Geekissimo

La morte di Steve Jobs vista da un utente PC

 
Andrea Guida (@naqern)
7 Ottobre 2011
44 commenti

Di santi in paradiso ce ne sono già tanti, Steve Jobs non sarà uno di loro. Lui era un genio; un genio dalla creatività sconfinata e dalla grande “fame”; e come tale va ricordato se non gli si vuole far torto. Le santificazioni che da ventiquattr’ore a questa parte riempiono, in maniera spesso maldestra, le pagine dei giornali, così come i pixel dei blog, sono l’ultima cosa che il ribelle di Cupertino avrebbe voluto vedere.

Steve Jobs era uno di quelli che si fanno e poi si getta via lo stampo per almeno una decina di lustri. Nel bene e nel male. Era un genio visionario, sì, ma anche un pignolo, un tipo irascibile e un narcisista. Ma ciò che conta più di tutto è che lui, il papà di un impero che ora vale 350 miliardi di dollari, era un tenace, un affamato, uno che andava contro tutto e tutti pur di raggiungere i suoi scopi.


È questa la vera essenza di Jobs, quello che gli ha permesso di sprofondare e rinascere, di partire da un garage per poi tornarci, andar nuovamente via e trasformare quelle quattro mura di scarso valore in un cubo trasparente che è diventato l’edificio più fotografato di New York dopo l’Empire State Building. Steve Jobs è morto una volta sola ma di vite ne ha vissute almeno tre o quattro.

Quella che ricordano– o fanno finta di ricordare – tutti è l’ultima, quella dei capelli bianchi, di iPod, iPhone, iPad e del tocco magico, quello che consentiva ad Apple di sfornare qualsiasi tipo di gingillo tecnologico; talvolta originale solo perché reso più bello e semplificato rispetto ad altri prodotti già editi che non avevano incontrato il favore del pubblico; e di venderlo a milioni di persone in tutto il mondo, malgrado il costo quasi doppio rispetto alla concorrenza.

Questa era la Apple di Jobs, una fabbrica di sogni diventata quasi religione. Una religione che ora ha perso il suo Messia, l’ispiratore di uno stile divenuto inconfondibile, vincente e “cool” anche a dispetto di alcuni passi falsi – dalle perquisizioni per ritrovare il prototipo di iPhone smarrito ai suicidi nelle fabbriche cinesi, senza dimenticare il recente blocco dei prodotti Samsung – che ad altre aziende non sarebbero stati mai perdonati. Ora che ne sarà di tutto ciò?

È difficile dirlo. Anzi, cosa succederà nei prossimi mesi, forse nei prossimi anni, è abbastanza prevedibile: così come le rockstar spentesi precocemente vendono milioni di dischi facendo arricchire le case discografiche, così i fan di Jobs doneranno nuova linfa vitale ad Apple continuando a comprare come, e più di prima, i suoi device. Ma per quanto durerà? Per quanto tempo gli utenti ricorderanno il tocco magico di Steve e accetteranno di comprare a scatola chiusa ogni nuovo prodotto della mela morsicata?

Assodato che l’iPhone 4S (già ribattezzato for Steve da molti) gioverà dell’onda emotiva causata dalla morte di Jobs e venderà almeno quanto i suoi illustri predecessori, dopo come si comporterà il nuovo CEO dell’azienda, quel Tim Cook che non ha saputo tirare fuori i fuochi d’artificio durante il suo primo keynote?

Forse c’è ancora qualche progetto nato dal “tocco magico” nei cassetti degli uffici di Cupertino, ma poi? Apple andrà avanti pensando a “cosa avrebbe fatto Steve” oppure prenderà coscienza della dipartita del suo leader e riscoprirà il suo spirito “folle e affamato” per voltare pagina?

È questo il nodo da districare, la sfida su cui si giocheranno i futuri equilibri del mondo informatico. Un mondo in cui non ci sarà più Steve Jobs, colui grazie al quale adesso siamo seduti di fronte a un computer, possiamo telefonare e navigare ovunque su Internet interagendo con un semplice pannello di vetro e acquistiamo musica online. Giusto per dirne qualcuna. Anche ne nascessero altri dieci di “affamati” come lui, ci mancherà.

Photo Credits | Nick Webb

Categorie: Apple
Tags: Mac vs PC,  Steve Jobs, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Bill Gates risponde a Jobs: ho aiutato Steve a creare il Mac

Bill Gates risponde a Jobs: ho aiutato Steve a creare il Mac

Secondo quanto scritto nella sua vendutissima biografia, Steve Jobs aveva parlato piuttosto male di Bill Gates definendolo come “un uomo molto intuitivo ma senza immaginazione” capace più di copiare che […]

Apple VS Microsoft: tutti i numeri della sfida

Apple VS Microsoft: tutti i numeri della sfida

È passato quasi un anno da quando Apple ha superato Microsoft in borsa. Da allora, però, non si è saputo molto: quali sono ora i rapporti di forza fra i […]

Le 10 principali occasioni di collaborazione fra Microsoft e Apple

Le 10 principali occasioni di collaborazione fra Microsoft e Apple

Anche se a volte facciamo finta di non ricordarcelo, in realtà tutti noi geek sappiamo che, in realtà, Apple e Microsoft sono reciprocamente l’una la miglior nemica dell’altra. Dagli anni […]

Apple vale davvero più di Microsoft?

Apple vale davvero più di Microsoft?

Da qualche giorno a questa parte, in borsa Apple vale più di Microsoft, ormai lo sappiamo tutti. Ma l’azienda di Cupertino è davvero così solida e stabile come i mercati […]

Apple: è lei la nuova “cattiva” del reame informatico?

Apple: è lei la nuova “cattiva” del reame informatico?

Il mondo informatico vive anche di favole, suggestioni, lo si sa. Una di queste, fra le più diffuse, vede Microsoft ed Apple impersonare, rispettivamente, i ruoli di strega cattiva e […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1kaneda79

    gran bel post!

    Tra le cose trattate quello che mi sembra interessante ora è capire come verrà percepito il valore dei prodotti apple, scevri dell'alone mistico che solo Jobs sapeva e poteva dargli.

    Tolto il velo, vi sarà una maggiore attenzione all'oggetto in sé, alle sue caratteristiche, rispetto alla concorrenza?

    la presentazione del 4S è stata la prima di apple ad essere vissuta in maniera distaccata, il pubblico in rete (da quello che mi è parso leggendo i vari siti) ha ponderato ciò che il prodotto aveva da offrire al confronto con altri prodotti. è stata la prima presentazione senza Jobs e questo ha ovviamente influito, ma è anche vero che il 4S si connota come un upgrade di qualcosa di già esistente (iphone 4) che mette il device quasi al pari di altri dispositivi di indubbio successo, senza però presentare alcun particolare che rappresenti una novità o un'eccellenza. Iphone 4 aveva introdotto il giroscopio, il retina display, ha puntato molto sulla fotocamera frontale e facetime: non si è trattato di rivoluzioni (cosa per altro difficile da fare) ma comunque aveva dimostrato di avere qualcosina in più anche se non su tutti i fronti. E il 4S? dal punto di vista hardware non replica nemmeno le caratteristiche del modello di punta della Samsung, il Glaxy S II e se si conta che fra qualche giorno sarà presentato il Nexus Prime, che dovrebbe mettere il piede sull'acceleratore sia a livello hardware che software, ci si rende conto che per la prima volta si sta creando un divario tra la concorrenza e la Apple, a scapito di quest'ultima. La fortuna di Apple va ancora ricercata in qualcosa che, col senno di poi, è chiaro anche dal modo in cui ho portato avanti questo commento: Apple è Apple, tutto il resto sono gli Altri, la concorrenza, un mondo fatto di sistemi operativi e dispositivi che, pur non essendo anonimi, non hanno ancora la personalità della mela morsicata. La domanda leggittima è se e fino a quando questa "aura" continuerà a proteggere il marchio e i suoi prodotti.

    7 Ott 2011, 10:46 am Rispondi|Quota
  • #2omaradsl

    Bellissimo articolo.
    Complimenti!

    7 Ott 2011, 10:46 am Rispondi|Quota
  • #3Pablo

    La morte di una persona è un evento naturale ed è naturale che chi ha tracciato una certa via venga rimpianto.
    L'unica cosa che mi infastidisce è vedere schiere e masnade di persone che idolatrano uno che faceva fare i telefoni che vendevaa 800 euro in cina, da degli operai pagati 10 dollari, 20 dollari, che si suicidavano per i ritmi troppo stressanti di lavoro. E' morto un capitalista spietato.

    7 Ott 2011, 10:57 am Rispondi|Quota
  • #4geek lover ^_^

    Vedo con un pizzico d'ironia e sarcasmo questo articolo…

    mi pare ovvio che chi nn ha mai avuto la creanza di andare a studiarsi eventi passati e adori incosciamente steve jobs meriti un pò di compassione…

    Ma chi come me sa chi era, cosa ha fatto come e in che periodo nn vede di buon gusto l'articolo, se letto in un dato modo…

    Tutti siamo a un pc perchè sin dagli albori c'è chi gingillava con transistor e altre componenti elettroniche…

    Steve jobs e bill gates hanno sfruttato queste conoscenze e evoluto il concetto di computer in ciò che abbiamo oggi…

    Ma Bill Gates nn ha inventato un fico secco…l'interfaccia grafica era di una società chiamata Xerox che Steve sfruttò e bill copiò alla men peggio…

    Bill Gates ha sfruttato il successo di Steve che ebbe con il machintosh per imporsi con il suo sistema operativo…e nonostante tutto Steve ha continuato a produrre novità…

    Certo è materia d'elite, nessuno dice che un Mac è più performante di un Pc ma chi c'è stato dietro direi merita d'essere considerato un idolo…

    FanBoy di Apple e Mricrosoft…questa è storia, c'è chi adora uno e l'altro ma le persone dietro son state quel che son state…studiate la storia e poi esprimete giudizio invece che partire da pregiudizi della moda che fa tendenza…

    Steve Jobs nel cuore…

    7 Ott 2011, 11:04 am Rispondi|Quota
  • #5Leiladà

    Mah… Di sicuro le vendite Apple subiranno una (insensata) impennata grazie a questo…

    7 Ott 2011, 11:10 am Rispondi|Quota
    • #6Alberto Paolucci

      Ora nell'immediato di sicuro, ma nei prossimi anni? Dubito che Tim Cook riesca ad avere lo stesso carisma di Jobs in modo da abbindolare gente fino a fargli gridare al miracolo ad ogni nuovo iDevice presentato alle conferenze. Personalmente non reputavo geniali le cose che Jobs mostrava alle sue di conferenze nonostante lo ammiri, tuttavia la gente che magari la pensava come me lo ocmprava comunque perchè c'era Jobs a presentarlo. Sarà lo stesso anche per Tim Cook? Io personalmente lo dubito

      7 Ott 2011, 12:41 pm Rispondi|Quota
  • #7Marco

    E' veramente squallido come la gente ogni volta che una persona famosa muore lo "santifichi" scordandosi tutte le cose negative che possa aver fatto.
    Strano che ancora non ci siano state processioni dei Fan, in ogni caso se fabbricheranno qualche prodotto per questa occasione , approfittando quindi della morte di S.J. per incrementare le vendite, saremo proprio arrivati al fondo del barile.

    7 Ott 2011, 11:29 am Rispondi|Quota
  • #8M4ik

    Ma perchè non la chiudono la Foxconn?

    7 Ott 2011, 12:08 pm Rispondi|Quota
    • #9elderon

      perchè è la più grande azienda produttrice di componenti al mondo

      7 Ott 2011, 12:50 pm Rispondi|Quota
    • #10Bong

      sai che non esiste solo la apple che fa costruire prodotti in Cina?

      7 Ott 2011, 2:46 pm Rispondi|Quota
  • #11Marco

    E' veramente squallido come la gente ogni volta che una persona famosa muore lo "santifichi" scordandosi tutte le cose negative che possa aver fatto.

    7 Ott 2011, 12:43 pm Rispondi|Quota
    • #12zimling

      forse è così perchè a conti fatti sono più le cose buone che le cose sbaliate che ha fatto. ti invito ad ascoltarti il discorso ai neolaureati di stanford per farti un idea di chi è stato veramente Steve Jobs.

      7 Ott 2011, 6:12 pm Rispondi|Quota
      • #13teo

        a riempirsi la bocca con frasi memorabili d effetto son buoni tutti eh..

        9 Ott 2011, 9:48 am Rispondi|Quota
  • #14Andytgl

    “Quella che ricordano– o fanno finta di ricordare – tutti è l’ultima, quella dei capelli bianchi, di iPod, iPhone, iPad e del tocco magico, quello che consentiva ad Apple di sfornare qualsiasi tipo di gingillo tecnologico; talvolta originale solo perché reso più bello e semplificato rispetto ad altri prodotti già editi che non avevano incontrato il favore del pubblico; e di venderlo a milioni di persone in tutto il mondo, malgrado il costo quasi doppio rispetto alla concorrenza.”
    Spero solo che tale affermazione sia giustificata da una profonda ignoranza di chi scrive (ed in questo caso è meglio che si dedichi ad altro). Mi dispiace per gli altri bloggers, ma Geekissimo ha appena perso un utente e una sottoscrizione feed RSS.

    7 Ott 2011, 2:30 pm Rispondi|Quota
  • #15Rocco Leonello

    steve era un genio nel rendere la banalità geniale. Lui solo univa le cose semplici come iOS alla potenza :'(

    7 Ott 2011, 2:50 pm Rispondi|Quota
  • #16[Mobiletech] Davide

    bell'articolo..condivido tutto anche se non capisco lo sfogo sulla faxconn e la lotta a samsung..
    nel primo caso non è lui il diretto responsabile, certo magari ha deciso di produrre in cina, ma non di certo pensava di far morire della gente.
    E se tu inventassi una cosa che diventa cosi comune da essere scontata e quindi te la copiano tutti,,forse anche tu impediresti le vendite no?

    7 Ott 2011, 3:28 pm Rispondi|Quota
  • #17caygri

    La Apple fallirà..non so il perchè ma me lo sento…cmq apparte questo un utente normale è solo affascinato dal brand Apple e non sa cosa ha fatto per davvero! Ad alcuni è semplicemente scivolata la notizia addosso…ma che un pc portatile a casa, o ha una tab di qualsiasi marchio non sa che sono copie di apple

    7 Ott 2011, 3:31 pm Rispondi|Quota
    • #18Alberto Paolucci

      si certo, perchè tutti sono buoni a fregare dee ad Apple come ha fatto samsung, ma per favore -.-

      7 Ott 2011, 3:37 pm Rispondi|Quota
  • #19Ruben Chuck Di Battista

    Bellissimo articolo, complimenti…

    7 Ott 2011, 4:15 pm Rispondi|Quota
  • #20Andrea Guida

    Grazie mille, ragazzi! 😉

    7 Ott 2011, 6:42 pm Rispondi|Quota
  • #21Mostly

    Gran bel articolo…classico coccodrillo (piange mentre sbrana). Lo conoscevi? hai lavorato con lui? hai fatto qualcosa?
    "Chi non ha fatto niente, non sa niente" (T. Carlyle), e scrive

    7 Ott 2011, 8:11 pm Rispondi|Quota
  • #22@GiovanniGaeta81

    Apple non è solo Steve Jobs ma questo grande uomo, con le ombre che si porta dietro, ha contribuito a renderla grande e differente da qualsiasi altra società anche se spesso si sono fatti venditori di fumo gli utenti che la scelgono e continueranno a sceglierla sono molti anche perché Steve è riuscito a creare intorno alla "semplicità" un impero con dei prodotti che costano un patrimonio e che spesso sono inferiori alla concorrenza.
    Apple è differente perché invece di correre dietro all'hardware preferisce fornire un software ottimizzato e che funziona che alla fine è quello che più interessa all'utente finale.
    Parlo da persona oggettiva anche se può sembrare il contrario ma so riconoscere un genio quando lo incontro.

    7 Ott 2011, 10:20 pm Rispondi|Quota
  • #23il Cibo

    Stiui è stato un genio fino all' iPod poi gli ha aggiunto il modulo telefonico ed ha fatto un iPod che telefona.
    Gli iPhone sono frutto di una fortuna incredibile.
    Negli ultimi due giorni mi è toccato leggere che Stiui ha inventato il touch screen, i cellulari con il SO e che navigano, l'mp3 ecc ecc.
    Possibile che si ignori il fatto che nell'anno dell' iPod gli smanettoni installavano le appllicazioni sul Nokia 7650 e poco dopo sul 6600 ci facevano girare il TomTom?
    Nel 2002 è uscito il p800, nel 2003 il p900 e nel 2004 il p910i.. tutti con touch screen.
    L'iphone è uscito nel 2007 perciò è ora di smetterla con sta storia che ha rivoluzionato la telefonia mobile.

    8 Ott 2011, 5:23 am Rispondi|Quota
  • #24Fabio

    Questo post è perfetto anche se sono un utente Mac!!
    E’ esattamente quello che penso del personaggio Jobs e trovo perfetto pure il termine “maldestro” a chi lo osanna in rete. Bravo Andrea.

    In merito al futuro di Apple ovviamente la previsione è impossibile ma senz’altro Tim Cook è stato “allevato” per portar avanti il pensiero jobsiano quindi credo che Apple sarà fertile almeno per una decina d’anni in merito di iDevice.

    La vera sfida per Apple, a mio parere, sarà entrare in mercati nuovi senza l’appiglio futuristico di Jobs (es:.produrre un vero e proprio televisore) ed affrontare l’aspetto social.

    8 Ott 2011, 8:12 am Rispondi|Quota
  • #25Master

    Non condivido la parola genio, genio è una persona come Leonardo da Vinci, un inventore, Jobs non ha inventato proprio nulla. Lui ha solo copiato idee dagli altri, chiudendole e poi tenendosele tutte per se, a partire da xenox, BSD, progetto TED, etc.
    LE parole pesano è Steve Jobs ripeto non ha inventato proprio nulla.
    ciao

    8 Ott 2011, 10:19 am Rispondi|Quota
    • #26Simone Mario D' Onghia

      Gli "Xerox Alto" (primi computer con interfaccia grafica e non comandi) erano destinati solo alla stessa ditta, steve li ha portati in ogni casa, e a me basta per ringraziarlo e stimarlo.

      10 Ott 2011, 8:54 pm Rispondi|Quota
  • #27Master

    perchè non vedo il mio post????

    8 Ott 2011, 2:19 pm Rispondi|Quota
    • #28il Cibo

      Non vedo neanche il mio, forse qualcuno non era daccordo..

      8 Ott 2011, 10:47 pm Rispondi|Quota
  • #29leonardo

    E' forse il mglior articolo che io abbia letto sul tema. Complimenti per la pacatezza e la serenità.
    Il mercato (termine che peraltro detesto), o meglio i futuri acqirenti, ci faranno capire quanto incidesse il carisma di Jobs sui prodotti della Apple.

    8 Ott 2011, 8:55 pm Rispondi|Quota
  • #30vfede

    Di castronerie su geekissimo ne leggo più di quante mi piacerebbe ce ne fossero su un sito che cmq stimo, e perciò non mi limito nel farle notare.
    Questo articolo invece è davvero uno dei migliori su geekissimo e sul tema. Complimenti Naqern.

    9 Ott 2011, 1:09 pm Rispondi|Quota
  • #31Andrea Guida

    grazie anche a voi, troppo gentili.

    10 Ott 2011, 8:10 am Rispondi|Quota
  • #32Simone Mario D' Onghia

    A volte si da la misura sbagliata a delle cose che invece sono talmente grandi da risultare

    invisibili per chi crede che il proprio pc, nella sua completezza, sia stato concepito e

    ideato da zio bill (con la "b" piccola perche grande non se la merita), mi rifersco a

    winzozz xp, vista e 7, tra poco 8.

    Caro pubblicatore, e cari commentatori a favore… Grazie A Steve Jobs oggi potete premere i

    tastini delle vostre care tastierine e sparare cazzate al vento come mitragliatrici… è

    grazie a Jobs se ora possiamo scambiarci le idee al volo, con un clic… quell' uomo non ha

    mai sbattuto i suoi soldi in faccia al mondo come fanno quelli che voi (mondo) chiamate

    vip… lo dimosta già il suo abbigliamento… è rimasto fedele alla sua religione… e il

    suo unico obbiettivo era creare cose che avrebbero potuto semplificare la vita delle

    persone, il mouse è una sua idea, l' ha immaginato quando gli altri ancora davano comandi da

    cosole, ha immaginato che nel futuro tutti avrebbero posseduto un pc nelle loro case, mentre

    la microsoft, che ha fatto fortuna con le idee di Jobs, realizza sistemi instabili e

    dispendiosi di prestazioni, direi Vergognosi.

    Figliolo si documenti bene… mi raccomando, e corregga le cavolate….(Una ogni rigo)

    Fossi stato io l'admin del sito t'avrei sbattuto fuori senza pietà, ma purtroppo…

    (Sui costi degli apparecchi sono un pò daccordo con te, ma le differenze ci sono e si

    vedono…)

    10 Ott 2011, 7:55 pm Rispondi|Quota
    • #33andrea

      ''Il mouse compie 40 anni

      Sono trascorsi 40 anni dall'invenzione del topo più intelligente al mondo. Dal legno alle forme più bizzarre, la storia.

      La storia strana e bizzara del mouse inizia 40 anni fa quando Douglas Engelbart, ricercatore del Istituto tecnologico del Massachusetts (MIT), si presenta per la prima volta al centro dell'IBM per presentare la sua nuova invenzione, il Topo Meccanico! Incredibilmente l'IBM rifiuta l'offerta non credendo al successo e all'utilità di un oggetto che avesse un nome del genere. E' la XeroX a investire sul progetto di Engelbart e nasce il primo mouse meccanico ("Bug"), inizia la delicata missione di ridurre la distanza tra uomo e macchina.

      Totalmente rivestito in legno, dotato da due levette per il movimento in orizzontale e in verticale, il primo mouse anticipa l'interazione elettronica con lo spazio bidimensionale già prima della nascita del personal computer. Meno di dieci anni dopo Bill English riprende il meccanismo di Engelbart e da vita al primo mouse interamente in plastica e dotato di una sfera per registrare i movimenti in tutte le direzioni. Bisogna aspettare gli anni 80 per ufficializzare l'ingresso di questo misterioso oggetto nelle case di tutti gli utenti. E' Steve Jobs, padron di casa Apple e inventore del primo computer da scrivania Macintosh, a introdurre e integrare il mouse nei personal computer di tutti gli utenti. Inizia la prima vera diffusione su larga scala del mouse che nel frattempo riceve sempre più consensi e diventa centrale nel rapporto uomo-elaboratore. Si sviluppano diversi modelli, il mouse cambia le sue caratteristiche tecniche e soprattutto cambia pelle. Scompare nel frattempo la sfera sottostante, sostituita da un led luminoso a infrarossi che garantisce maggiore precisione e velocità nel suo utilizzo. Mouse senza fili, coloratissimi, personalizzati e personalizzabili, di dimensioni sempre più piccole e dalle forme più strane invadono il mercato: il topo elettronico da strumento si trasforma in puro gadget. Anche l'industria dell'intrattenimento scopre l'utilità del mouse e l'Atari lancia Football, una sfera a misura di mano per interagire meglio con i giochi della fiorente consolle.

      Oggi la sua utilità lascia spazio all'evoluzione tecnologica che nel frattempo ha dato vita a nuovi strumenti di interazione tattile e vocale. Il computer diventa più intelligente e il topo più famoso e carino al mondo sarà destinato a scomparire ma negli anni il suo contributo è stato fondamentale, il mouse ha dato vita ad un rapporto nuovo tra uomini e computer. Non ci rimane che dire missione compiuta e augurare tanti auguri a questo utilissimo oggetto!''
      solo un esempio….
      Fossi stato io l'admin del sito t'avrei sbattuto fuori senza pietà, ma purtroppo…
      brovo…

      6 Dic 2011, 9:55 pm Rispondi|Quota
  • #34http://zygysgwcg.com

    Hallo! Ichh mag Ihren Schreib so eine Menge!
    Prozent werden iin Kontakt extra über Ihre Post
    auf AOL? I erforderlich Experte in diesem Beeich zzu lösen mein Problem.
    Kann sein das iist Sie! Suche vvor Sehenswürdigkeiten Sie.

    19 Feb 2018, 4:45 am Rispondi|Quota
  • #35portrait photography

    Attractive component of content. I just stumbled upon your weblog and
    in accession capital to claim that I acquire in fact loved
    account your blog posts. Anyway I will be subscribing for your augment and even I fulfillment you
    get entry to constantly fast.

    14 Mar 2018, 7:13 pm Rispondi|Quota
  • #36tutuapp pro free

    where are you from

    2 Apr 2018, 3:44 pm Rispondi|Quota
  • #37sleepapneamask

    I was able to find good information from your articles.

    1 Giu 2018, 2:23 am Rispondi|Quota
  • #38Billiga Fotbollströjor barn

    Great internet site! It looks very professional! Maintain the good work!

    17 Giu 2018, 5:28 am Rispondi|Quota
  • #39homepage

    Olá companheiros , sua fantástico n. ѕobre ensino e
    completamente definido, mantê-ⅼo o tеmpo todo.

    9 Lug 2018, 7:28 pm Rispondi|Quota
  • #40Valencia Fotballdrakt

    I got this site from my friend who shared with me on the topic of this web page and now
    this time I am visiting this site and reading very informative content
    here.

    Valencia Fotballdrakt

    22 Set 2018, 11:51 am Rispondi|Quota
  • #41Billige Fodboldtrøjer Børn

    Keep up the great job and generating the crowd! sites:ggglese.com
    [url=http://hesportuss.top/show/murray-fodboldtrjer-tilbud-janeflem]Billige Fodboldtrøjer Børn[/url]

    10 Ott 2018, 3:54 am Rispondi|Quota
  • #42온라인바카라 betman99.net

    Thanks for sharing your thoughts on 온라인바카라.
    Regards

    1 Nov 2018, 2:18 pm Rispondi|Quota
  • #43niềng răng mặt trong

    Hi there, constantly i used to check web site posts here early
    in the daylight, as i love to learn more and more.

    20 Feb 2019, 4:54 am Rispondi|Quota
  • #44health and safety training courses near me

    Thanks for the blog article. Really thank you! Awesome.

    8 Ott 2019, 7:21 pm Rispondi|Quota