Geekissimo

Google ci ripensa, resta in Cina e riapplica la censura

 
Andrea Guida (@naqern)
15 Febbraio 2010
12 commenti

I tanti cinesi che, in segno di protesta, avevano deposto dei fiori davanti agli uffici di Google possono tirare un sospiro di sollievo. I rapporti tra il colosso di Mountain View e il governo di Pechino stanno per tornare idilliaci come un tempo. Tutto all’insegna della censura, ovviamente.

Il clamore delle scorse settimane, l’incidente diplomatico sfiorato tra USA e Cina, tutto finito sotto il tappeto. È brutto da dire, ma i sogni di libertà di miliardi di persone sono destinati ad infrangersi contro un patetico disclaimer visualizzato sulle pagine di Google.cn (According to local laws, regulations and policies, some search results are not shown) e contro la solita montagna di bigliettoni verdi in ballo.

Queste le dichiarazioni di Sergey Brin, uno dei fondatori di ‘big G’, sull’argomento: «Siamo stati in grado di censurare sempre meno ed ora avvertiamo gli utenti quando le leggi locali ci impediscono di fornire loro l’accesso a determinate informazioni». E non è finita qui.


Secondo il pezzo grosso di Google, il comportamento della sua azienda nei confronti del governo di Pechino “ha portato a un grosso cambiamento”, spingendo molti altri gruppi a seguire le sue orme e avere un rapporto più cristallino con gli utenti.

In ogni caso, l’accordo definitivo non è ancora stato trovato. Il gigante di Mountain View vuole rimanere in Cina, per farlo è disposto a ripristinare le censure volute dal regime comunista, ma qualcosa – almeno per gettare un po’ di fumo negli occhi all’opinione pubblica – dovrà cambiare. E visto che la definizione di questo qualcosa richiederà sicuramente del tempo, la fine della telenovela Google VS Cina è tutt’altro che vicina.

A questo punto, non ci rimane che darvi appuntamento alla prossima puntata… sempre che il governo cinese lo voglia!

[Via | Filippo Corti su Buzz] [Photo Credits | Veen su Flickr]
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Wikileaks: governo cinese dietro attacchi hacker a Google

Wikileaks: governo cinese dietro attacchi hacker a Google

Oltre a sputtanare i leader politici di mezzo mondo, i rapporti segreti pubblicati ieri da Wikileaks hanno messo in luce le opinioni delle autorità americane sugli attacchi hacker ricevuti da […]

Google lascia la Cina, o quasi

Google lascia la Cina, o quasi

Le indiscrezioni trapelate la settimana scorsa si sono rivelate veritiere. Ieri Google ha mosso il primo vero passo verso l’abbandono della Cina, ma attenzione a pensare che il colosso di […]

Google ci ripensa ancora, al 99.9% via dalla Cina

Google ci ripensa ancora, al 99.9% via dalla Cina

Proprio come volevasi dimostrare, la telenovela relativa allo scontro tra Google e Governo cinese è tutt’altro che finita. E così, dopo che la situazione sembrava essersi stabilizzata, ecco ripiombare il […]

Google, adesso la Cina vuole oscurarlo e creare una Internet tutta sua

Google, adesso la Cina vuole oscurarlo e creare una Internet tutta sua

Come facilmente immaginabile, quello che è nato come uno scontro fra Google e regime cinese si è presto trasformato in braccio di ferro diplomatico fra Stati Uniti e Cina. A […]

Google VS Cina: tutta colpa di Microsoft… e dei profitti

Google VS Cina: tutta colpa di Microsoft… e dei profitti

Google ha cambiato idea, non andrà via dalla Cina. Ma si opporrà a qualsiasi forma di filtro. Microsoft, dal canto suo, si dice perplessa sull’atteggiamento di “big G” e annuncia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Lorenzo

    scandaloso..

    15 Feb 2010, 11:35 am Rispondi|Quota
  • #2Blomm

    Boicottiamo Google !
    Che bastardi viscidi, era chiaro sin dall’inizio che lo avevano fatto per fregare utenza ad IE e Baidu.
    Ora con Muzz pure Twitter vogliono fregare. MI sembrano dei bambini che non sanno più con cosa giocare ed a chi rompere i benedetti mar0ni.

    15 Feb 2010, 12:54 pm Rispondi|Quota
  • #3R4MP4G3

    Facciamo casino, mettiamo di mezzo MS, screditiamola, riprendiamo gli accordi e con loro, soldi e utenti per Chrome….=D

    15 Feb 2010, 12:40 pm Rispondi|Quota
  • #4valerio

    La verità è che Google ha detto di non volere più censurare, ma non è mai passato all'azione. Al momento stanno ancora trattando con Pechino, che è quanto ha detto Brin. L'errore nelle settimane passate, che abbiamo fatto tutti, è credere che la censura fosse già stata rimossa. Per ora è più morbida di prima, comunque.

    15 Feb 2010, 2:51 pm Rispondi|Quota
  • #5Jean Lafitte

    alla fine ha vinto il buonsenso.

    15 Feb 2010, 1:51 pm Rispondi|Quota
  • #6Alan

    Molto scandaloso davvero……..

    15 Feb 2010, 2:09 pm Rispondi|Quota
  • #7Raziel86

    Come a dire che al peggio non c'è mai fine.

    15 Feb 2010, 3:19 pm Rispondi|Quota
  • #8abba

    Fortuna che MS e Bing erano il peggio: anche Google non è da meno, per 300 milioni di utenti cinesi si vende pure l'anima (le libertà di informazione).

    Cercate "Free China", "Tibet" o "Dalai Lama" sul google cinese: una bella pagina vi avvertirà che non esitono pagine web (ma neppure una in tutta Internet!1) che abbia quelle parole. Probabilmente – pensa un cinese – non esistono…

    15 Feb 2010, 4:23 pm Rispondi|Quota
    • #9@nonimo

      E voglio vedere te al posto di Google cosa avresti fatto!

      E' bello parlare quando non si è nelle circostanze…Google ci mangia dalle persone che lo usano. E non credo che 300 milioni di utenti siano niente!

      15 Feb 2010, 5:36 pm Rispondi|Quota
  • #10claudio

    vabbeh, se non altro ora i cinesi sapranno quando i risultati delle loro ricerche verranno censurati o meno

    15 Feb 2010, 5:36 pm Rispondi|Quota
  • #11olis

    @ Jean lafitte, hai tolto il poster di Mao dalla tua cameretta da studentello ed hai messo quello di Ahmadinejad , o li hai entrambi?

    15 Feb 2010, 7:59 pm Rispondi|Quota
  • #12Ricky74

    http://www.google.cn/search?hl=zh-CN&q=dalai+

    Scusa ma io ho qualche decina di milioni di risultati

    15 Feb 2010, 9:02 pm Rispondi|Quota