Geekissimo

Websense e i virus della prima metà del 2009

 
@mister6339 (Michele Laganà)
16 Settembre 2009
2 commenti

viruspc.jpg

WebSense è un’agenzia esperta nel controllo di attacchi virus via rete e non solo. Si occupa di segnalare quotidianamente i nuovi virus che vengono trovate nella rete o nelle email. Come ogni sei mesi, stila un report che ci racconta nei dettagli, come è andato l’aspetto sicurezza nella prima metà dell’anno, in questo caso, oggi, vedremo i primi sei mesi dell’anno 2009.

Il 77 per cento dei siti internet, nella prima metà del 2009 è stato compromesso con l’inserimento di codice maligno all’interno del codice originario. Invece, il 95 per cento dei commenti, lasciati nei blog, chat e forum è composto da commenti di spam. Non è neanche così rosa l’aspetto link maligni, il 69 per cento della pagine contenenti contenuti discutibili (porco, droga o altro) avevano almeno un link maligno e in questi primi sei mesi, ne è stato scoperto un buon 79 per cento tra tutti i siti aperti nella prima metà del 2009.


Gli attacchi che vengono effettuati in rete, sono un 37 per cento, mirati a rubare informazioni personali e dati. La Websense ha rilevato che internet si presenta come il primo vettore per il furto di dati, infatti, nella seconda metà del 2008, c’è stato un buon 57 per cento di attacchi andati a buon fine. E le email? Beh, anche queste non sono tanto “tranquille” come si potrebbe pensare. 85,6 per cento delle email in circolazione in questo primo semestre, conteneva dei link a siti di spam o maligni.

Rimanendo nel tema delle email, nel solo mese di giugno, le email con contenuto malevolo, sono aumentate del 600 per cento rispetto al mese precedente. Leggendo questo report, la situazione non è proprio così tranquilla come potrebbero pensare in tanti, con i giusti sistemi, si può però sviare questo problema. Come sempre, un buon antivirus, un buon controllo da parte dell’utente, possono ridurre drasticamente i rischi!

Fonte | WebSense

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Hotmail aggiunge la connessione https

Hotmail aggiunge la connessione https

Certo, ormai lo sappiamo tutti, se c’è una cosa che ultimamente è sempre più discussa, è sicuramente la sicurezza sul web. Alcuni giorni fa vi abbiamo dimostrato come sia semplice […]

Crea un messaggio sul web che si autodistrugge con Vanish

Crea un messaggio sul web che si autodistrugge con Vanish

Il web 2.0 ha portato una gran mole di dati personali sul web, accessibili in vari luoghi del web che ne rendono spesso impossibile il reale controllo e la possibilità […]

Nuovo virus MSN nascosto sotto falso video di Youtube!

Nuovo virus MSN nascosto sotto falso video di Youtube!

La forma migliore per propagare un virus più velocemente è sicuramente quella dell’invio via email, del virus stesso, come allegato. In questo periodo è stata presa di mira la casella […]

60 servizi web gratuiti per rilevare e rimuovere virus, spyware e malware

60 servizi web gratuiti per rilevare e rimuovere virus, spyware e malware

Come ribadito in diverse occasioni, l’enorme sviluppo delle applicazioni web in questi ultimi periodi si è concentrato non solo in settori come e-mail, ufficio e comunicazione, ma anche in quello […]

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Lo spionaggio di segreti tra le aziende esiste da sempre. Ma probabilmente la tecnologia ha aumentato i rischi, per le aziende, di perdere dati anche per colpa dei propri stessi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1dario

    insomma, la situazione non è messa tanto bene…

    16 Set 2009, 9:42 am Rispondi|Quota
  • #2ietand

    errata, in realtà: il 77% dei siti con codice maligno erano siti legittimi …
    è un po diverso da come è scritto
    cite, scrivendo “Il 77 per cento dei siti internet, nella prima metà del 2009 è stato compromesso con l’inserimento di codice maligno all’interno del codice originari” sembrerebbe dire che il 77% dei siti in circolazione sia stata infettata mentre loro parlano della percentuale (comunque preoccupante) di siti infettanti

    16 Set 2009, 11:16 am Rispondi|Quota