Geekissimo

L’aurora boreale e la 2a generazione di processori Intel® Core™

 
Alex Zarfati
10 Marzo 2011
12 commenti

L'aurora boreale ad Abisko

Un po’ annoiato fisso il vuoto mentre aspetto si faccia l’ora per uscire dall’ufficio, mi sembra quasi di sentire il tic-tac nell’aria, se non fosse che nei nostri stanzoni è tutto interamente digitale, anche il caffè. Il mio collega Angeloakashor su una poltroncina lontana mi fa un cenno, “ti ho appena girato una mail”, e insiste perché mi vede poco convinto: “leggila!”. Di iniziative premio, viaggi, viaggetti e regaletti per chi fa il nostro mestiere, quello del blogger, ce n’è  una al secondo, poi noi abbiamo un centinaio di siti, e stavamo giusto pensando di assumere qualcuno solo per dirigere il traffico tra improponibili custodie parlanti per iPad, caffettiere musicali e buoni per la talassoterapia in Irpinia.

Ma Intel è Intel, mi sono detto. E visto che in ufficio non c’era nessuno a cui subappaltare la mail, ho deciso di leggerla tutta. Una decina di secondi dopo ero già al telefono con Adela (la PR). Mi sono perfino detto: “in quanto responsabile editoriale del circuito IsayBlog! la cosa “dovrebbe” interessarmi, inoltre ho una passione innata per il nord e per i grandi spazi e poi… Intel è intel, mi sono detto, anche.


E’ qui che nasce il mio personale coinvolgimento nel NORTHERN LIGHTS TRIP 2011, che mi ha visto dal 28 Febbraio al 2 Marzo ad Abisko, in Svezia. Che cosa? Non sapete dovè Abisko? Beh, basta cliccare qua e qua, come ho fatto io mentre mi decidevo. Poi uno sguardo all’iPhone per vedere le temperat… -26 gradi!!! Beh, allora la cosa sarà ancora più interessante, e speriamo che la mia Nikon non si congeli.

Il viaggio è dedicato alla presentazione della seconda generazione di processori Intel Core. La liason con il luogo è immediatamente intuibile: il nostro universo visivo è composto dalla somma delle esperienze vissute: le persone che incontriamo, i posti che visitiamo e le cose che ci ispirano. E al giorno d’oggi per rappresentare, elaborare, e condividere la nostra ” Visual Life” su YouTube, Facebook, Flickr, l’aiuto di un computer è centrale.  E si richiedono performance sempre più in grado di esaltare la qualità delle nostre immagini.

La sintesi perfetta di questa esperienza visiva è rappresentata da fenomeni unici come quello dell’aurora boreale. Un dono che la natura fa a quei pochi fortunati che si trovano al posto giusto, al momento giusto (come noi, diamine!). Tecnicamente l’aurora boreale (northern light appunto, nella lingua di Albione) è un fenomeno causato dall’interazione di particelle cariche (protoni ed elettroni) di origine solare con la ionosfera terrestre. Tali particelle eccitano gli atomi dell’atmosfera che diseccitandosi in seguito emettono luce di varie lunghezze d’onda. A causa della geometria del campo magnetico terrestre, le aurore sono visibili in due ristrette fasce attorno ai poli magnetici della terra.  Vedere l’auora  è un conto (per quanto l’attività solare sia piuttosto capricciosa, quindi non è  una cosa da dare per scontato), ma  riprodurla digitalmente è ben altro. C’è dannatamente bisogno di un’attrezzatura adeguata, a cominciare da quella fotografica che dev’essere in grado di “congelare” quel movimento lento e spettacolare. Con tanto di cavalletto rinforzato, telecomando ad infrarossi, obiettivoluminosissimo da 14millimetri ed aperture del tempo di c.a 25 secondi, solo  alcuni di noi sono riusciti a riprenderla. Esperienza condivisa in tempo reale con i PC che Intel ci aveva messo a disposizione per migliorare il contrasto delle immagini e per godere delle immagini in tutta la loro rara bellezza.

Ecco il perché dell’aurora: con le prestazioni intelligenti e la videografica evoluta, i processori Intel® Core™ di seconda generazione sono appunto in grado di offrire un’esperienza coinvolgente e fluida, permettendo al pc di passare tranquillamente da un’applicazione all’altra senza esitazioni o interruzioni, accelerando automaticamente il processore quando c’è necessità di prestazioni aggiuntive e che consente a ogni core del processore di gestire due attività contemporaneamente, tutte condizioni ideali per una videografica fluida [per chi fosse interessato a conoscere le caratteristiche del concetto di Visual Life secondo la concezione Intel, lo invitiamo a seguire il video di presentazione]. Le schede tecniche dei processori Core di seconda generazione  invece, sono dettagliatamente illustrate in queste pagine ].

Intel Core 2nd generationGuest speaker della presentazione di Intel è stato Sander Veenhof, un artista capace di coniugare le nuove tecnologie e lo studio della realtà aumentata (augmented reality) con l’arte visuale. I suoi lavori attuali sono ispirati all’estensione dell’universo fisico attraverso le infinite possibilità offerte dalla manipolazione di una dimensione virtuale. Abbiamo apprezzato moltissimo il suo guerrilla safari per le strade di Amsterdam o la sua personale “virtuale” al  museo MoMA di New York. Ma quello che davvero ci ha sopreso di più è stata la prova offerta in presa diretta di come piazzare sulle nostre teste una “aurora boreale privata” la prima sera, quando non avevamo avuto ancora il privilegio di vederla.

In estrema sintesi: un azienda in grado di offrire prodotti dalle elevate prestazioni come l’Intel non aveva certo bisogno di organizzare una tale – perfetta – messa in scena per guadagnarsi la nostra attenzione. Ma il fatto che ci abbia dato la possibilità di sperimentare dal vivo come un’esperienza di assoluto livello visivo possa coniugarsi con un’esperienza coinvolgente e fluida anche dal punto di vista tecnico è stata molto apprezzata.

Il parterre di blogger e giornalisti invitati, davvero di primo livello, insieme ai manager e PR italiani ed europei, ha contribuito a rendere il viaggio di rientro davvero  interessante,  con i laptop pieni di informazioni tecniche su quanto si era visto, e il cuore… beh quello…  era tutto per l’aurora.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Intel ha annunciato il primo antivirus per smartwatch

Intel ha annunciato il primo antivirus per smartwatch

Nel corso del Mobile World Congress 2015 di Barcellona Intel ha tolto i veli ad un’interessante novità per gli smartwatch: un antivirus pensato in via esclusiva per gli orologi, per […]

Intel, in primavera i primi tablet Android a 64-bit

Intel, in primavera i primi tablet Android a 64-bit

A quanto pare i primi tablet Android basati sui processori quad core a 64-bit Intel Bay Trail faranno la loro comparsa sul mercato giusto in tempo per la primavera. A […]

Intel punta tutto su Moblin 2

Intel punta tutto su Moblin 2

In molti pensano che il futuro sia dei netbook e della mobilità, la pensa così anche Intel -ed anche noi- tanto da puntare tutto sullo sviluppo di una distribuzione open […]

Geekissimo compie 2 anni!

Geekissimo compie 2 anni!

Buon Compleanno Geekissimo! Sono 2 anni! Mi trovo in Korea ragazzi per una conferenza molto importante, ma non potevo evitare di fare un post di auguri al mio Blog!!! Ebbene […]

Nuove CPU da casa Intel

Nuove CPU da casa Intel

Dal grembo di mamma Intel sono nati 5 potentissimi gemellini, pronti per debuttare a natale nei notebook di ultima generazione per mostrare al massimo le proprie possibilità. I fantastici 5, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Martina

    Complimenti ad Intel: praticamente questi nuovi processori sono dei veri e propri gioelli e credo siano dei prodotti indicato ovviamente per gli intenditori ma anche per quanti ricercano qualcosa di nuovo!

    che dire della location??? semplicemente favolosa!

    10 Mar 2011, 7:40 pm Rispondi|Quota
  • #2Alberto

    Beh, non c'è che dire, abbinati all'architettura Sandy Bridge dovrebbero proprio offrire prestazioni al top!

    10 Mar 2011, 7:47 pm Rispondi|Quota
  • #4Simon

    Fantastico! Il video è bellissimo. Ti faccio i miei complimenti, deve essere stata un'esperienza formidabile. Vorrei avventurarmi anche io il prima possibile, dove posso trovare informazioni?

    10 Mar 2011, 7:57 pm Rispondi|Quota
  • #5Mau

    Questo articolo mi è piaciuto tantissimo =D

    10 Mar 2011, 8:09 pm Rispondi|Quota
    • #6Aluren

      quoto

      10 Mar 2011, 8:20 pm Rispondi|Quota
    • #7Enrica999

      In effetti c'è modo e modo di presentare articoli celebrativi su un prodotto senza farla sembrare una marchetta. Molto bravi!

      10 Mar 2011, 8:30 pm Rispondi|Quota
  • #8t1m1d0

    Cioè? I nuovi processori funzionano solo se c'è una temperatura esterna di -26°C? Se avessero tenuto la presentazione, non so, al Cairo, si sarebbero surriscaldati fino a fondere? 😉

    10 Mar 2011, 9:10 pm Rispondi|Quota
  • #9Andrea Rosati

    bella vita he..?? : )

    10 Mar 2011, 10:01 pm Rispondi|Quota
  • #10ema

    "con i laptop pieni di informazioni tecniche su quanto si era visto"

    e magari riportarle anche quelle informazioni, oltre alla reclame pubblicitaria…

    11 Mar 2011, 9:21 pm Rispondi|Quota
    • #11Giovanna

      Questo non era un post tecnico, era un pezzo diverso, più discorsivo, che raccontava dell'esperienza soggettiva di un blogger, e che io ho apprezzato, la "penna" non era di quelle solite che scrivono su Geekissimo. Sarebbe ora che le aziende smettessero di invitare giornalisti ai loro eventi che per fare "pezzi tecnici" come dici tu devono mentire sul fatto di essere stati invitati per mantenere il punto celebrando l'azienda di nascosto.

      Viva la faccia. Intel mi ha invitato! Come sono stato? Benissimo. Com'erano i microprocessori? Sembravano fighi, per ogni specifica, ci si sente ala prossima puntata.

      14 Mar 2011, 10:03 am Rispondi|Quota
  • #12Luke

    i5 e i7 sono i migliori. l’i3 mi lascia a desiderare

    30 Giu 2013, 10:17 pm Rispondi|Quota