Geekissimo

I-Memo: sicurezza a prova di hacker per le tue password

 
Shor (Angelo Di Veroli)
7 Giugno 2011
55 commenti

Il primo dispositivo elettronico per la protezione dei dati che non demanda ad altri la tua sicurezza si chiama I-Memo. E’ una piccola cassaforte per memorizzare le tue password che si apre solo con l’impronta digitale; il suo contenuto è crittografato utilizzando il sistema AES con una chiave a 256 bit ma – attenzione! – la chiave viene generata all’atto della prima personalizzazione, rendendo il dispositivo indipendente anche da chi lo ha costruito: più sicuro di così!

Ovviamente I-Memo è pure collegabile al PC: tramite un cavetto USB ed un software dedicato questo device può essere gestito dal proprio computer copiando direttamente col mouse i codici per i tuoi accessi via internet. In più ha un key generator interno che permette di creare password complicatissime e casuali che non vanno più ricordate – ci pensa lui! – e non avrai paura di lasciare in giro la tua piccola cassaforte: lei si apre solo per te.

Ormai non possiamo più ignorare il problema: notizie sempre più sconfortanti arrivano dal web, dai giornali, dai servizi televisivi, dall’esperienza dei nostri amici, reali o virtuali che siano, rimbalzano nelle nostre chiacchierate al bar, si diffondono come avvertimenti nei coffe breaks degli uffici, si diramano come allarmi tra  i contatti dei social e professional networks: i nostri accessi telematici possono facilmente non essere più solo “nostri”.

Oggi tutto è esposto all’attacco dei malintenzionati: che sia il PIN del bancomat, che la password di accesso per l’home banking o quella per collegarti ad internet col WiFi di casa, un discreto hacker o un tecnico informatico di media capacità può violare la tua sicurezza semplicemente scoprendo i tuoi codici segreti. Come correre ai ripari?

Qualcuno ci ha pensato, mettendo in una scatolina delle dimensioni di una carta di credito e con lo spessore di poco superiore ad un centimetro un sensore biometrico, un display per consultare e utilizzare una tastiera virtuale tramite track ball, un sistema per rendere illeggibili le informazioni in esso contenute e lo ha alimentato con un paio di ministilo. Ed ecco che l’idea geniale si concretizzata in un nuovo prodotto che sfida gli hackers: I-Memo.

Il prodotto si acquista già via internet dal sito www.i-memo.it, ma l’agenzia di vendita che lo distribuisce, TTS srl, sta lavorando per farlo arrivare anche ai rivenditori di elettronica, di informatica e a quelli che si occupano di sicurezza; magari ci auguriamo di trovarlo a breve pure nei centri commerciali: in fondo è una tecnologia indispensabile a tutti e per tutti!

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
LulzSec si ferma

LulzSec si ferma

LulzSec, il gruppo di hacker attivisti che nell’ultimo mese e mezzo ha messo a soqquadro la grande Rete, ferma le sue attività. L’annuncio, arrivato nella notte italiana su Twitter, segna […]

Per Geekissimo I-Memo si mette alla prova!

Per Geekissimo I-Memo si mette alla prova!

La settimana scorsa abbiamo presentato I-Memo ed abbiamo letto un bel po’ di commenti ed osservazioni su questo particolare prodotto; hanno scritto gli entusiasti, gli utilizzatori convinti, gli scettici, anche […]

Testare l’effettiva efficienza della propria password con How Secure Is My Password?

Testare l’effettiva efficienza della propria password con How Secure Is My Password?

Negli ultimi tempi, qui su Geekissimo come d’altronde lungo l’intero web, è stato più volte affrontato l’argomento riguardante la possibilità di salvaguardare la propria sicurezza online e, di conseguenza, anche […]

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Le informazioni personali di ognuno di noi, è ovvio, sono senza prezzo. Ma tutto ha un prezzo e tutto ha un mercato… anche i dati (magari rubati) del vostro conto […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Dima

    Perchè pagare 150 euro quando puoi avere su una chiavetta usb un programma gratuito e portable che fa la stessa cosa?

    7 Giu 2011, 2:50 pm Rispondi|Quota
    • #2lupus

      … non è la stessa cosa. La chiavetta USB è un supporto di memoria esterna al PC ed anche quando è protetta dall'impronta digitale, non è sicura da attacchi e non puà essere utilizzata se non da un PC. I-memo nasce per essere utilizzato anche autonomamente ed ha un sistema di sicurezza davvero impenetrabile. naturalmente serve a chi ha reali necessità di sicurezza: è per molti ma non per tutti!

      7 Giu 2011, 3:12 pm Rispondi|Quota
    • #3ciccino

      ma poi davanti al bancomat con la chiavetta che ci faccio?

      7 Giu 2011, 3:33 pm Rispondi|Quota
    • #4Dodo

      Sono diversi gli aspetti che fanno la differenza tra i due sistemi. Innanzitutto non tutta la nostra vita digitale si svolge dalla nostra scrivania e dal nostro PC, da questo la proposta di uno strumento che è anche autonomo dal PC. Non è solo una questione di “trasportabilità”, questi software identity safe presentano alcuni aspetti delicati, per esempio possono andare in conflitto con altri software presenti su un PC oppure non garantire sempre ambienti criptati. Ci si deve comunque sempre affidare al livello di protezione del PC da cui si utilizzano, anche quando magari non è il nostro e non lo conosciamo bene. Con I-Memo la logica si inverte, l’utilizzatore diventa il centro delle decisioni riguardanti la sicurezza dei propri dati. Innanzitutto, anche in assenza di un PC o di una porta USB, potrò consultare e trascrivere codici e password. Potrò generarle al momento e utilizzarle. Soprattutto se il database che gestisco contiene anche dati delicati di terzi conviene non metterli a rischio lavorandoci in chiaro su computer di cui non mi fido al 100%.

      7 Giu 2011, 4:02 pm Rispondi|Quota
    • #5Dodo

      Volevo solo aggiungere che con I-Memo si ha sempre la certezza della protezione di un sistema di crittografia legato al riconoscimento dell’impronta digitale, anche quando lo utilizziamo da PC. Ai software si accede con una main password, che può essere anche “scoperta”, l’impronta non si può “imitare” o “copiare”.

      7 Giu 2011, 4:04 pm Rispondi|Quota
  • #6Web marketing

    Io non affiderei le password dei miei account dei conti correnti, delle carte di credito, ecc…
    ad una chiavetta USB che si rompe facilmente e che una volta rubata è facilmente craccabile.
    Dipende quanto valgono le proprie password.

    Io non so se è davvero valido questo strumento ma sicuramente non ho ancora trovato uno strumento a rilevazione ottica ( impronte digitali ) con un sistema di cifratura a 256 bit. Praticamente per indovinare la passowrd si ha una possibilità su 1 su un numero formato da 76 cifre (scusate se è poco).

    7 Giu 2011, 2:58 pm Rispondi|Quota
  • #7DragoN961

    Dima puoi mandare link? 😀

    7 Giu 2011, 3:14 pm Rispondi|Quota
  • #8Mauro

    @DIMA
    Io non affiderei le password dei miei account dei conti correnti, delle carte di credito, ecc…
    ad una chiavetta usb che si rompe facilmente ed è facilmente craccabile.

    Il dispositivo in questione se leggi sul sito ha una chiave di criptatura a 256 bit con rilevatore di impronta digitale. Per craccarlo bisogna solo ipotizzare un numero possibile di combinazioni di 76cifre.

    La sicurezza è fuori discussione.

    7 Giu 2011, 3:34 pm Rispondi|Quota
  • #9Arkimede 96

    Non sarebbe mala, 150€ è troppo! Io ci avrei speso volentieri 50€…

    7 Giu 2011, 3:36 pm Rispondi|Quota
    • #10Giancarlo

      Però display, sensore impronte, sistema di navigazione con trackball, crittografia, software per PC, in più se è completamente fatto in Italia … insomma mi pare che il costo ci sta tutto

      7 Giu 2011, 6:09 pm Rispondi|Quota
  • #11setola

    ho visto il sito e si parla di crittografia associata alla mappatura dell'impronta: ma così potrebbe diventare il primo "pizzino" elettronico?

    7 Giu 2011, 3:55 pm Rispondi|Quota
  • #12lupus

    non è la stessa cosa, sono due prodotti completamente diversi.

    7 Giu 2011, 4:09 pm Rispondi|Quota
  • #13ascoli10

    Sempre pronti a vantarsi invece di ammettere che ci si trova davanti ad un prodotto valido… rosicamento?

    7 Giu 2011, 4:15 pm Rispondi|Quota
    • #14Pasquale

      Ma quale rosicamento… che è un prodotto valido lo dici tu, l'hai mica provato?

      7 Giu 2011, 4:29 pm Rispondi|Quota
  • #15amedeoL

    mi sembra utile per i miei viaggi in giro per il mondo, qualcuno l'ha già provato? Funziona?

    7 Giu 2011, 4:26 pm Rispondi|Quota
    • #16fra45

      si, io lo uso. sensore ok, utile perchè posso consultarlo quando serve e senza computer

      7 Giu 2011, 5:57 pm Rispondi|Quota
      • #17amedeoL

        grazie fra 45. Ho visto sul sito che hanno diverse convenzioni e se proviamo a proporci come fans di geekissimo? Magari ci fanno uno sconto !!

        7 Giu 2011, 6:49 pm Rispondi|Quota
        • #18fra45

          Mi sembra una buona idea… anzi ottima! Io l'ho comprato on line circa 4 mesi fa, verso febbraio, si può scegliere tra la versione bianca o nera, Io ho scelto un I-Memo bianco, non so se se ne siano aggiunte altre.

          8 Giu 2011, 9:59 am Rispondi|Quota
  • #19Cia91

    é facile, basta tagliare un dito al proprietario -.-

    Suvvia, super hacker…

    7 Giu 2011, 4:29 pm Rispondi|Quota
  • #20hernando

    io l'ho visto alla fiera di roma e penso che non è un gadget… serve a chi deve usare molte password e le deve cambiare spesso!

    7 Giu 2011, 4:52 pm Rispondi|Quota
  • #21amedeoL

    sul sito ho visto che hanno diverse convenzioni, se provassimo a chiederne una per i lettori di geekissimo ? Magari ce lo danno a metà prezzo !!!

    7 Giu 2011, 4:59 pm Rispondi|Quota
  • #22katia

    a me lo ha comprato il mio capo perchè mi lamentavo di dover tenere tutti i suoi codici di accesso alle banche, lui per l'azienda ne ha 4 e tra home banking, bancomat, carte di credito ho più di trenta codici da tenere al sicuro. Adesso siamo più tranquilli tutti e due! E poi questo i-memo permette pure di generare in automatico password complicate quanto si vuole e così adesso le cambio ogni fine settimana.

    7 Giu 2011, 5:20 pm Rispondi|Quota
  • #23Odino

    Ho visitato il sito di questo I-memo per capire meglio se il prezzo di 150€ sia solo dovuto al fatto che non ha concorrenza sul mercato hardware,e considerando che in effetti è un mini pc, non lo trovo eccessivamente caro,mi auguro che con una maggiore richiesta di mercato possano abbassare il costo per l' utente finale.

    7 Giu 2011, 6:22 pm Rispondi|Quota
  • #24Tiresia13

    A me incuriosisce molto. Sono una persona molto sbadata e dimentico sempre password, pin, codici etc. Li appunto puntualmente sull'agenda e sul cellulare con strani pseudonomi e poi non ricordo più cosa corrispondeva a cosa. Un dispositivo come I-memo potrebbe essere la mia salvezza. Lo provo e vi faccio sapere

    7 Giu 2011, 7:16 pm Rispondi|Quota
  • #25Paki

    Davvero ottimo, e come dice sia "Odino" forse non si è capito bene cosa si ha di fronte; è un gioiellino! Ehm… chi me lo regala? =D

    7 Giu 2011, 7:53 pm Rispondi|Quota
  • #26Merovingio

    ahimè sono profondamente convinto che un dispositivo elettronico sia il sistema più semplice per perdere le password tutte in una volta al momento della rottura della SDD dove vengono archiviate….

    7 Giu 2011, 8:14 pm Rispondi|Quota
    • #27katia

      I-Memo permette di fre un back-up criptato che contiene all'interno anche la mappatura delle impronte che ci hai registrato. Alla fine hai un file crittografato che si apre solo con un dispositivo dello stesso tipo e su cui sono registrate le tue impronte.

      8 Giu 2011, 9:14 am Rispondi|Quota
    • #28fra45

      non basta avere una copia di back up? il dispositivo consente di eseguirla in modo criptato così può essere lasciata su un pc senza pericolo che qno possa leggerla. Certo nulla è perfetto!

      8 Giu 2011, 10:01 am Rispondi|Quota
    • #29lupus

      se fai una copia del file crittografato, il problema è risolto. Basta comperare un altro i-memo !

      8 Giu 2011, 3:28 pm Rispondi|Quota
  • #30Dan

    mi occupo di web marketing e comunicazione, penso di essere stato tra i primi ad acquistarlo dopo aver letto l'articolo su Wired. Assolutamente soddisfatto, utilissimo, leggero e pratico

    7 Giu 2011, 8:16 pm Rispondi|Quota
  • #31Dan

    Penso di essere stato tra i primi ad acquistarlo, mi occupo di web marketing e comunicazione, ammetto di essere stato attratto dalla novità dell'oggetto, adesso mi piace parlare di quanto mi è diventato utile e indispensabile. Lo consiglio soprattutto a che è sempre in movimento per lavoro

    7 Giu 2011, 8:23 pm Rispondi|Quota
  • #33anywhere88

    Secondo me non è così utile, ha senso solo a chi ha grosse necessità di mobilità. Alla fine al 99,9% delle persone non serve per il semplice fatto che intanto immagino che un backup del file delle password lo devi sempre avere su un pc (perchè se ti si rompe questo aggeggino cosa fai? Ti suicidi?), e a quel punto hai un file, magari criptato, con le tue pass, che è la stessa cosa di avere un password manager (anche se fosse criptato con "l'impronta digitale" non penso sia molto diverso che usare una pass + un file chiave in un software come keepass2). Risparmiati 150 euro. Alla prossima.

    7 Giu 2011, 9:31 pm Rispondi|Quota
  • #34Fabrizio T

    E' vero che ci sono alternative open source, ma la sicurezza dell'impronta è innegabile direi.

    7 Giu 2011, 10:32 pm Rispondi|Quota
  • #35Alejandro

    I-memo?,il nome evoca un famoso marchio americano,la trackball diventa scomoda se devi immettere 300 password,chi utilizza il mac come me non puo' connettere il dispositivo al pc,non è incluso il cavetto usb e bisogna comperarne uno a parte.
    Non è un mini-pc perchè oltre a generare e conservare password non ha le classiche funzioni dei mini-pc.Non ha una memoria interna usb,pensavo che connettendolo al pc avrei potuto almeno utilizzare una piccola partizione da 2 o 4 giga come una pendrive invece niente,solo archivio password.
    E' ordinabile sul sito soltanto in bianco e nero,sarebbe stato bello poter scegliere fra una gamma di colori e sinceramente 150 euro mi sembra un prezzo eccessivo.
    Poi perchè dovrei portarmi dietro altri dispositivi,quando uno smartphone famoso mi consente fra le tante funzioni di avere sia dispositivo che mmc cifrate a 256bit.
    Mi sono permesso di fare questa piccola nota critica perchè un mio amico mi ha fatto provare il suddetto prodotto e ne sono rimasto terribilmente deluso,mi aspettavo qualcosa di meglio,tra l'altro esteticamente come design somiglia molto ad un vecchio telecomando anni 70 della nonna.

    8 Giu 2011, 12:06 am Rispondi|Quota
    • #36lola

      DELUSO??? Ormai gli uomini parlano degli oggetti elettronici come se parlassero delle loro fidanzate! Sarà semplicemente utile o meno utile, a chi più a chi meno a chi per niente… ma deluso ??? Boh… Però lo conosci bene. Sai tutto. C'è stata una frequentazione … prima della delusione. Comunque sei simpatico, è logico che lo smartphone FAMOSO, sempre meglio uscire con una VIP che con una ragazza normale. A questo punto auguro alla ragazza normale di diventare famosa …

      8 Giu 2011, 11:15 pm Rispondi|Quota
      • #37Alejandro

        Viaggiando spesso e lavorando nel settore vendite tecnologiche a Milano mi informo sempre sui nuovi prodotti,ho letto il blog,visitato il sito e la pagina fan, ed ho avuto modo di vedere e testare il dispositivo grazie ad un amico che lo ha comperato e gentilmente me l'ha dato in prestito per qualche giorno per fare dei test,qualsiasi persona attenta avrebbe fatto le mie stesse considerazioni.
        Devo dire che con qualche miglioramento non sarebbe male ma al momento mi trovo meglio con il famoso smartphone perchè oltre alla sicurezza su un unico dispositivo posso fare varie cose.
        Si certo deluso perchè dalla pubblicità e da come se ne parla in giro sembrava un super dispositivo di ultima generazione invece sul mercato esistono già prodotti simili e devo dire che all'inizio mi incuriosiva,poi avendolo testato non mi ha colpito particolarmente.

        9 Giu 2011, 12:22 pm Rispondi|Quota
    • #38Giancarlo

      Ammazza. E la chiami "piccola nota critica"! Io ci vedo un sacco di cose positive, implementazione di un sensore biometrico che funziona perfettamente e crittografia di questo livello non sono da tutti.
      Sviluppare un progetto del genere non è cosa da tutti, nè cosa di poco tempo e pochi investimenti. Considerando che, mi pare di capire, si tratta della prima release, mi sembra un'ottima base di partenza anche per implementare altro in futuro, probabilmente anche alcuni suggerimenti emersi in questi post.
      Io invece, mi vorrei complimentare. E, mi ripeto, consideriamo che finalmente è un prodotto tutto italiano!

      9 Giu 2011, 11:34 am Rispondi|Quota
  • #39Pasquale

    Hmm si, lo leggerò. Ma tanto lo cracko lo stesso =D

    8 Giu 2011, 12:30 am Rispondi|Quota
    • #40Gennaro

      ma che cracki, demente… tutti hackers dietro il monitor…

      12 Lug 2011, 3:01 am Rispondi|Quota
  • #41Paki

    Che figata pazzesca! Non vedo l'ora di acquistarlo!!

    8 Giu 2011, 12:33 am Rispondi|Quota
  • #42Franz

    L'ho preso già da 2 anni e da allora vivo semplicemente….tranquillo!!! Non ho molte password ma tutte importanti per lavoro, comunicazioni personali e gestione denaro e però il problema è che sono costretto a rinnovarle, ma una volta inserite in I-memo non ho più paura di confondermi con quelle precedenti. Tra tante spese o regali inutili che facciamo, questa alla fine è economica e vitale!

    8 Giu 2011, 8:36 am Rispondi|Quota
  • #43mbrt

    Con un costo più accessibile lo comprerei! a patto che il sistema operativo interno sia linux e non windows, cmq avrei paura nel senso che la sicurezza con l'impronta digitale è assicurata, ma avrei paura dei componenti elettronici! si sa che un pezzo di carta è eterno un file si può perdere, si può rovinare, etc etc. poi servono le batterie che quando ti serve si scaricano etc etc.
    I pizzini li facevano con semplici pezzi di carta, e funzionavano, io ho già parecchi cd masterizzati di foto qualche anno fa che non riesco più ad aprire, le fotografie stampate invece le vedo tuttora.!
    ho sentito dire che anche le torri gemelli le abbiano abbattute con semplici pezzi di carta.

    8 Giu 2011, 10:20 am Rispondi|Quota
  • #44Marco (Forma Mentis)

    Io ho I-Memo da circa 1 anno ed ha sempre funzionato benissimo. La cosa che trovo davvero comoda è il fatto che io, e solo io con le mie impronte digitali, posso accedere ai dati e che è tutto velocissimo in un istante ho i dati che mi servono!

    8 Giu 2011, 10:38 am Rispondi|Quota
  • #45Nikolas

    Ragazzi sinceramente io personalmente lo trovo inutile e 150 euro per un prodotto che non ha nemmeno accessori nella scatola mi sembra eccessivo,allo stesso prezzo altri device comprendono tutta una serie di accessori,almeno un cavetto usb poteva essere compreso nella confezione,poi io utilizzo il mac e non funziona ho dovuto provarlo sul pc di un amico. Ma oltre a bianco e nero ci sono altri colori?, funziona anche come memoria di massa tipo la pendrive per memorizzare dati?, chi garantisce che è inviolabile al 100%?

    8 Giu 2011, 3:47 pm Rispondi|Quota
    • #46fra45

      il cavetto usb non è incluso nella spedizione? strano, io sapevo di si ed è previsto anche un sacchetto custodia per proteggere il sensore. cmq si usa con un cavetto usb standard … chi ormai non ne ha uno proprio perchè si acquistano tutti questi dispositivi alla "moda"? forse il prezzo andrebbe valutato anche con altri parametri. Per il mac non so …

      8 Giu 2011, 10:34 pm Rispondi|Quota
      • #47Nikolas

        Si il cavetto usb non è incluso nella spedizione te lo posso dire con certezza perchè avendolo comperato io ed altri amici ci siamo resi conto che non c'era il cavetto usb,se da poco è cambiato qualcosa non lo sappiamo.
        Come dici tu non è un grande problema perchè essendo giovani siamo immersi da vari dispositivi tecnologici ed un cavetto usb compatibile lo abbiamo adattato,il problema è visto il costo di 150 euro ci saremmo aspettati qualche accessorio tipo il cavetto usb originale,in altri dispositivi alla moda con lo stesso prezzo abbiamo trovato nelle confezioni vari cavetti ed accessori.

        9 Giu 2011, 12:31 pm Rispondi|Quota
  • #48Davide

    IL moderatore mi spieghi perchè censura i post di critica

    8 Giu 2011, 3:58 pm Rispondi|Quota
  • #49dorian gray

    Mi sembra un oggettino utile e carino per una persona come me che dimentica spesso le password, e poi vogliamo dirlo che lo produce una piccola società lucana il che vale il doppio perchè anche al sud le cose funzionano bene quando ci sono persone serie.

    8 Giu 2011, 4:07 pm Rispondi|Quota
  • #50Mark

    Wow fantastico concordo con dorian gray è davvero utile specie se si dimentica una password proprio nel momento in cui ti serve,io di solito le annoto sulla mia agenda e puntualmente me le dimentico,sarebbe davvero il massimo se potesse anche conservare dati come memoria di massa anche da 2 giga.
    Se lo fate arancione o verde ne ordino almeno 10!!

    8 Giu 2011, 4:13 pm Rispondi|Quota
  • #51giubila

    E' il prodotto che aspettavo da anni; l'ho acquistato da soli due mesi ed è già diventato insostituibile. Certo il design è migliorabile ma la sua funzionalità e sicurezza sono eccezionali. Con un investimento minimo (se pensiamo alle somme che spendiamo per comprare telefonini e giocattoli) ho la sicurezza che mai nessuno potrà impadronirsi dei miei codici per l'accesso al remote banking, bancomat, computer, ecc….Lo consiglio vivamente.

    9 Giu 2011, 10:16 am Rispondi|Quota
  • #52Dima

    Keepass Password Safe. E' gratuito, portable occupa pocho spazio (ca. 4 MB) e sicuro.
    Utilizza cifratura AES/Rijndael a 256 bit. Io poi utilizzo 6000 giri di trasformazione della chiave prima che questa venga utilizzata come chiave per il database delle password (il che comporta 1 secondo di ritardo). Unita a una password principale di accesso alfanumerica superiore ai 25 caratteri (non esistente nei dizionari), quanti anni ci vogliono per craccarla?
    In questo modo, con l'unica spesa della chiavetta USB, ho risolto il problema. Ovviamente dispongo di più copie di backup sparse qua e la, così, se perdo la chiavetta USB, non è una tragedia. Mentre se perdo l'I-MEMO?

    Un saluto a tutti

    9 Giu 2011, 11:30 am Rispondi|Quota
    • #53Paki

      E se non hai un pc con te, per usare Keepass la chiavetta dove te la metti? 😀

      10 Giu 2011, 2:00 pm Rispondi|Quota
  • #54Terry

    per la sicurezza delle password secondo me la complessità è importante ma quasi più importante è come le custodiamo, se in ufficio ci danno una password sicura e noi ce l'appuntiamo sui foglietti?
    In italia manca una sensibilità diffusa sulla sicurezza dei dati, come hanno dimostrato le leggi sulla privacy, fatte in ritardo ripetto agli altri paesi e ancora male applicate.
    A me piace il concetto di cassaforte dei dati evocato nell'articolo, in effetti richiama tante forme di protezione non solo informatica.
    Riguardo ai software di gestione password da Pc non mi sono mai piaciuti, li trovo poco pratici e ti costringono a stare sempre al computer. Poi io svolgo molta attività on line su smartphone quindi quei programmi non sono pratici.
    Infatti non trovo banale tutta una serie di attività di ufficio a cui questo strumento potrebbe essere utile. Penso di acquistarlo, non mi sembra tutta questa spesa eccessiva sottolineata da qualcuno, è un costo per cui vale la pena provare.

    9 Giu 2011, 5:21 pm Rispondi|Quota
  • #55anywhere88

    Eh lo so, ma che ci vuoi fare? C'è gente che non vede l'ora di spendere soldi 😛
    Tra l'altro come ha sottolineato Alejandro ti metti un password manager gratuito sullo smartophone e sei a posto, ci sono algoritmi di cifratura tanto forti da rendere superfluo il controllo a impronta digitale. Nessuno userà mai una rete di supercomputer per anni solo per scoprire la tua password, considerando poi che quelle veramente importanti o cambiano ogni tot oppure sono abbstanza corte da essere ricordate, vedi il pin del bancomat, e se proprio hai paura di dimenticartelo te lo scrivi nella rubrica come ultime cifre di un numero di telefono sotto un nome che ti inventi… cavolo, 150 euro risparmiati con un po' di fantasia.
    Il nuovo post su geekissimo inoltre fa intuire il perchè dell'articolo in stile "super-leccata-zero-critiche".
    Ribadisco, al 99.9% della gente non serve, è da paranoici.

    15 Giu 2011, 10:11 am Rispondi|Quota