Geekissimo

Il governo Cinese blocca IMDb, ancora un’altra censura

 
Superkick
11 Gennaio 2010
21 commenti

Purtroppo, nonostante l’inizio del terzo millennio sia passato ormai da ben dieci anni, la situazione mondiale è cambiata ben poco per quanto riguarda il numero di conflitti e di dittature nel mondo, vere e proprie piaghe dell’umanità che dovrebbe vergognarsi di tollerare ancora nel 2010 simili ingiustizie. Uno degli esempi più lampanti è la Cina, una dittatura che sembra avere tutta l’intenzione di rimanere al potere almeno per i prossimi 50 anni, e che compie giornalmente pesanti atti di censura per indottrinare le nuove generazioni e consolidare il suo potere.

I casi di censura attuati dal governo cinese sono moltissimi. Tra i tanti vi citiamo l’esistenza del Great Firewall cinese, la censura di Twitter, Blogger e Bing, la censura di FeedBurner, il tentativo di installare un filtro del governo su ogni pc (poi fortunatamente annullato), l’impossibilità di registrare nuovi domini, la censura di tutti i siti di video sharing non statali ed addirittura la poca disposizione a fornire connessioni libere da censura in occasione delle Olimpiadi di Pechino. Sono tutti fatti estremamente gravi, soprattutto considerando che sono solo una piccola parte delle censure messe in atto dal governo cinese.

L’ultimo caso di censura, avvenuto qualche giorno fa, è l’oscuramento di Internet Movie Database (spesso abbreviato con IMDb), il famoso database online di proprietà di Amazon che contiene informazioni su film, attori, registi, DVD, programmi televisivi, spot pubblicitari e videogiochi. Probabilmente la censura è scattata per la presenza su IMDB di contenuti ritenuti sovversivi, o anche minimamente contrari alla rigida dottrina dittatoriale imposta dal regime. Speriamo fortemente che almeno questo atto di censura venga annullato, per lasciare ai giovani cinesi almeno una speranza di libertà e democrazia per il futuro, che purtroppo non gli si prospetta molto roseo se le cose continueranno ad andare così.

Via | Digital Inspiration

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Le proteste in Iran viste dal web

Le proteste in Iran viste dal web

Su Geekissimo spesso si parla di censura web, effettuata da parte di regimi democratici o regimi dittatoriali. Un regime poggia gran parte del suo potere su violenza, repressione e, soprattutto, […]

Wikipedia atto secondo (ed ultimo)

Wikipedia atto secondo (ed ultimo)

Siamo al secondo atto di una diatriba che vede sei importanti provider britannici contrapporsi a Wikipedia, accusata, come vi abbiamo raccontato, di diffondere pedopornografia. Dopo la controversa inclusione di Wikipedia […]

La Cina non garantisce che internet sarà “completamente aperta” durante i giorni delle Olimpiadi

La Cina non garantisce che internet sarà “completamente aperta” durante i giorni delle Olimpiadi

Ci ritroviamo spesso a parlare di Cina, diritti umani e connessioni a internet. Come sapete in Cina è in azione una forte repressione nei confronti di blog e servizi “social” […]

In aumento la censura in Internet

In aumento la censura in Internet

Che la rete cinese venga puntualmente monitorata e censurata dalle autorità competenti non è certo un mistero. Ma ovviamente da qualche settimana le maglie della censura sono ancora più strette, […]

YouTube e il grande problema del copyright

YouTube e il grande problema del copyright

Oggi vorrei proporvi una riflessione sull’importanza di YouTube e l’annoso problema dei diritti d’autore. Un argomento talmente vasto che si potrebbe scrivere una tesi di laurea. Noi, ovviamente, ci limiteremo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Luigi_

    Grande!!! W il comunismo!

    11 Gen 2010, 12:30 am Rispondi|Quota
  • #2Giuseppe Tripodi

    @Luigi: ma voleva essere una battuta?
    Spero di sì. E lo dico nonostante la mia ideologia di sinistra, sulla quale ho molto ponderato durante questi ultimi anni.
    Facendola molto breve, spero che il tuo "W il comunismo! " fosse una battuta perché in Cina è proprio un governo di stampo comunista che opera censura pur di indottrinare i giovani a seguire il Partito Comunista Cinese (che ormai di "comunista" ha ben poco, ma questa è un'altra storia.)
    Col tempo ho imparato che è sempre male riempirci la bocca di parole più grandi di noi e che l'unico vero comunismo condivisibile è quello teorizzato da Marx ed Engels.
    Chiudo il mio commento col mio perenne invito alla lettura di uno dei libri che più mi ha cambiato la vita: 1984 , di George Orwell.

    11 Gen 2010, 1:18 am Rispondi|Quota
    • #3Sem

      a' giusè, ho militato in Lotta Comunista per 4 anni, ma non rompo i cojoni a li ragazzetti, eh daI! era una battuta! figurati se sa tutto quel che c'è dietro.. stai tranquillo e magna meglio!

      11 Gen 2010, 3:19 am Rispondi|Quota
    • #4Luigi_

      Giuseppe, stai davvero aspettando una risposta? Mi auguro di no, perchè è palesemente ironico!
      La mia ideologia è di destra ma condivido il tuo pensiero. Sono curioso riguardo al libro di Orwell. Lo leggerò.

      11 Gen 2010, 8:47 am Rispondi|Quota
    • #5Altair_Ita

      nonostante io non sia di sinitra posso quotare tutto ciò che hai detto… eccezion fatta per: "l'unico vero comunismo condivisibile è quello teorizzato da Marx ed Engels" (non la condivido poichè secondo il mio pensiero è un'ideologia nata morta)
      per il resto è vero orwell ti apre gli occhi non solo con 1984 ma anche con la fattoria degli animali ( che se non hai letto te la consiglio caldamente) 😀

      11 Gen 2010, 12:21 pm Rispondi|Quota
    • #6Silver D

      Il comunismo come lo ha attuato l'uomo non ha niente a che vedere con quello teorizzato da Marx e questo mi dispiace non poco.
      Siamo nel terzo millennio e ancora si sente abomini come questo… considero il sistema dittatoriale l'unica forma di governo valida per comandare un paese (attenzione! Non confondete dittatura con tirannia!!!) purchè se ne faccia un buon uso di quella forma di governo (come tutte le cose d'altronde) e non incentrate a rincoglionire le masse al fine di ottenre ciò che chi è al potere vuole. Dittatura si, ma oppresione sistematica del popolo no.

      Capisco che le mie idee sembrano un po' antiquate ma non reputo la democrazia un sistema politico capace di accontentare un popolo: la maggior parte si, ma il resto? Nelle dittature che mi immagino io, se viene presa una decisione che non va bene ad una minoranza, si scende a compromessi affinchè venga approvata a cnhe da quella minoranza.

      Scusatemi se sono andato fuori tema, ho finito 🙂

      11 Gen 2010, 1:59 pm Rispondi|Quota
  • #7paolo

    condivisibile? assolutamente no…
    se ne vedono tutti i giorni gli effetti …

    11 Gen 2010, 9:10 am Rispondi|Quota
  • #8Nicola

    Bravo Giuseppe, Concordo in pieno con quanto hai detto. Vorrei aggiungere solo che la censura di iMdb è solo un piccolissimo tasselllo della censura FASCISTA del governo cinese, che oramai ha assunto toni tragicomici per il suo anacronismo.
    Ma ricordiamoci che siamo noi occidentali ad aver appoggiato e condiviso piu volte questo stato di cose nel paese oltre la muraglia. Per anni abbiamo USATO la forza lavoro cinese per far quattrini e adesso siamo noi gli stessi che gridiamo allo scandalo quando sentiamo queste notizie. Ora potremmo boicottare i prodotti Made in China ma è troppo tardi (provate a trovare un giocattolo che non lo sia e poi vediamo). Cosa fare quindi? Potremmo provare con chi è gia qui. Educare la gioventu cinese che nasce qui ai diritti civili minimi per una democrazia, che non è detto sia la migliore del mondo, ma a grandi linee funziona, e metterli in grado di esportare i valori assimilati.
    Come? ci vorrà tempo? Certo che ce ne vorrà, ma non crediate che scardinare il modello di vita cinese sia cosa facile. In fondo si tratta di un popolo che ha scacciato una monarchia per ritrovarsi a vivere sotto una dittatura peggiore.
    Sembrano immuni e proni di fronte alla bestialità del loro governo. Ma sono piu di un miliardo!!! Vi rendete conto? Secondo voi un miliardo di persone organizzate, quanto ci mettono a buttare all'aria tutto?
    Questo è l'unico obiettivo dell'oligarchia cinese, dividere (e in un paese così grande e fondamentalmente povero è facilissimo) e imperare. Internet è una minaccia e la vogliono bloccare, ma non potranno farlo per sempre. Continuiamo e insistiamo con chi è gia fuori di confini. Quando e se rientreranno saranno loro la voce di internet, saranno loro a far crollare in un mare di cocci la muraglia che molti dei loro compatrioti hanno non solo davanti agli occhi ma nell'anima.

    11 Gen 2010, 9:28 am Rispondi|Quota
  • #9Ubas

    sinceramente la cosa che più mi impressiona è come il mondo se ne frega della cina solo perchè non ha petrolio da conquistare o ricchezze da depredare…Mondo del cavolo….se mi censurassero il web qui in italia????? ditemi quando e iniziamo a preparare la resistenza ^_^

    11 Gen 2010, 10:55 am Rispondi|Quota
  • #10@nonimo

    C'è da precisare comunque che la censura è locale, cioè il governo ha obbligato i fornitori di servizi Internet a bloccare quel sito tramite i loro DNS.

    Dopo tutte le censure che ci sono state, dubito che i giovani cinesi non si siano dati una mossa e abbiano cambiato DNS utilizzandone altri come GoogleDNS o OpenDNS!

    Ricordo che tempo fa qui successe lo stesso per ImageShack: fu oscurato tutto il server #2 perchè fu scoperta (se non ricordo male) un'immagine porno. Io, che utilizzavo OpenDNS, non me ne accorsi proprio! Lo scoprii solo leggendolo sui vari blog.

    11 Gen 2010, 2:22 pm Rispondi|Quota
  • #11@widesoul

    Odio essere maleducato, ma il primo che ha commentato è un grande!, coglione.
    Non so che dire, mi dispiace molto per i cinesi =(.

    11 Gen 2010, 2:18 pm Rispondi|Quota
    • #12Luigi_

      Odio essere maleducato, MA TU PROPRIO NON CAPISCI UN _C A Z Z O_ E PARLI PURE!
      Era una battuta e voleva essere solo provocatoria.
      Tutti l'hanno capita.
      Addirittura anche Sem….
      TU NO!
      Fatti un esame di coscienza….._C O G L I O N E_

      13 Gen 2010, 1:14 pm Rispondi|Quota
  • #13Lorenzo

    SCANDALOSO!

    11 Gen 2010, 7:27 pm Rispondi|Quota
  • #14Dani

    Fortuna che in Italia certe cose non succedono.

    11 Gen 2010, 10:12 pm Rispondi|Quota
  • #16Luigi_

    @Giuseppe

    Davvero aspetti una risposta? Mi auguro di no. Perchè è palesemente ironico.
    Nonostante la mia ideologia politica sia a destra condivido il tuo pensiero.
    Mi incuriosisce il libro di Orwell. Lo leggerò 🙂

    11 Gen 2010, 11:58 pm Rispondi|Quota
  • #17Luigi_

    @ Giuseppe Tripodi

    Eddai, davvero non si capiva l'ironia?
    Cmq, nonostante le mie ideologie di destra, condivido il tuo pensiero.
    Il libro di Orwell mi incuriosisce….lo leggerò.

    Cara redazione di geekissimo, ti comporti come la cina? è la quarta volta che riscrivo la risposta…su…non comportarti come meglio ti riesce….autorizza questo contenuto. O ti infastidisce la "normalità" della risposta????
    Moderatore?? su su …. fai il tuo dovere ONESTAMENTE!
    NON CENSURARE RECLAMANDO POI IL DIRITTO E LA LIBERTA' DI STAMPA!

    12 Gen 2010, 12:24 pm Rispondi|Quota
    • #18Valerio Caruana

      Scusa eh, non per dire niente, ma ti sei reso conto che ora di commenti tuoi ne abbiamo pubblicati 4??? Non ti abbiamo nemmeno cancellato i duplicati. Vorrei ribadire questo concetto, non rivolto particolarmente a te ma a tutti gli utenti, visto che non è la prima volta che fanno queste affermazioni: GEEKISSIMO NON FA POLITICA, NON E' FINANZIATO DA NESSUNO SE NON DAGLI ADVERTISER E DAI SUOI LETTORI, E NON ABBIAMO ALCUN MOTIVO DI CENSURARE ALCUNCHE'. Non ci paga né la CIA, né l'FBI, né Obama e nemmeno Gesù Cristo per censurare alcuni commenti. Scusate lo sfogo, ma in quasi tutti i post è PIENO di utenti che gridano alla censura, salvo poi trovarsi TUTTI i commenti regolarmente pubblicati. Bastava aspettare un pò 😉

      12 Gen 2010, 8:10 pm Rispondi|Quota
      • #19Luigi_

        Ok, ammetto l'esagerazione e chiedo scusa. Il fatto è che il primo commento di questo articolo non ha avuto bisogno di moderazione. Poi quando ho voluto rispondere a Giuseppe Tripodi mi vedevo il commento in attesa di moderazione da parte degli amministratori. Dopo un giorno e mezzo ho visto nuovi commenti tranne il mio. L'ho riscritto, ma dopo un'altra mezza giornata ancora niente.
        Non voglio fare polemica, ne tantomeno etichettare chicchesia del blog (che tra l'altro l'ho scoperto da poco e mi interessano gli articoli che pubblicate), però mettiti per un attimo nei miei panni e pensi che magari ci possa essere un moderatore "sensibile" che non ti prende in simpatia per quello che scrivi. E SAREBBE NORMALE, SIAMO ESSERI UMANI.
        Io purtroppo non conosco i vostri tempi. E infatti (ripeto) ho aspettato due giorni prima di rompere le biglie. Sicuramente da oggi aspetterò di più.
        Non me ne vogliate.
        🙂

        13 Gen 2010, 9:16 am Rispondi|Quota
        • #20Valerio Caruana

          E' probabile che quando hai inviato il tuo commento non c'era nessuno online per moderare, e quindi (vista la mole di commenti inviati a Geekissimo ogni giorno) quando se ne sono aggiunti di nuovi il tuo è finito in coda, agli ultimi posti visto che in amministrazione vengono ordinati mostrando prima quelli inviati da meno tempo. Succede spesso così, e non è molto improbabile vedersi pubblicato ad un certo orario un commento inviato sicuramente dopo del proprio, che però ha avuto la fortuna di trovare subito un moderatore online.

          14 Gen 2010, 1:52 pm Rispondi|Quota
  • #21niccodemo

    Luigi ha ragione da vendere…..io non ho rotto le biglie come lui e il commento me l'hanno semplicemente ignorato. Non c'erano insulti né bestemmie: solo una dura presa di posizione contro il comunismo.
    Ma questo forse dà ancora fastidio a tanti…..

    14 Gen 2010, 10:41 am Rispondi|Quota