Geekissimo

I CEO delle grandi aziende ed Internet

 
Gabriele Falistocco
26 Giugno 2009
6 commenti

2009-06-26_001407

Uberceo ha pubblicato una interessante ricerca riguardante il rapporto con il web dei CEO delle prime 100 aziende dell’edizione 2009 della famosa listai di Fortune. I risultati sono stati abbastanza scoraggianti, ma sicuramente non stupiranno più di tanto.

In estrema sintesi, la ricerca conclude che:

– Solo 2 CEO hanno un account Twitter
– 13 CEO hanno un profilo Linkedin, e solo 3 di questi possiedono più di 10 connection.
– 81% dei CEO non possiede una pagina su Facebook
– 75% dei CEO ha una pagina su Wikipedia, ma circa un terzo di questi hanno al loro interno informazioni datate e estremamente sintetiche
– Nessuno dei CEO possiede un blog personale.

I risultati completi della ricerca possono essere scaricati e letti su Uberceo.com, oppure possono essere visualizzati dopo il salto.


Gli amministratori delegati sembrano completamente scollegati da Internet, dando l’idea di essere sconnessi e disinteressati ai nuovi media. Al di là dei regolamenti a cui la loro comunicazione pubblica, in ogni caso, dovrebbe essere sottoposta (Sarbanes Oxley in primis), vi è sicuramente un’occasione persa di contatto con i propri clienti ed investitori. L’utilizzo dei Social Network potrebbe essere molto più complicato di quanto si possa immaginare, ma l’utilizzo di altri strumenti, come dei blog personali, potrebbe raggiungere in ogni caso buoni risultati.

Vi invito, in ogni caso, a dare un’occhiata a questo bell’esempio di comunicazione aziendale di Coca-Cola, creato in occasione della presentazione dei risultati finanziari 2008 del gruppo Coca Cola, e di come un amministratore delegato possa creare un messaggio molto più credibile e convincente di tante altre campagne marketing.

E voi che cosa ne pensate di questa assenza degli amministratori delegati da Internet? Mancanza di tempo, mancanza di conoscenze tecniche oppure paura nell’utilizzo di mezzi di comunicazione?

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Social Ribbon Generator: il tuo blog diventa ancora più social!

Social Ribbon Generator: il tuo blog diventa ancora più social!

Uno dei segreti per avere successo nella rete è senz’altro la necessità, anzi, direi quasi la condizione indispensabile alla quale dover sottostare, di adeguarsi ai tempi, nel bene e nel […]

Due piccole novità per Facebook

Due piccole novità per Facebook

Facebook ha rilasciato due nuove features. La prima è un tool in stile Google Trends chiamato Lexicon che in sostanza è un grafico delle keywords più popolari che sono apparse […]

Pownce sfida il colosso Twitter con qualche asso nella manica

Pownce sfida il colosso Twitter con qualche asso nella manica

Pownce, è un nuovo servizio che consente agli utenti di inviare messaggi,file, link, eventi e agli amici. La versione beta è stata lanciata circa 6mesi fa. E’ stato creato da […]

10 mosse per diventare famosi su Twitter

10 mosse per diventare famosi su Twitter

Oramai anche chi non può definirsi propriamente come geek conosce alla perfezione Twitter, il celeberrimo servizio web di micro-blogging tra i più utilizzati al mondo. Tutto ciò porta all’inevitabile conseguenza […]

5 add-on gratuiti per far diventare Microsoft Outlook un social software

5 add-on gratuiti per far diventare Microsoft Outlook un social software

Microsoft Outlook non ha davvero bisogno di presentazioni, è uno dei software di posta elettronica, agenda, rubrica e lettura dei feed RSS più utilizzati al mondo, però non tutti sanno […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1AleMAG

    e cosa vi aspettavate scusate?
    che gente come s.jobs&co con tutti i caxxi che hanno per la testa, abbiano il tempo di tenere un blog o essere sotterati di sms in twitter/facebook?
    ma per piacere…

    26 Giu 2009, 6:22 pm Rispondi|Quota
  • #2

    Ma quelli ci stanno tutto il giorno a lavoro al computer, vuoi che con la barca di soldi che hanno, gliene frega qualcosa di sprecare il loro tempo a fare i test su facebook? Non mi sorprende che abbiano altri passatempi…

    26 Giu 2009, 7:29 pm Rispondi|Quota
  • #3Leopold

    Scrivo solo: Cui prodest?

    26 Giu 2009, 8:32 pm Rispondi|Quota
  • #4ziopeppe

    secondo me, con tutto il rispetto, semplicemente non hanno tempo da perdere

    26 Giu 2009, 8:45 pm Rispondi|Quota
  • #5Gabriele Falistocco

    Nessuno pensa che il loro blog sia personale e che parlino di quello che fanno durante la giornata, sicuramente sarebbe un blog gestito dal loro ufficio comunicazione. Visto che sono persone che danno molta importanza a certi aspetti, la ricerca mirava solo ad evidenziare il fatto che Internet è un canale ampiamente sottovalutato.

    Il video del CEO di Coca Cola l’ho utilizzato per dimostrare che qualche grande (grandissima) azienda che ragiona in questi termini c’è…

    Tutti i CEO vanno su Bloomberg, ma esistono anche altri canal di impatto molto più grosso… 😉

    26 Giu 2009, 8:48 pm Rispondi|Quota
  • #6Leonardo

    Anch’io sono convinto che abbiano altre cose per la testa, e che gestire un blog nel tempo libero non sia precisamente la loro maggiore aspirazione. A questo aggiungasi, probabilmente, un certo timore di danneggiare/offuscare/deformare la propria immagine.

    27 Giu 2009, 7:09 am Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. I CEO delle grandi aziende ed Internet – Geekissimo