Geekissimo

LulzSec si ferma

 
Andrea Guida (@naqern)
26 Giugno 2011
4 commenti

LulzSec, il gruppo di hacker attivisti che nell’ultimo mese e mezzo ha messo a soqquadro la grande Rete, ferma le sue attività. L’annuncio, arrivato nella notte italiana su Twitter, segna la fine di 50 giorni di “scherzetti” in cui i componenti di Lulz Security si sono divertiti ad attaccare siti privati e governativi – da quello di Sony a quello della CIA (sottoposto ad attacchi DoS ma non “bucato”) – e a mettere in piazza indirizzi e-mail e password di migliaia di utenti registrati a Gmail, Paypal World of Warcraft e siti osè.

Il messaggio di commiato di LulzSec è stato allegato ad un nuovo file torrent rilasciato su “The Pirate Bay”, nel quale sono compresi tutti gli account rubati dal gruppo più nuovi dati sensibili “presi in prestito” da AOL. Potete leggere il messaggio da questa pagina di Pastebin, mentre la lista con oltre 750.000 account rubati la trovate qui. Ma guai a credere che le attività di Lulz Security siano finite per sempre.


Come riporta attentamente il sito HITB, le attenzioni di LulzSec ora sono focalizzate sul progetto #AntiSec, una nuova collaborazione con il gruppo Anonymous (che nel febbraio di quest’anno si è fatto conoscere per gli attacchi fatti a molti siti istituzionali Italiani) finalizzata a colpire i siti di enti governativi di tutto il mondo. Per capire meglio di che si tratta, date uno sguardo al video qui sotto:

Insomma, per ora si annuncia il cessate le armi, ma le armi sono tutt’altro che deposte. Prepariamoci a nuove settimane calde sul fronte della sicurezza informatica e, nel frattempo, attrezziamoci tutti non usando la stessa password per tutti i siti Internet e i servizi online. Non ci stancheremo mai di ripeterlo!

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
26.000 indirizzi e-mail e password spiattellati in Rete: ecco cosa significa usare gli stessi dati di accesso ovunque

26.000 indirizzi e-mail e password spiattellati in Rete: ecco cosa significa usare gli stessi dati di accesso ovunque

Il famigerato gruppo di hacker (o cracker) Lulz Security, balzato già agli onori della cronaca per aver rubato i dati di un milione di utenti del PlayStation Network e aver […]

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Quanto valgono i dati rubati su internet? Ecco un incredibile tariffario!

Le informazioni personali di ognuno di noi, è ovvio, sono senza prezzo. Ma tutto ha un prezzo e tutto ha un mercato… anche i dati (magari rubati) del vostro conto […]

I migliori 10 plugin per la sicurezza dei blog WordPress

I migliori 10 plugin per la sicurezza dei blog WordPress

Geek o non geek, chiunque abbia un blog basato sulla celeberrima piattaforma WordPress, non può che avere a cuore la sicurezza della propria creatura on-line. E’ infatti risaputo che, così […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Keylogger Hardware: la nostra privacy non è mai al sicuro

Keylogger Hardware: la nostra privacy non è mai al sicuro

Proprio recentemente abbiamo parlato del problema dei computer “pubblici”, e di come cercare di proteggere al meglio la nostra privacy quando si è costretti ad utilizzarli. Abbiamo visto come sia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1gian

    "Insomma, per ora si annuncia il cessate le armi, ma le armi sono tutt’altro che deposte."
    forse volevi dire il"cessate il fuoco"
    Chissà se e quando ricominceranno ad attaccare siti web…

    26 Giu 2011, 12:55 pm Rispondi|Quota
  • #2Tizio In Incognito

    Sono l'unico che non vede nessun video?

    26 Giu 2011, 8:15 pm Rispondi|Quota
    • #3Andrea Guida

      si era cancellato dopo una revisione del post, ora è di nuovo visibile. 😉

      26 Giu 2011, 10:29 pm Rispondi|Quota