Geekissimo

Vcast: i motivi della chiusura e una speranza per il futuro

 
Andrea Guida (@naqern)
22 Agosto 2011
8 commenti

La chiusura di Vcast del 9 agosto scorso ha lasciato tutti con l’amaro in bocca, sia per la scomparsa di uno dei servizi online più originali e utili della Rete italiana, sia perché la chiusura è avvenuta senza troppe spiegazioni da parte dello staff del sito. Spiegazioni che, però, iniziano ad arrivare ora, quando Vcast è diventato un blog con una specie di wish list per i progetti futuri.

In un post intitolato “Due o Tre Motivi”, StefanoRMC spiega che “il primo problema che si era posto era a livello normativo. Sebbene a noi sembrasse evidente si trattasse di videoregistrazioni ad uso personale, e pertanto autorizzate dalla normativa vigente […] Mediaset che ci ha intimato immediatamente di sospendere la registrazione dei loro canali […] La RAI è stata invece piu’ aperta ma con comunque forti riserve sulla legittimita’ del servizio“.


A questo va aggiunto un costo della struttura molto elevato – continua il post di chiarimento – che era assorbito dai tre soggetti che si erano uniti per dare via al progetto: un operatore di tlc che ha messo l’infrastruttura di rete, un produttore di media che ha messo il know how, una societa’ informatica che ha messo il software ed i server. La conclusione e’ stata che l’unico modello che potrebbe sostenere i costi di una iniziativa cosi’ è quello pubblicitario con una ‘sponsorizzazione’ di ogni registrazione in testa alla stessa; peccato che le concessionarie di pubblicita’ interpellate non avessero molta voglia di mettersi in una situazione dove lo scontro legale con i media dominanti sarebbe stato molto probabile“.

A questo aggiungete costi crescenti per qualunque cosa e la necessita’ di uno dei partner di recuperare del ferro e capirete, purtroppo, il progetto cosi’ strutturato non poteva proseguire e quindi si e’ preso a malincuore la decisione di staccare la spina“, conclude amaramente StefanoRMC. Ma un lumicino di speranza per il futuro di Vcast c’è.

In un altro post intitolato “A New Hope”, lo staff di Vcast ha lasciato chiaramente intendere che il successo di pubblico ottenuto di Vcast non rimarrà un tesoro abbandonato e che l’esperienza del servizio appena chiuso servirà a farne nascere uno nuovo libero da lacci e lacciuoli legali che hanno decretato – fra le altre cose – la fine del primo videoregistratore online made in Italy. Il lancio del nuovo Vcast è previsto a settembre.

Vorremmo fare tesoro di questa esperienza e sviluppare una nuova versione del videoregistratore on-line che, questa volta, non lasci dubbi sul fatto che e’ un semplice servizio di videoregistrazione ad uso personale“, si legge nel post. “Le caratteristiche dovrebbero essere di maggior semplicita’ d’uso e immediatezza […] magari aggiungendo una funzione di storage on-line e la possibilità di visione direttamente da una pagina dedicata. Visto inoltre che cominciano a esserci alcuni canali in HD, non sarebbe male aggiungere anche i formati in alta definizione almeno per questi canali“.

A voi che ve ne pare? Diteci le vostre idee e i vostri pareri nei commenti, magari riusciamo a convincere lo staff di Vcast a creare un nuovo servizio più a misura di geek! 🙂

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
RapidShare chiuderà i battenti il 31 marzo 2015

RapidShare chiuderà i battenti il 31 marzo 2015

RapidShare, uno dei più celebri servizi di file hosting, ha da poco annunciato che a partire dal 31 marzo 2015 cesserà le sue attività. Questo sta quindi a significare che […]

Vcast chiude il 9 agosto

Vcast chiude il 9 agosto

Uno dei servizi online italiani meglio riusciti e più amati degli ultimi anni, praticamente unico nel suo genere, sta per chiudere i battenti. Stiamo parlando di Vcast, il videoregistratore online […]

Skype Down, era il 22 dicembre 2010

Skype Down, era il 22 dicembre 2010

Erano le 18.00 (ora Italiana) quando gran parte degli utenti di Skype, circa 8 milione, non sono più riusciti a collegarsi a Skype. Durante una lunga “diretta” di circa 4 […]

Wikipedia si appresta a lanciare un servizio video all’interno dei propri articoli

Wikipedia si appresta a lanciare un servizio video all’interno dei propri articoli

Nonostante i problemi a cui un enciclopedia online liberamente modificabile da chiunque va incontro e nonostante il tentativo da parte di Google di creare un servizio simile in grado di […]

Moan My Ip: ascolta il tuo IP con voce super sexy

Moan My Ip: ascolta il tuo IP con voce super sexy

Se non siete pratici del pc e volete sapere il vostro IP, potete farvelo sussurrare da una ragazza con una voce molto sexy. Andando su Moan My Ip, vi mostrerà […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Daneel

    Ma va!!! Si erano pure posti il dubbio che fosse legale? Era ovviamente illegale ma sulla lama del rasoio dove ancora non conveniva fare causa che invece sarebbe stata sicura con lo scopo di lucro inserendo pubblicità. Oltretutto viola anche più tipi di legge e anche gli utilizzatori ne violavano alcune. Se ti vuoi registrare legalmente qualcosa dalla tv ti compri la tua bella schedina tv, paghi il canone, registri e non distribuisci mai quei contenuti, tutto il resto è ovviamente illegale. Io posso capire che il servizio era fantastico ed utilissimo, specie per gli italiani all’estero, ma non mi piace affatto che in Italia si confonda l’utilità con la legalità e l’illegalità con la furbizia ed è per questo che tutto sta’ andando a rotoli, invece di viaggiare uniti ci imbrogliamo a vicenda e tutti dicono falsità o non dicono tutta la verità solo per tirare quella poca acqua rimasta al proprio mulino scaricando le colpe dei problemi, anche di tutti i giorni, su qualcun altro.
    In questo caso avrei apprezzato che quelli di Vcast avessero detto: “abbiamo sfruttato una piccola fessura normativa ma questo non ci rendeva finanziariamente perciò abbiamo chiuso, se troviamo un modo legale per creare introiti lo riapriremo” che poi sarebbe una maniera elegante per dire “eravamo illegali e non potevamo guadagnarci che era il nostro obbiettivo, ora ci proviamo legalmente”.

    22 Ago 2011, 12:22 pm Rispondi|Quota
  • #2Giovanni

    francamente ad oggi non ha più senso questo servizio dal momento che i servizi rai reeplay, video mediaset Puntate intere, Premium Net TV 7 giorni , la7.tv, il mysky, l'infostrada tv sono molto più comodi e veloci

    22 Ago 2011, 12:47 pm Rispondi|Quota
  • #3Mike

    Ho usato poco il Vcast, ma ero utente fin dall'inizio trovandolo davvero innovativo ed utilissimo. Davvero un peccato che ora sia stato chiuso. Ricordo quando la mediaset decise di opporsi alla registrazione dei suoi programmi. Sarà che sono io un sempliciotto, ma non ci ho trovato nulla di illegale o di strano nella possibilità di effettuare una registrazione personale di un film o un documentario…. anzi conveniva anche alle emittenti perchè tanto anche le pubblicità venivano registrate… esattamente come un VHS di anni fa.. Che peccato sia finita così.

    22 Ago 2011, 9:11 pm Rispondi|Quota
  • #4Merovingio

    quello che serve è un riunificatore…. compito che ha assunto TVDream (trojan permettendo visto che alcuni AV lo inseriscono fra i malware).

    Infatti le persone trovano comodo avere un telecomando in mano con dei pulsanti da premere per passare da un canale televisivo all'altro, più che avere memorizzati decine di link a siti internet diversi.
    Si potrebbe quindi costruire un programma che riunifichi il flusso di offerte, che faccia da guida tv e che scandagli per l'utente medio le nuove offerte televisive che sorgono nel web.
    Il TV Searcher.

    Quanto a piovraset, ha un portale orrendo, pesantissimo.

    23 Ago 2011, 8:19 am Rispondi|Quota
  • #5Padim

    Oramai la videoregistrazione è quasi inutile,perchè sul web si trovano contenuti a volontà,poi con i decoder e tv che registrano su usb in alta qualità.Comunque era una gran comodità iniziare una registrazione quando non eri a casa,con un cellulare.

    23 Ago 2011, 10:39 am Rispondi|Quota
  • #7glc

    Non tutti i canali della rai sono visibili successivamente (vedi Formula 1) e io lo usavo proprio per questi.

    23 Ago 2011, 12:02 pm Rispondi|Quota
  • #8Merovingio

    PS: la videoregistrazione di tv è semplice, la videoregistrazione di flusso http è semplice.
    Ma provate a videoregistrare un silverlight od un brightcore… quei contenuti passano su flash e l'unica possibilità è fare screencapture. Molti non lo sanno fare o non hanno il tempo di farlo (già farlo implica che uno debba guardarsi tutto il video). Ne consegue che per quei contenuti può esserci richiesta.

    24 Ago 2011, 10:05 am Rispondi|Quota