Geekissimo

La RIAA spera nell’educazione dei bambini per combattere la Pirateria

 
Superkick
20 Settembre 2009
7 commenti

RIAA

Sicuramente tutti voi conoscerete la RIAA, Record Industry Association of America, probabilmente la più famosa società il cui scopo è la tutela dei diritti digitali delle maggiori etichette discografiche, un compito molto arduo che ha inevitabilmente messo l’organizzazione in cattiva luce, portando a volte anche a casi di attacchi informatici al loro sito ufficiale. Nonostante veri e propri casi di “estremismo”, comunque, recentemente la RIAA ha deciso di “redimersi”, dichiarando ufficialmente che secondo loro il DRM è morto, e che bisogna tentare altre strade per proteggere i contenuti digitali. Siamo sicuri, però, che queste nuove strade siano del tutto politically correct?

Recentemente la RIAA ha aggiornato il suo curriculum “Music-Rules!“, per incoraggiare i giovani a creare progetti di gruppo contro la Pirateria online, invitando allo stesso tempo i propri compagni a sfruttare le alternative sicure e legali per acquistare musica digitale, iTunes in primis.

Immaginate di essere nel mondo della musica, con il vostro team di dipendenti dell’industria musicale, pianificando una campagna d’informazione per far conoscere agli altri i validi motivi per cui è importante ottenere la musica nel modo giusto. Vorrai sicuramente convincere i tuoi compagni di classe a rendere il tuo progetto un progetto comune, coinvolgendo tutti.

Sfida: come prossimo passo, contatta il direttore del giornale della tua comunità, o l’emittente televisiva locale per far promuovere la tua iniziativa, eventualmente inviando un articolo o un video sulla tua campagna.

Cosa ne pensate, progetti di educazione o tentativi di strumentalizzazione?

Via | Downloadsquad

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google vuole combattere la pirateria con l’advertising

Google vuole combattere la pirateria con l’advertising

Che Google cerchi di darsi il più possibile da fare per combattere la pirateria non è sicuramente una novità ma che ora voglia farlo sfruttando l’advertising si. Secondo Google, infatti, […]

Nuovo spot Anti-Pirateria dalla SIIA, cosa ne pensate?

Nuovo spot Anti-Pirateria dalla SIIA, cosa ne pensate?

Chissà quante volte, mentre scaricavate un file illegale, non avete pensato minimamente alle conseguenze che potevano avere gli artisti ai quali stavate rubando il lavoro, il frutto dei loro sforzi, […]

Secondo una ricerca i cosiddetti “giovani” sarebbero “molto felici” di pagare per scaricare musica legalmente

Secondo una ricerca i cosiddetti “giovani” sarebbero “molto felici” di pagare per scaricare musica legalmente

Premesso che io odio la parola “giovani”, oggi parliamo di una statistica inglese che farà molto parlare di sé e di conseguenza discutere: da un sondaggio fatto tra ragazzi e […]

La Comcast, importante provider internet, inverte la rotta e non perseguirà più chi scarica illegalmente. L’inizio di una nuova era?

La Comcast, importante provider internet, inverte la rotta e non perseguirà più chi scarica illegalmente. L’inizio di una nuova era?

Ultimamente in numerose occasioni (qui, qui o qui solo per fare qualche esempio) ci siamo occupati del comportamento dei provider nei confronti degli utenti “pizzicati” nel fare largo uso di […]

YouTube e il grande problema del copyright

YouTube e il grande problema del copyright

Oggi vorrei proporvi una riflessione sull’importanza di YouTube e l’annoso problema dei diritti d’autore. Un argomento talmente vasto che si potrebbe scrivere una tesi di laurea. Noi, ovviamente, ci limiteremo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Marco

    non sanno piu cosa fare… e sperano che altri trovino la soluzione…

    20 Set 2009, 1:51 am Rispondi|Quota
  • #2Matt

    But also not.

    20 Set 2009, 2:00 am Rispondi|Quota
  • #3@nonimo

    Basterebbe regalare i programmi, la musica, i film, ecc.
    Questa sarebbe la soluzione per mettere FINE alla pirateria.
    I soldi potrebbero gudagnarli con la pubblicità, anzichè chiederci 2000 € per un programma.

    Andassero a zappare la terra…

    20 Set 2009, 2:33 pm Rispondi|Quota
  • #4Daniele, Napoli

    credo che l’educazione sia l’unico rimedio non solo alla pirateria musicale. Ma ci vorranno decenni, nel frattempo per ciò si inventeranno qualche altra cosa inutile.

    20 Set 2009, 4:14 pm Rispondi|Quota
  • #5fast23

    noi, invece, speriamo nell’educazione dei bambini per combattere la RIAA

    21 Set 2009, 11:56 am Rispondi|Quota
  • #6@troopy78

    Copiare non è furto e non è pirateria. E’ ciò che abbiamo fatto per millenni, fino all’invenzione del copyright.
    Lo abbiamo anche cliccando sul tasto destro del nostro mouse…
    La Storia del Copyright (e parla "moolto" anche della RIAA)
    Tratto dal capitolo "Piracy, a little intellectual proprety history" del libro "Information Feudalism: Who Owns the Knowledge Economy?".
    Peter Drahos, John Braithwaite
    http://bit.ly/aqnfVu

    19 Mar 2010, 3:17 pm Rispondi|Quota
  • #7SERVER

    TENTARE DI FERMARE LA PIRATERIA E' COME SE UN POPOLO AFRICANO ARMATI DI SPADE DI LEGNO VOGLIA FERMARE UNA GUERRA NUCLEARE: GUERRA PERSA ANCORA PRIMA DI INIZIARLA NON SE LO METTONO IN TESTA!

    3 Gen 2011, 2:49 am Rispondi|Quota