Geekissimo

Time incorona Twitter, cambierà il modo in cui viviamo

 
Gabriele Falistocco
8 Giugno 2009
2 commenti

2009-06-07_204819

Il Time dedica un articolo a Twitter e al suo interno pubblica un pezzo intitolato “How Twitter Will Change the Way We Live” (trad.: come Twitter cambierà il modo in cui viviamo). Il sito di “microblogging” viene, così, celebrato sulla copertina più famosa del mondo. Per i pochi che non conoscessero questo servizio, Twitter nasce nel 2006 e permette agli utenti di inviare messaggi di testo, con un massimo di 140 caratteri, tramite il sito stesso, via email, via sms, o utilizzando un servizio di messaggistica istantanea, come msn, skpye o google talk. Ogni messaggio viene poi letto da tutti i follower registrati tramite il sito stesso o tramite sms.

Il famoso settimanale statunitense si sofferma sul modo in cui Twitter ha cambiato, sta cambiando e cambierà il modo di fare informazione online, soffermandosi soprattutto sull’importanza di Twitter come nuovo sistema di comunicazione, come una piattaforma in continua evoluzione e rampa di lancio per rimbalzare informazione di stampo “classico” su altri siti.


I tempi dei famosi downtime (che diedero vita a migliaia di post sui blog di tutto il pianeta, furono la spinta anche per siti come istwitterdown.com), causati da un eccesso di popolarità, sembrano lontani, ma in realtà Twitter ha ancora un grave problema: non produce ricchezza e richiede continui, sempre più pesanti, apporti di capitale e di finanze fresche per sostenere i costi sempre crescenti e compensare i mancati introiti. Facebook, seppur non possa considerarsi perfettamente solido dal punto di vista finanziario, possiede all’interno della sua piattaforma una quantità di informazioni sui propri utenti neanche lontanamente paragonabile a quella che possiede Twitter. Google si è più volte dimostrata interessata a Twitter che potrebbe acquisire, al fine di avere un’arma in più contro Facebook, concorrente che si fa ogni giorno più scomodo all’interno dei piani di espansione dell’azienda di Mountain View.

Ma Google spesso compra e poi si dimentica. Jaiku, il servizio di microblogging considerato un concorrente di Twitter, acquisito da Google qualche anno fa, non è mai stato integrato all’interno della piattaforma di servizi offerti da Google ed è sempre rimasto in disparte all’interno dei progetti di BigG.

E voi che cosa ne pensate di questo slancio di affetto da parte del magazine Time nei confronti di questo servizio di microblogging? Utilizzate Twitter e potete confermare che, in qualche modo, vi ha cambiato la vita?

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Tweetlator, aggiungiamo il supporto multilingue ai nostri tweet

Tweetlator, aggiungiamo il supporto multilingue ai nostri tweet

Come tutti noi sappiamo, l’utilizzo di social network e servizi di microblogging, tra cui spiccano in primis servizi quali Facebook e Twitter, costituisce senz’altro una delle principali attività svolte dall’intera […]

Google integra i Tweets nei risultati di ricerca di Google Search Appliance

Google integra i Tweets nei risultati di ricerca di Google Search Appliance

Con la recente espansione del Web, e la sempre maggiore necessità degli utenti di accedere alle informazioni in tempo reale, molti motori di ricerca e servizi online hanno cominciato ad […]

Plurk: reale alternativa a Twitter?

Plurk: reale alternativa a Twitter?

I continui problemi tecnici a cui Twitter va incontro hanno fatto molto riflettere sulla sua effettiva efficienza, al punto che qualcuno ha cominciato a cercare un alternativa. Forse per il […]

6 ottime applicazioni per Adobe Air

6 ottime applicazioni per Adobe Air

Per chi non ne avesse mai sentito parlare, Adobe Air (Adobe Integrated Runtime) è, in parole povere, un runtime multi-piattaforma che permette di utilizzare e sviluppare alcune applicazioni web come […]

Recordalo: nuovo reminder via email

Recordalo: nuovo reminder via email

Quante volte per navigare in Internet, controllare gli RSS, accettare i vari inviti su Facebook, “twittare” e vedere gli ultimi video inseriti su Youtube ci siamo dimenticati di far qualcosa, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1corrado

    Io credo di rappresentare l'”altra parte” di questo mondo web 2.0: ignoro completamente twitter, e mi sono pure cancellato da facebook quando ho incominciato a vedere le mie foto pubblicate in quel matrimonio, in quell’uscita con amici, ecc.. insomma volevo privacy e me la sono ripresa 🙂

    Per rispondere all’ottimo articolo, quindi: sebbene non abbia letto l’articolo del Time, ritengo che siano parole sprecate, come lo furono per tanti articoli “predittivi” che analizzavano il futuro delle cose.. Il mondo del web cambia così rapidamente da non essere facilmente analizzabile.. tant’è che chi ci riesce ottiene giustamente celebrità e fama, vedi Chris Anderson con l’articolo sulla “long tail”.
    Un altro fatto messo giustamente in risalto dalla rece, e’ che ne’ twitter nè facebook producono utili di alcuna sorta, e assorbono enormi quantità di fondi per mantenere up tutta l’infrastruttura: tutte cose che a lungo andare stancano gli investitori..

    8 Giu 2009, 4:11 pm Rispondi|Quota
  • #2Timothy

    Io usavo twitter, ora sono passato a http://identi.ca/ (è un clone) per il semplice fatto che twitter è CHIUSO, identica invece si basa su laconica che è APERTO e opensource. Consiglio a tutti di fare altrettanto

    8 Giu 2009, 9:16 pm Rispondi|Quota