Geekissimo

Bing Travel, Microsoft propone innovazioni anche per i viaggiatori.

 
Martina Oliva
6 Giugno 2009
0 commenti

travel-1

Il grande periodo di subbuglio che la Microsoft sta attraversando in questo momento sta portando alla luce tutta una serie di prodotti innovativi ed interessanti.

A pochi giorni dal lancio ufficiale del oramai già noto motore di ricerca Bing, ecco prendere corpo un altro interessante strumento di casa Microsoft.
Stiamo parlando di Bing Travel, ossia un ottima combinazione tra Msn Travel e Farecast, strumenti utili per viaggiare che in precedenza Microsoft aveva messo a disposizione dei propri utenti.

Bing Travel si presenta come un interessante prodotto che include tutta una serie di elementi.

In primo luogo si tratta di un prodotto predisposto per analizzare costantemente l’aumento o la diminuzione dei prezzi dei voli ed in base ai risultati saper consigliare l’utente circa l’acquisto del biglietto aereo.

E’ possibile anche impostare Bing Travel in modo che possa avvisare la persona che è interessata a viaggiare nel momento in cui dovessero esserci abbassamenti di prezzo dei voli in meno di 48 ore e quindi una riduzione della tariffa.


Un altro valido elemento messo a disposizione da Bing Travel è quello che analizza le informazioni provenienti da migliaia di alberghi in tutto il mondo determinando così se il prezzo richiesto da ciascuno di essi costituisce una buona offerta o meno. Gli utenti possono inoltre visualizzare una mappa della città con i dettagli di ciascun albergo.

Con Bing Travel è possibile anche scegliere quelle che costituiscono le migliori offerte per viaggiare ed alloggiare, magari combinandole anche insieme. Infatti l’utente, scegliendo la propria città di partenza ha la possibilità di visualizzare quelle che per Bin Travel vengono considerate le migliori destinazioni e per migliori, ovviamente, si sottintende offerte. Ogni utente avrà dunque la possibilità di determinare quella che è la proposta di viaggio e di alloggio più congeniale a sé.

Il sito, pur essendo al momento disponibile solo in lingua inglese, presenta tutta una serie di validi elementi che sembrano promettere bene. Tuttavia essendo un prodotto ancora in fase di sviluppo, al momento vi è qualche piccola imprecisione come ad esempio i dati poco corretti che in alcuni casi vengono riportati dallo strumento che consente di determinare le migliori tariffe.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Bing, il motore di ricerca firmato Microsoft diviene ora “Visual Search”

Bing, il motore di ricerca firmato Microsoft diviene ora “Visual Search”

Altre grandi novità sono in arrivo in casa Microsoft e questa volta sembra trattarsi proprio di qualcosa di davvero interessante. Oramai qui su Geekissimo si è parlato non poche volte […]

BingTweets, un innovativo strumento nato dalla collaborazione tra Microsoft e Federated Media

BingTweets, un innovativo strumento nato dalla collaborazione tra Microsoft e Federated Media

Dopo l’arrivo di Bing, ecco far capolino un altro interessante prodotto di casa Redmond, ossia quello che appare come una sorta di incrocio tra il neo motore di ricerca targato […]

Water Watch, le acque europee direttamente on the web

Water Watch, le acque europee direttamente on the web

Con l’arrivo dell’estate, arriva anche un utile strumento messo a disposizione di tutti gli amanti del mare. Si tratta di Water Watch, ossia il portale online nato dalla straordinaria collaborazione […]

Bing, alla scoperta del nuovo motore di ricerca di casa Microsoft

Bing, alla scoperta del nuovo motore di ricerca di casa Microsoft

E’ finalmente stato reso disponibile all’uso, in versione beta, Bing, il nuovo motore di ricerca lanciato dalla Microsoft, creato con l’intento di prendere il posto di Live Search e di […]

Microsoft pagherà (più o meno) chi usa il suo motore di ricerca. Funzionerà, o è solo una mossa “disperata” anti-Google?

Microsoft pagherà (più o meno) chi usa il suo motore di ricerca. Funzionerà, o è solo una mossa “disperata” anti-Google?

Il potere di Google è ancora troppo spropositato rispetto a quello di Microsoft. E così la multinazionale di Redmond, a sorpresa, ha annunciato ieri che inizierà a pagare chi utilizzerà […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento