Geekissimo

Wikileaks “cacciato” da Amazon

 
Andrea Guida (@naqern)
2 Dicembre 2010
2 commenti


Com’era lecito attendersi dopo la pubblicazione dei documenti segreti USA, Wikileaks non sta godendo di vita facile. Il sito di Julian Assange è sotto attacco DDoS da diversi giorni (non si sa ancora bene da parte di chi) e ciò ha spinto i suoi responsabili a cercare delle soluzioni alternative.

Ieri, a seguito di un ennesimo attacco della portata di ben 10Gbit/s (insopportabile per chiunque), Wikileaks è stato spostato sui server di Amazon, sulla piattaforma di cloud computing Amazon EC2 per essere precisi, ma l’asilo non è durato molto.


Secondo le ultime cronache provenienti dalla galassia Wikileaks, nelle scorse ore Amazon – probabilmente intimorita dal verificarsi di attacchi denial of service verso i suoi server – avrebbe infatti “cacciato” il discusso sito di Assange dalla sua piattaforma e spinto quest’ultimo fra le braccia di Bahnhof, l’hosting-bunker svedese usato in precedenza da WikiLeaks.

La reazione dei responsabili di Wl all’avvenimento è stata affidata a Twitter, dove in serata sono comparsi messaggi del tipo “Se Amazon è così a disagio con il primo emendamento, dovrebbe uscire dal business della vendita di libri” e sono stati annunciati nuovi investimenti per il sito in Europa ([…]our $ are now spent to employ people in Europe).

Al momento in cui scriviamo, Wikileaks.org sembra accessibile e funzionante ma non sappiamo fino a quando durerà. Gli attacchi DDoS potrebbero riprendere ed essere più forti di quelli attuati finora (qualcuno dice da parte di governi poco contenti delle notizie pubblicate) e il destino del sito, così come quello del suo fondatore che è ricercato dall’Interpol per un’accusa di molestie sessuali (almeno ufficialmente), è sempre più incerto.

Come andrà a finire tutta questa storia? Bravo chi lo sa. Intanto, preparatevi perché ne sentiremo di sicuro delle belle… o delle brutte, dipende dai punti di vista.

[Via | Neowin]
Categorie: Internet
Tags: amazon,  Julian Assange,  Wikileaks, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Julian Assange ha chiesto asilo politico all’ambasciata dell’Ecuador

Julian Assange ha chiesto asilo politico all’ambasciata dell’Ecuador

Il ministero degli Esteri dell’Ecuador ha fatto sapere che Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, si è rifugiato presso la sede londinese dell’ambasciata del paese sudamericano chiedendo asilo politico. È […]

Wikileaks, nuove rivelazioni sull’Italia e Berlusconi

Wikileaks, nuove rivelazioni sull’Italia e Berlusconi

Come preannunciato nella giornata di ieri, Repubblica e L’Espresso hanno cominciato a pubblicare nuove rivelazioni di Wikileaks riguardanti l’Italia e il suo Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. I nuovi cablogrammi […]

Wikileaks, confermata libertà su cauzione per Julian Assange

Wikileaks, confermata libertà su cauzione per Julian Assange

Stavolta è vero, Julian Assange è stato rilasciato su cauzione. Al termine di 12 interminabili giorni di prigionia, il fondatore di Wikileaks ha visto respinta la richiesta d’appello da parte […]

Wikileaks, Julian Assange libero su cauzione (aggiornato)

Wikileaks, Julian Assange libero su cauzione (aggiornato)

Julian Assange non è più in cella. A una settimana esatta dal suo arresto, la corte di Londra ha accettato di lasciare il fondatore di Wikileaks libero su cauzione ma […]

Wikileaks, Julian Assange arrestato

Wikileaks, Julian Assange arrestato

Game Over per Julian Assange. Il trentanovenne fondatore di Wikileaks si è consegnato questa mattina alle autorità britanniche in accordo con i suoi avvocati. Dopo essere stato interrogato dalla polizia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento