Geekissimo

Il futuro di Internet è a pagamento, parola di Murdoch

 
Andrea Guida (@naqern)
10 Agosto 2009
16 commenti

Rupert Murdoch, il magnate australiano proprietario – tra le altre cose – di Sky, Fox, Wall Street Journal e New York Post, ha deciso: “il futuro di Internet sarà a pagamento”.

A fare da apripista a questa rivoluzione “verde” (e in questo caso l’ecologia c’entra ben poco), manco a dirlo, tutti i siti Internet informativi facenti capo alla News Corp di Murdoch che, tra non molto, offriranno i loro contenuti solo previa pagamento (dei singoli articoli o con abbonamento).

Dal punto di vista di “Sky-Man”, la rivoluzione digitale “ha aperto molti nuovi canali di distribuzione dei contenuti, economici ma non del tutto gratuiti. Inoltre – ha continuato il buon Rupert – bisogna dire che il giornalismo di qualità non costa poco.”.

Ma cosa ha spinto il miliardario nonnetto della terra dei canguri a tuffarsi in un’avventura così rischiosa? Beh, se la perdita di 3.4 miliardi di dollari per News Corp nell’anno fiscale appena terminato vi sembra una buona motivazione, forse avete trovato la soluzione all’arcano.


Peccato che, non più di un mese fa, fu lo stesso proprietario del “Post” a dire che bisognava essere pazienti e non rispondere in maniera spropositata agli scontati risultati finanziari negativi causati dalla crisi globale.

Cosa abbia fatto cambiare idea a Murdoch in maniera così repentina non ci è ancora dato saperlo, ma almeno abbiamo qualcosa su cui scommettere. Quella vecchia volpe di Rupert ha infatti azzardato una previsione sul prossimo futuro, dicendo che “se la modalità pay-per-view per i siti Internet avrà successo, anche la concorrenza finirà per adottarla.”.

Noi non ne saremmo così sicuri, anche perché:

A) Esiste il diritto all’informazione

B) Gli investimenti pubblicitari su Internet aumentano di anno in anno

C) La pirateria non farebbe molta fatica ad impossessarsi del mondo giornalistico in pay-per-view

È vero, la consultazione dei grandi giornali (e con “grandi” intendiamo proprio “grandi”) su Internet potrebbe essere a pagamento, così come lo è quella delle loro attuali versioni cartacee, ma questo non giustifica certo la paventata mercificazione di qualsiasi pagina Web ritragga il logo di un canale all-news, o cose del genere.

Ciò detto, non ci resta che passare la palla a voi per conoscere le vostre opinioni. Secondo voi, il futuro di Internet è a pagamento?

Foto | Flickr
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Comunicati i dati Audiweb: panel del mese di Aprile e quelli censuari giornalieri di Maggio.

Comunicati i dati Audiweb: panel del mese di Aprile e quelli censuari giornalieri di Maggio.

Ieri sono stati comunicati i dati AudiWeb, realizzati in collaborazione con Nielsen Online, riguardo il panel AW View del mese di Aprile. Partendo dal presupposto che questi dati si basano […]

Pizza.com, Il dominio che vale milioni di dollari

Pizza.com, Il dominio che vale milioni di dollari

Quando 14 anni fa, agli albori di Internet, un lungimirante imprenditore di nome Chris Clark registrò il dominio “Pizza.com” per soli 20 dollari, non avrebbe mai pensato di aver fatto […]

Web semantico, Yahoo!, e il miraggio del Web 3.0

Web semantico, Yahoo!, e il miraggio del Web 3.0

Fino ad ora abbiamo parlato continuamente di Web 2.0, di quell’insieme di tecnologie che hanno reso il web il frutto della completa interazione tra utente e contenuti, una rivoluzione che […]

Ecco perchè Internet Explorer 8 non supera il Test Acid 2

Ecco perchè Internet Explorer 8 non supera il Test Acid 2

Una delle maggiorì novità che gli utenti Windows stavano aspettando con ansia, era la perfetta aderenza di Internet Explorer 8 con gli standard Web, ovvero il superamento del Test Acid […]

Geekissimo si rinnova e cambia tema!

Geekissimo si rinnova e cambia tema!

Finalmente anche Geekissimo cambia tema, e lo fa grazie al design by diploD di Davide Del Monte, che già altra volte si è distinto per lavori veramente originali. In questo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Mr_Nick

    Pago già l’abbonamento mensile per Alice 7 Mega e quello basta e avanza. Non c’è che da sperare nel totale fallimento di questo progetto.

    10 Ago 2009, 10:58 am Rispondi|Quota
  • #2lellone

    Il nonnetto australiano presto ma mooooolto presto sarà cacciato dalla penisola italica a calci nel deretano.
    Prima di quanto lui possa immaginare.Si sta allargando troppo.
    Abbiamo esportato la mafia nel mondo,figuriamoci se uno della terra dei canguri riuscirà a mettercela in quel posto.
    Illuso.

    10 Ago 2009, 11:14 am Rispondi|Quota
  • #3milmagura

    ma perchè non se ne va afff….
    lo so che come contenuto non è granchè, ma credo che sintetizzi bene il mio pensiero.

    10 Ago 2009, 11:57 am Rispondi|Quota
  • #4giusalex1

    per i giornali per me va bene infondo devono pur pagare i giornalisti.ma per quanto riguarda gli altri siti ci andrei piano con le dichiarazioni.

    10 Ago 2009, 12:10 pm Rispondi|Quota
  • #5Sla

    Trovo che una soluzione interessante sia quella adottata dal Corriere del Ticino (www.cdt.ch) che on-line propone il succo degli articoli, poi sulla versione tradizionale cartacea ci sono gli articoli completi…e chi vuol approfondire può farlo comprando il giornale…

    Saluti 😉

    10 Ago 2009, 1:33 pm Rispondi|Quota
  • #6@nonimo

    Mr_Nick dice:

    Pago già l’abbonamento mensile per Alice 7 Mega e quello basta e avanza. Non c’è che da sperare nel totale fallimento di questo progetto.

    Quoto e riquoto.
    Mr_Nick dice:

    Pago già l’abbonamento mensile per Alice 7 Mega e quello basta e avanza. Non c’è che da sperare nel totale fallimento di questo progetto.

    @ Sla:
    Ma perchè tu compri ancora il giornale? Ormai ci sono mille giornali gratuiti che sono paragonabili a quelli a pagamento tipo: “City”, “Leggo”, “Epolis”, ecc.

    10 Ago 2009, 2:03 pm Rispondi|Quota
  • #7Federico__

    Il Web (che non è l’Internet, ma ne è solo un servizio) non potrà mai essere a pagamento, in

    10 Ago 2009, 2:16 pm Rispondi|Quota
  • #8Federico__

    Il Web (che non è l’Internet, ma ne è solo un servizio) non potrà mai essere a pagamento, in quanto siamo tutti noi a “fare” la rete mondiale e non 4 siti di informazione….

    10 Ago 2009, 2:17 pm Rispondi|Quota
  • #9Picchio

    ecco un altro riccone che le spara a zero sul web, secondome il nonnino manco sa la differenza fra google e firefox

    10 Ago 2009, 2:49 pm Rispondi|Quota
  • #10Loredano

    Ecco che la generazione delle mummie che ritorna a imporre le loro idee del 1800.
    Ne abbiamo nel governo, nel parlamento, nel senato, nell’industria e ora vorrebbero anche Internet.
    Carissimo Murdoch, Non ti offendo a morte perchè amo l’Australia (a mio avviso un grande paese, altro che la nostra Italietta).

    Un consiglio per tutta la geriatria che in Italia e nel mondo continuano a rompere le scatole cercando di comprendere il nostro mondo :

    Non ce niente da capire ma è ora di morire !

    Grazie

    10 Ago 2009, 3:29 pm Rispondi|Quota
  • #11forniture alberghiere

    Mi pare che alice 20 mega comprenda almeno come opzione la visione di migliai di film a pagamento e già altri lo fanno e ci vivono online, non la vedo proprio come cosa impossibile ed a murdoch potrebbe bastare comprare una spinoff per lanciuare iniziatrive al riguardo magari, con contenuti di alta qualità o specializzati su specifici argomenti, coem sport o altro..

    10 Ago 2009, 7:26 pm Rispondi|Quota
  • #12Mr_Nick

    @ @nonimo:

    ahaha grazie per il doppio quote 😛

    Credo che sia un po’ il pensiero di tutti. E aggiungo che io non “pay per view” per quanto riguarda la televisione e figuriamoci se devo “pay per view” su un sito internet. Murdoch o si droga troppo o troppo poco. Boh!

    10 Ago 2009, 7:51 pm Rispondi|Quota
  • #13Relógios

    non cred Mr Murdoch

    10 Ago 2009, 8:52 pm Rispondi|Quota
  • #14murray

    farebbe piu o meno questa fine:
    http://www.uniriot.org/downloads/tremonti.jpg

    11 Ago 2009, 12:48 pm Rispondi|Quota
  • #15luca

    Beh…certo che il magnate di affari qualcosa ci capisce e il solo pensiero che il futuro di internet sia apagamento mi terrorizza..intanto bisognerebbe dire al magnate (che ridendo e scherrzando col suo sky lo sta mettendo in culo a tutti..è sì…pagate un abbonamento e in più il vecchietto ci mette pure la pubblicità he he…se si paga un abbonamento la pubblicità non dovrebbe essereci..cmq)

    Intanto perchè a pagamento? se la risposta è “bisogna pur pagare i giornalisti quando il cartaceo non ci sarà” certo la modalità cartacea è distinata a sparire ma non si può mettere sullo stesso piano carta e web..sono due mondi diversi..il web di fatto ha delle modalità nuove di interazione nel suo genere,la soluzione non è il pagamento,bisogna pensare a sistemi adeguati al mezzo con cui si comunica…pensiamo al pay per click di google ad esempio…a differenza della pubblicità sui giornali quella sul web è interattiva,si può conteggiare,sapere quanti click vengono fatti su di essa sapere se il prodotto funziona se cambiarlo si possono fare indagini di mercato…se un sito internet di murdock ha sicuramente un traffico considerevole e sicuramente le entrate sono enormi,secondo mè è solo un avido bastardo e se c’è la possibilità di guadagnare di più sicuramente la sfrutta..il brutto è che la gente ci casca…

    dal tronde però bisona anche fare i conti con la concorrenza..su internet non è come con la tv che hai 3 aziende rivali(in italia)..su internet ci sono miglioni di rivali..miliardi…

    il sistema a pagamento non pùò funzionare,spero che la gente non sia disposta a pagare (come fà per sky)anche i siti,tra l’altro per leggere cosa?qual’è il livelloi di informazione?l’informazione come dimostrano i recenti atti in Iran si fà dal basso,il popolo fà la vera informazione ,i blog come questo fanno la vera infomazione (anche se solo in ambito tecnologico).

    l’infomazione che arriva dall’alto è manipolata,fuorviata inevitabilmente dal sistema commenrciale in cui fonde le sue radici.

    il futuro non è repubblica o il giornale che vivono di soldi pubblici il futuro è il blog…è la gente comune!!

    12 Ago 2009, 5:34 pm Rispondi|Quota
  • #16IRONMAIKOL

    INTERNET NON SARA’ MAI A PAGAMENTO QUEL VECCHIETTO AUSTRALIANO HA DETTO SOLO UNA STRONZATA… VISTO CHE LA PIRATERIA INFORMATICA FAREBBE FALLIRE SUBITO QUEL SISTEMA, VISTO CHE SAREBBE MOLTO SCOMODO PER LORO….

    2 Set 2009, 1:20 pm Rispondi|Quota