Geekissimo

Digg punta di più sugli Ads

 
Fulvio Minichini
20 Ottobre 2009
0 commenti

digg-ads

La questione del come fare soldi dalla rete rimane come sempre una delle questioni di punta sulla blogosfera. I grandi della rete hanno in qualche modo escogitato qualcosa, Google con i suoi programmi AdWords fa miliardi, Facebook durante il corrente mese ha finalmente generato profitti, in buona parte grazie ai suoi Social Ads.

Un altro grande protagonisti sulla scena degli Ads, anche se non della mole di Google e Facebook, è Digg, il noto servizio di tracking.

Lo staff di Digg già è da un po’ che sta lavorando a migliorare il proprio servizio di Ads, le percentuali di click tradizionali possono andar bene per Google, che gioca su un numero di impressions inequiparato. Ma quando servizi meno capillari come Facebook o Digg devono incominciare a tirare acqua al mulino, hanno bisogno di invntarsi qualcosa di più remunerativo.

Il team di Digg ha sviluppato ed implementato diverse idee valide, ultima la possibilità di integrare stories esistenti all’interno degli ads. I publisher saranno in grado di selezionare alcuni digg che ritengono inerenti alla propria campagna, ed inserirli nel box dell’ad che pubblicheranno.


In questo modo oltre al banner linkabile, l’utente visualizzerà anche le stories nate indipendentemente dalla volontà dei diretti interessati (o almeno così si presume); questo tipo di pubblicità ha sempre dimostrato la sua efficacia. E’ la solita vecchia storia del testimonial, solo che nel caso di Digg, anziché fare leva sulla fiducia o la curiosità che ispira una persona conosciuta (come per i Social Ads di Facebook), si fa leva sull’autorevolezza della community. Una storie molto diggata è meglio di un semplice banner, probabilmente automaticamente ignorato dal nostro cervello allenato.

Al momento Digg vende questo tipo di ads con la formula CPM (costo per mille), cosa che probabimente cambierà presto dato che tutte le altre forme di pubblicità previste dal portale sono vendute con la formula CPC (cost-per-click). Staremo a vedere se questa iniziativa avrà successo, anche se Digg al momento dovrebbe preoccuparsi più di come non essere divorato da Twitter ed alcune sue estensioni che lo trasformano in un vero e proprio tracker.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Qualche numero sulla campagna di Ads di Digg

Qualche numero sulla campagna di Ads di Digg

In un’intervista alla Fox Business News, di cui potete vedere il video in inglese, Jay Aldson, CEO di Digg ha rilasciato dei dati interessanti sulle statistiche raccolte dall’inizio della campagna […]

Social Ads e pubblicità interattiva, una nuova era?

Social Ads e pubblicità interattiva, una nuova era?

L’indiscusso successo della rete in termini di partecipazione ha una preoccupante ombra su di esso. Dopo l’euforia della New Economy e la catastrofe delle dotcom che ne venne di li […]

Youtube ancora più social, parola d’ordine è condividere

Youtube ancora più social, parola d’ordine è condividere

La definirei una specie di rivoluzione quella che è avvenuta su YouTube nelle scorse ore, infatti è stata data un impronta ancora maggiore verso il web 2.0 e la condivisione. […]

JustAddMe: come aumentare facilmente i nostri amici sui social network

JustAddMe: come aumentare facilmente i nostri amici sui social network

Se siamo dei blogger sappiamo quanto è importante che i nostri lettori ci aggiungano ad ogni social network come flickr, Facebook, Ning o Digg ma fino ad oggi non c’era […]

Pownce sfida il colosso Twitter con qualche asso nella manica

Pownce sfida il colosso Twitter con qualche asso nella manica

Pownce, è un nuovo servizio che consente agli utenti di inviare messaggi,file, link, eventi e agli amici. La versione beta è stata lanciata circa 6mesi fa. E’ stato creato da […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento