quota
  • #6davide

    Sono visibili durante la notte che potresti scambiarli x stelle

    14 Gen 2010, 6:22 pm Rispondi|Quota
  • #7Marco

    la collisione sarebbe pericolosa…ma i nostri mezzi e la nostra tecnologia non ci abbandonera’ in questo periodo “spaziale”…

    23 Giu 2011, 8:53 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. diggita.it