Geekissimo

“Geek”: istruzioni per l’uso

 
Ivan Trapasso
2 Gennaio 2009
9 commenti

Cari lettori, mi sembra necessario continuare ad elargire dosi di “bicarbonato geek“, in virtù dell’ulteriore abbuffata consumatasi giusto ieri a pranzo. Oggi, però, non si parlerà di servizi o utilities. Piuttosto, oggi scopriamo un’ulteriore ruolo che ogni bravo geek degno di questo appellativo deve saper interpretare: il geek linguista.

Abbiamo sempre ribadito l‘importanza delle lingue per il bravo geek: dall’inglese al latino, l’apprendimento di ogni lingua ne innalza il livello culturale e soprattutto le abilità comunicative. Oggi ci tuffiamo nell’inglese, a dire il vero, poiché dobbiamo far luce su una parola molto interessante, che utilizziamo tutti i giorni (specie qui): “geek“.


Secondo il celebre dizionario Merriam-Webster, il vocabolo “geek” ha una radice etimologica tutta tedesca: proverrebbe, infatti, dal dialetto inglese “geck” (stolto), termine a propria volta derivante dal Basso Tedesco “Geck“. In origine, poi, col sostantivo geek si designava un professionista dell’arte circense, specializzato nell’inghiottire animali vivi (come polli e serpenti).

Nel senso per il quale viene utilizzato oggi, inizialmente aveva un senso fortemente dispregiativo. Col passare del tempo, la figura del geek si è qualificata grazie al progressivo utilizzo nel parlato, nello scritto e soprattutto grazie alle autonomine che attribuivano (e continuano ad attribuire) a “geek” quella particolare sensazione di dedizione completa, passione incondizionata e addirittura, per alcuni, “geek” era sinonimo di figura professionale.

In ogni campo, quindi, l’attribuzione di questo titolo (onorifico, a mio dire) rende l’idea di una persona fortemente appassionata e spinta dal desiderio di conoscere. Sintomo di superficialità, però, è la confusione che spesso si opera tra geek e nerd. Il nerd, un titolo davvero di senso fortemente dispregiativo, è generalmente colui il quale ha, oltre ad uno spiccato amore per la materia, capacità intellettive superiori alla media e spesso accompagnate dall’isolamento e da una scarsa vita sociale (è stata avanzata addirittura una teoria, secondo la quale alcuni nerds e geeks – nel senso spregiativo del termine – soffrirebbero della Sindrome di Asperger).

Altri sinonimi (impropri) sono anorak, otaku, etc. Ogni singola parola, però, ha una sua storia, una sua radice etimologica, delle sfumature di significato che ne rendono affascinante l’utilizzo. Per cui, l’informazione è necessaria: applicare un termine con precisione è importante e prima di titolare qualche persona con qualche appellativo del genere, di cui si conosce il significato solo per sentito dire, è palese segno di superficialità e di scarsa conoscenza in materia.

La superficialità, per un bravo geek, non è ammessa. 😉 Ed eccoci giunti alla fine di questo sproloquio di taglio finemente linguistico; speriamo solo di aver le idee un po’ più chiare sull’argomento e ricordiamo che una googlata è più che sufficiente per chiarire ogni dubbio.

A tutti voi una buona navigazione 😀 A presto!

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Tre nuovi scherzetti informatici per spaventare amici e colleghi

Tre nuovi scherzetti informatici per spaventare amici e colleghi

Dobbiamo ammetterlo, i consigli che ci avete dato in occasione del nostro post sui tre scherzetti informatici per spaventare amici e colleghi sono stati davvero geniali, al limite della diabolicità […]

Utilizzare il proprio editor preferito per visualizzare il codice delle pagine su Firefox

Utilizzare il proprio editor preferito per visualizzare il codice delle pagine su Firefox

Brutto vizio (o, meglio, ottima abitudine), sbirciare il sorgente delle pagine web. Spesso a scopo didattico, talvolta con fini meno benevoli, quest’azione è molto utilizzata da webmaster apprendisti e/o professionisti. […]

Tre scherzetti informatici per spaventare amici e colleghi

Tre scherzetti informatici per spaventare amici e colleghi

Noi geek, false modestie a parte, quando ci mettiamo d’impegno sappiamo essere dei veri bastardi fino al midollo, soprattutto quando ci sono di mezzo amici petulanti e colleghi di lavoro […]

Cultura geek: la nascita dei 9 termini più utilizzati del Web

Cultura geek: la nascita dei 9 termini più utilizzati del Web

Tra sigle, neologismi e singolari abbreviazioni, il mondo del Web sforna ogni giorno una quantità enorme di nuove parole. Vocaboli che, spesso, tutti noi apprendiamo in maniera estremamente celere ma […]

Trucco per scoprire la password dietro gli asterischi

Trucco per scoprire la password dietro gli asterischi

Quante volte vi sarà capitato di andare a fare un login in un sito protetto e di trovare gia il vostro nome con la password inserita? Sicuramente tante volte, e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Alex

    Leggendo questo articolo mi è venuto in mente immediatamente un parallelismo con la confusione dei termini hacker/cracker..

    Comunque sono d’accordo. Prima di dare un appellativo ad una persona è necessario in primo luogo conoscerla abbastanza e, in secondo luogo, essere a conoscenza del reale significato della parola che si sta usando.

    2 Gen 2009, 9:56 am Rispondi|Quota
  • #2dark0

    si potrebbe avere l’immagine dell’articolo senza la scritta “geek”

    2 Gen 2009, 11:54 am Rispondi|Quota
  • Mi ero proprio chiesto da dove derivava la parola “geek”…
    Ottimo articolo

    2 Gen 2009, 12:18 pm Rispondi|Quota
  • #4michele

    @ dark0:
    cercala su flickr, io la trovai li.

    2 Gen 2009, 12:22 pm Rispondi|Quota
  • #5dark0

    michele dice:

    @ dark0:
    cercala su flickr, io la trovai li.

    mi dai il nome per cortesia?

    2 Gen 2009, 2:14 pm Rispondi|Quota
  • #6babbo

    dark0 dice:

    michele dice:
    @ dark0:
    cercala su flickr, io la trovai li.

    mi dai il nome per cortesia?

    http://www.flickr.com/photos/mrbeng/2528076342/sizes/o/

    2 Gen 2009, 3:51 pm Rispondi|Quota
  • #7dark0

    babbo dice:

    dark0 dice:
    michele dice:
    @ dark0:
    cercala su flickr, io la trovai li.
    mi dai il nome per cortesia?

    http://www.flickr.com/photos/mrbeng/2528076342/sizes/o/

    grazie babbo, gentilissimo 🙂

    2 Gen 2009, 7:03 pm Rispondi|Quota
  • #8iXion

    è vero c’è molta confusione in giro,di fatto nerd di solito lo si confonde più con noob che con geek….anche per il simile suono…

    3 Gen 2009, 12:40 am Rispondi|Quota
  • #9Daniele

    Un’altra cosa di cui si potrebbe discutere è come si pronuncia la parola “geek”. Non è affatto scontato.
    C’è chi la pronuncia “jik” e chi “ghik”. Voi che dite?

    3 Gen 2009, 12:41 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. BlahblahFish, ecco l’inghippo nella traduzione - Geekissimo
  2. WeBuzz.im: MSN, gTalk, AIM e Yahoo! Messenger insieme, dal web! - Geekissimo