Geekissimo

Indirizzi IP esauriti, IPv4 e IPv6: facciamo un po’ di chiarezza

 
Andrea Guida (@naqern)
8 Febbraio 2011
7 commenti


Girovagando sui siti d’informazione o sfogliando i giornali degli ultimi giorni, vi sarete sicuramente imbattuti in qualche articolo relativo all’esaurimento degli indirizzi IP. Ma cos’è successo veramente? Rischiamo il collasso di Internet? Moriremo tutti risultando ancora ventenni su Facebook? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Iniziamo col dire che fino ad oggi abbiamo utilizzato (e continuiamo ad utilizzare) un protocollo internet denominato IPv4, il quale è in grado di garantire un numero massimo di 4.3 miliardi di indirizzi IP. Gli indirizzi IP, un po’ come accade con i numeri di telefono e i telefoni, sono associati a ciascun computer affinché questo si possa collegare alla Rete. Il primo febbraio, l’autorità che ha il compito di assegnare gli IP, la IANA, ha assegnato l’ultimo blocco di indirizzi disponibili, esaurendo, di fatto, i 4.3 miliardi di IP garantiti dal protocollo odierno.


E allora come mai siamo ancora tutti in Rete e non notiamo nulla di strano? Il merito è tutto dei tecnici che, a conoscenza dei limiti dell’IPv4 da molto più tempo di “noi comuni mortali”, hanno provveduto a sfruttare il Network Address Translation (NAT), una tecnica che ha consentito lo sfruttamento di un solo indirizzo IP per più computer. In questo modo si è evitato il collasso di Internet, ma la situazione non è risolta.

Dopo l’esaurimento degli indirizzi IP, dovremo migrare tutti verso l’IPv6, una nuova versione del protocollo Internet che supporta 4 miliardi di volte il numero di indirizzi disponibili con l’IPv4.

Tutti i sistemi operativi e gli hardware moderni supportano l’IPv6, quindi, in teoria, potremmo già iniziare ad usarlo. Se non fosse che quelli non ancora pronti (o non ancora tali in maniera ufficiale) sono le aziende che ci forniscono la connessione ad Internet e i colossi del Web, che non hanno ancora fatto il “grande passo” verso l’IPv6.

Il primo collaudo del nuovo protocollo da parte dei giganti della Rete è infatti atteso per il prossimo 8 giugno, quando durante l’IPv6 Day siti come Facebook, Google e Yahoo (Bing) proveranno per la prima volta ad utilizzare il nuovo protocollo con il rischio, abbastanza concreto, di andare incontro a qualche momento di down e a qualche disservizio per gli utenti.

Secondo i dati riportati da Facebook sul suo blog ufficiale, attualmente solo 1 utente su 2.000 è in grado di connettersi senza problemi ai siti che fanno uso di IPv4 e IPv6 contemporaneamente (dual-stacked). Questo significa che le 24 ore dell’IPv6 Day serviranno ad aziende operanti sul Web, ISP, costruttori hardware/software e utenti per lavorare insieme ed entrare con quanti meno problemi possibili nell’era dei 340.282.366.920.938.463.463.374.607.431.768.211.456 indirizzi disponibili.

Ricapitolando: gli indirizzi IP offerti dal protocollo IPv4 sono finiti, Internet non è collassato grazie ad alcuni “stratagemmi” tecnici che permettono l’utilizzo dello stesso IP su più computer, ma dobbiamo sbrigarci a passare all’IPv6. Il passaggio al nuovo protocollo non implicherà azioni o costi aggiuntivi da parte dell’utente, mentre a doversi attrezzare saranno i fornitori di servizi Internet e le grandi aziende della Rete.

Per approfondire l’argomento esaurimento degli indirizzi IP, date pure un’occhiata a Wikipedia. Se volete testare la capacità del vostro sistema informatico di connettersi alla Rete usando l’IPv6, fate pure un giretto su Test-IPv6.com.

[Via | Rete Tre – Photo Credits | Andrea Della Adriano]
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Domani si “accende” ufficialmente l’IPv6

Domani si “accende” ufficialmente l’IPv6

Riassunto delle puntate precedenti: gli indirizzi IP offerti dal protocollo IPv4 sono finiti, Internet non è collassato grazie ad alcuni “stratagemmi” tecnici che permettono l’utilizzo dello stesso IP su più […]

IPv6: il debutto è fissato per il 6 giugno

IPv6: il debutto è fissato per il 6 giugno

Conseguenzialmente all’esito positivo della fase di sperimentazione e di test dell’IPv6 avvenuta durante il World IPv6 Day dello scorso anno, il prossimo 6 giungo, così come definito dall’organizzazione non profit […]

Oggi è l’IPv6 Day: tutto quello che c’è da sapere

Oggi è l’IPv6 Day: tutto quello che c’è da sapere

Probabilmente, molti di voi manco se ne sono accorti ma oggi è un giorno speciale per la Rete. Dalla mezzanotte di questo 8 giugno 2011 (orario UTC) ha infatti preso […]

Come abilitare l’IPv6 in Windows XP

Come abilitare l’IPv6 in Windows XP

Ieri, nel nostro punto della situazione su indirizzi IP esauriti, IPv4 e IPv6, abbiamo detto che tutti i sistemi operativi moderni supportano l’IPv6. Di fronte a un’affermazione del genere, a […]

ipv6 forse ci siamo

ipv6 forse ci siamo

Una notizia passata molto in sordina, cioè da ieri è attivo per 4 root nameserver il protocollo ipv6. Forse alcuni di voi si staranno chiedendo di che parlo, bene facciamo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1dottorjim

    Articolo molto interessante e che fa chiarezza su molti punti.

    Giusto per curiosità ho provato a fare il test con la mia linea Alice ADSL 7 mega. Risultato: 0/10 (No IPv6 address detected) -.-

    8 Feb 2011, 10:40 am Rispondi|Quota
  • #2@softcodex

    la prima volta che ho sentito parlare di IPv6 era l'ottobre del 2003…ed ancora non si ha niente di ben definito.

    8 Feb 2011, 11:23 am Rispondi|Quota
  • #3Alan

    10/10for your IPv4 stability and readiness, when publishers offer both IPv4 and IPv6

    Bhe credo che a me risulta positivo per ORA! xD (tutto in verde)

    8 Feb 2011, 6:16 pm Rispondi|Quota
    • #4Marco

      ma che ISP hai?

      10 Feb 2011, 10:54 am Rispondi|Quota
      • #5uno di passaggio

        Forse non è l'ISP ma è Teredo (o Miredo) che gli permette di avere buoni risultati nel test.

        Su Windows (da Vista in su) solo se è richiesto in modo forzato l'uso dell'ipv6 viene utilizzato (grazie a Teredo). es:
        http://[2a00:1450:8002::68]/
        Su linux con Miredo invece posso visualizzare direttamente http://ipv6.google.com/ senza dover mettere l'ip.

        10 Feb 2011, 12:29 pm Rispondi|Quota
  • #6giacomo

    "l’IPv6, una nuova versione del protocollo Internet che supporta 4 miliardi di volte il numero di indirizzi disponibili con l’IPv4" <– questa affermazione NON è corretta. Con IPv6 ci saranno più di 4 miliardi di volte il numero di indirizzi disponibili con IPv6 !!!

    10 Feb 2011, 11:26 am Rispondi|Quota
  • #7Vadu

    Ma io ho la scelta automatica dell’IP come mai? O__O

    14 Gen 2012, 3:16 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Vita di un IO » Blog Archive » Best of my feed #89