Geekissimo

Il network ItalianShare è stato chiuso

 
Martina Oliva
12 Novembre 2011
19 commenti

La Guardia di Finanza ha fatto chiudere i 5 siti web di ItalianShare, al vaglio tutto il materiale sequestrato e le donazioni degli utenti ed agli arresti il responsabile

Stop all’operato di Tex Willer, il nickname di P.G, 49 anni, ovvero l’utente di Agropoli (SA) identificato dalla Guardia di Finanza come capo del network ItalianShare, uno tra i più celebri “supermarket della pirateria” in Italia che, risultando composto da vari spazi, ognuno dei quali presentato come forum, consentiva di accedere a diverse tipologie di elementi video, brani audio, contenuti digitali e vario altro materiale coperto da copyright ma anche di guardare contenuti audiovisivi direttamente in streaming e di accedere tramite link a tracker BitTorrent e servizi P2P gestiti mediante eMule.

Gli ufficiali della Guardia di Finanza di Agropoli coordinati dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Vallo della Lucania, nelle ultime ore, hanno infatti provveduto a chiudere i 5 siti web facenti riferimento al network (Italianshare.net, musicshare.italiannetwork.net, filmshare.italiannetwork.net, uwp.italiannetwork.net e www.italiansexy.net) che, a quanto pare, nel corso del tempo avrebbero totalizzato ben oltre 136 mila utenti iscritti, la maggior parte dei quali provenienti dall’Italia, ben 550 mila visite mensili e 31.360 opere coperte da copyright illecitamente in condivisione.

Stando sempre a quelle che sono le informazioni disponibili pare inoltre che lo stesso Tex Willer fosse riuscito ad ottenere, nel corso del tempo, ingenti guadagni derivanti dalla presenza di appositi spazi pubblicitari sui vari siti web dell’intero network coinvolgendo un buon numero di società italiane ed estere unitamente alle donazioni degli utenti eseguite tramite paypal.


Il capo di Italian Share, che avrebbe sfruttato la falsa identità di una città extra-comunitaria per procedere all’acquisto degli spazi sui server di una società di hosting avente come base Las Vegas, unitamente a tutti gli utenti del network che hanno contribuito nella condivisione illecita di tutto quanto presente sul network rischiano ora sanzioni penali.

Tex Willer, nonostante la vicenda, sostiene di non essere un pirata, ne lui ne tutti coloro che hanno contribuito alla crescita del network poiché tutto ciò che, sino a qualche ora addietro, era reperibile mediante ItalianShare non risultava archiviato sui server del network ma veniva reso reperibile agli iscritti sotto forma di link ad altri siti web.

Allo stato attuale delle cose, comunque, tutto il materiale sequestrato è al vaglio, così come anche i processi di donazione degli utenti.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google e la pirateria, rimozione dei contenuti aumentata

Google e la pirateria, rimozione dei contenuti aumentata

Interessanti informazioni quelle emerse proprio nel corso delle ultime ore dal nuovo Rapporto sulla Trasparenza di Google. A quanto pare si è verificato un netto incremento nel numero delle richieste […]

Google e gli stratagemmi fiscali alle Bermuda

Google e gli stratagemmi fiscali alle Bermuda

Così come già fatto da varie altre aziende di una certa stazza appartenenti al settore dell’IT anche Google si è affidata ai paradisi fiscali nel tentativo di pagare meno tasse ed […]

ItalianShare, Tex Willer è stato arrestato

ItalianShare, Tex Willer è stato arrestato

Sul finire del 2011 le autorità avevano provveduto a chiudere cinque dei siti web (Italianshare.net, musicshare.italiannetwork.net, filmshare.italiannetwork.net, uwp.italiannetwork.net e www.italiansexy.net) appartenenti a Tex Willer, l’uomo, così soprannominato in rete, fondatore […]

Google difende Hotfile dall’accusa di violazione di copyright

Google difende Hotfile dall’accusa di violazione di copyright

I legali di Google, il gran colosso delle ricerche in rete, hanno deciso di tendere una mano verso Hotfile ed i suoi vertici nel tentativo di difendere la celebre piattaforma […]

Italia: la pirateria sta mettendo a rischio il mercato degli eBook

Italia: la pirateria sta mettendo a rischio il mercato degli eBook

Come già denunciato dai detentori dei diritti musicali e cinematografici anche gli editori stanno iniziano a puntare il dito contro la pirateria ed a lanciare l’allarme è stato Marco Polillo, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1TheQ.

    Un piccolo errore di battitura: Las Vegas non La Svegas

    I pirati grigi (quelli che vorrebbero banche dati di film e multimediale con un canone mensile) stanno perdendo, i 136 mila italiani torneranno ai pirati neri (che preferiscono servizi p2p o peggio ancora srvizi anonimizzati, sfruttati anche da gente di malaffare).

    Con 1600 accessi all'ora, circa 20.000-30.000 al giorno (minimo 600 mila al mese) google ads paga soltanto 100 euro di pubblicità (lordi, non netti). Dubito che la parola arricchito sia basata su ingenti quantità di denaro… o forse con le donazioni.

    12 Nov 2011, 11:18 am Rispondi|Quota
  • #2Geekissimo

    La Svegas

    12 Nov 2011, 11:28 am Rispondi|Quota
  • well done well done…………
    morto un papa se ne fa un altro ….. e cosi sara per SEMPRE… lo spazio virtuale non lo puoi ''monopolizzare'' o imporre una dittatura drastica … e LIBERO …

    il fatto e che in tanti la parola LIBERTA lo sanno solo scrivere e non lo intendono ….

    P.S a quanto pare nessuno dei file illeciti era reperibile tramite i loro server. tutto il loro materiale era appoggiato nei server ESTERI. quindi ?!!!! !!!!

    12 Nov 2011, 11:31 am Rispondi|Quota
  • #5GdF

    "Tex Willer, nonostante la vicenda, sostiene di non essere un pirata". Bè certo, lui era il solito furbacchione campano che dietro al paravento del P2P lucrava con banner e donazioni degli utenti. Morto ItalianShare nessuno ne sentirà la mancanza perchè il web è pieno di forum di "scambio etico" molto più seri e duraturi che non chiedono nulla agli utenti. In quanto alla cavolata del non detenere nulla che violi il copyright, questo vale solo per lui che da buon furbacchione non teneva nulla sui suoi hard disk ma tutti gli ignari utenti che condividevano con eMule scaricando proprio dai link del suo forum, per loro il problema esiste eccome!
    Sarei curioso di sapere il brav'uomo di cosa campasse al di là dei vari forum…

    12 Nov 2011, 3:24 pm Rispondi|Quota
  • #6enrico

    Conoscete alternative ? è ingiusto questa chiusura perchè loro davano solo gli indirizzi ma il materiale non lo avevano !!!

    12 Nov 2011, 5:27 pm Rispondi|Quota
    • #7Canardi Andrea

      12 Nov 2011, 7:36 pm Rispondi|Quota
    • #8Fabio

      Scrivi il titolo di un film qualsiasi con l'aggiunta di .avi e vedi quanti ne escono fuori di siti identici a ItalianShare ma soprattutto amministrati meglio e non da moderatori boriosi e amministratori furbacchioni che con il P2P non avevano nulla a che vedere, ma usavano i forum solo per speculare sui poveri fessi che moderavano e gli utenti a cui chiedevano donazioni…oltre a tutti i proventi di banner pubblicitari.
      Te ne cito solo alcuni ma ce ne sono a decine: DDUniverse, Rapidscene.net, AngelMule, UWMovement, DownloadZone, e chi più cerca più ne trova. Non c'è stata alcuna perdita! Tex Willer andasse a rubare a Piazza Plebiscito!

      12 Nov 2011, 11:25 pm Rispondi|Quota
  • #9Raziel86

    No dai… non dire che non conosci alternative :/

    12 Nov 2011, 7:21 pm Rispondi|Quota
  • #10Vdivendetta

    La piovra, le sanguisughe dello stato italiano, stanno al Parlamento, le forxe dell'ordine sono i loro tentacoli.

    12 Nov 2011, 9:02 pm Rispondi|Quota
  • #11amm.re vaffanculo

    bajhdladkajòamòclmlmxclAMXclAM;X-lAMXalxmA_MX-AMX

    12 Nov 2011, 10:10 pm Rispondi|Quota
  • #12www.MiPiaceLike.com

    ciao

    13 Nov 2011, 12:17 pm Rispondi|Quota
  • #13dfdf

    fdf

    13 Nov 2011, 12:29 pm Rispondi|Quota
  • #14Cass

    hahaha ne hanno chiuso uno ma l' utente ne trova molti altri nei commenti delle notizie..chiudetene molti che ne scopriremo sempre di più di questi siti!!!!

    13 Nov 2011, 12:33 pm Rispondi|Quota
  • #15R4ptuS

    14 Nov 2011, 1:19 am Rispondi|Quota
  • #16Tony

    Ma invece di pensare a ste cose perchè non guardano i politici e i capi d'industria che si fottono i nostri soldi!!!!!!!!! La pirateria non è reato!!!!!!!!!!!

    14 Nov 2011, 5:13 pm Rispondi|Quota
  • #17Fagg'70

    Non è ancora chiaro ??? questi non sanno più dove prende soldi per pagarsi le z…….le e la coc…. come ormai è noto a tutti. Tanto fra poco tasseranno anche l' ARIA CHE RESPIRAMO!!! La Pirateria…ehhh che terribile reato !!! ooohh ! Invece non dare la pensione ha chi per una vita a dovuto pagare una marea di inps ed oggi si sente dire che deve aspettare di morire per raggiungere l'età pensionabile, che dovremmo fare a ste persone??? Forse mandarli ai lavori forzati per trentanni basterebbe??

    26 Nov 2011, 7:31 pm Rispondi|Quota
  • #18PiNO

    Sito alternativo consigliato con link ed2k ed i velocissimi http è questo —>> http://www.islafenice.net

    2 Gen 2012, 7:01 pm Rispondi|Quota
    • #19VK.

      @PiNO:

      non è un sito alternativo, come si evince dal nome ISlafenice, IS=ItalianShare
      sono loro e son tornati + forti di prima…..

      24 Mag 2012, 4:07 pm Rispondi|Quota