Geekissimo

La dipendenza da internet causa modifiche al cervello, lo dimostra un nuovo studio

 
Martina Oliva
13 Gennaio 2012
5 commenti

La dipendenza da internet causa modifiche al cervello

Che “il troppo stroppia” è oramai cosa ben risaputa e consolidata tanto quanto il vecchio detto ma a confermarne la sua veridicità anche relativamente al World Wide Web o, molto più semplicemente, internet, ci ha ben pensato il team di ricercatori diretto da Hao Lei dell’Accademia cinese delle scienze di Wuahn facendo pubblicare un apposito studio su Plos One.

Lo studio ha infatti messo in evidenza il fattore negativo della grande rete: “dosi massicce” di web e, nello specifico, l’utilizzo patologico di internet (IAD, Internet Addiction Disorder), si ripercuote negativamente tanto nella vita sociale quanto nelle performance lavorative e di studio di un dato individuo andando inoltre a modificarne il cervello.

L’uso patologico di internet, in altri termini, andrebbe ad alterare l’integrità della sostanza bianca determinando disturbi comportamentali relativi alle emozioni, al processo decisionale ed all’autocontrollo.


Per concorrere la ricerca, così come spiegato dagli scienziati, sono stati analizzati ragazzi di ambo i sessi ed aventi un età compresa tra i 14 e i 21 anni, con diagnosi di IAD e, di conseguenza, fortemente dipendenti da social network, blog, e-mail ed anche dalla semplice navigazione online.

Il gruppo di ragazzi è poi stato sottoposto a risonanza magnetica mediante cui è stato poi possibile individuare alterazioni alla materia bianca del cervello che, in alcuni casi, sono già state osservate in relazione ad altri tipi di dipendenze come, ad esempio, quelle da alcol e sostanze stupefacenti.

Da notare che in passato sono già stati condotti studi su persone colpite da IAD sfruttando però questionari psicologici e, di conseguenza, mettendo in evidenza un aspetto differente da quello ora emerso: i possibili effetti diretti della dipendenza sull’ anatomia cerebrale.

Photo Credits | Flickr

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Il più grande DDoS di sempre, internet rallenta in tutto il mondo

Il più grande DDoS di sempre, internet rallenta in tutto il mondo

Nel corso delle ultime ore la connessione ad internet di tutto il mondo ha subito un forte rallentamento riconducibile, stando a quanto dichiarato dagli esperti di sicurezza, al più grande […]

Jimmy Wales dice no all’estradizione dell’admin di TVShack

Jimmy Wales dice no all’estradizione dell’admin di TVShack

Jimmy Wales, fondatore di Wikipeida, ha scelto di prendere le difese di Richard O’Dwyer, il giovane inglese creatore della piattaforma TVShack a rischio di una condanna di ben 10 anni […]

Google Chrome: il browser web più utilizzato per un giorno

Google Chrome: il browser web più utilizzato per un giorno

Durante il weekend oramai trascorso Google Chrome ha superato l’incontrastato, o quasi, predominio di Internet Explorer divenendo quindi il browser web più utilizzato al mondo ma, attenzione, soltanto per un […]

Internet diventerà la quinta potenza economica mondiale

Internet diventerà la quinta potenza economica mondiale

Tra circa quattro anni ci saranno un totale di ben tre miliardi di utenti intenti a navigare online (o, molto più semplicemente, di “internauti”) e, a quel punto, il valore […]

Internet, il 53% della popolazione italiana naviga attivamente online

Internet, il 53% della popolazione italiana naviga attivamente online

Avere la possibilità di accedere ad internet significa, tra le tante cose, anche avere l’opportunità di reperire tutte le varie ed eventuali informazioni d’interesse in maniera immediata, rapida e attiva […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1TheQ.

    Lol, alterazioni della materia bianca influiscono su malattie mentali come la schizzofrenia, l’autismo, la pseudologia fantastica e la menzogna patologica.
    L’abuso di internet creerebbe complottisti schizzofrenici autistici?
    Effetti biologici del bombardamento di emissioni elettromagnetiche del tubo catodico?
    Effetti biologici indotti dal bacino infinito nel quale trovare sempre risposte senza il minimo sforzo intellettuale (cosa che differenzia l’uso che ogni individuo fa di Internet)?
    Oppure semplice ricerca stupida che afferma che passando tutto il tempo con amici in piazza e facendo lo stesso su facebook, si ha come risultato una deficienza mentale nella materia cerebrale bianca per il secondo caso, anzichè per il primo?
    E dove sono le differenze fra persone geek/nerd (già socialmente costretti a sottospecie di forme di autismo grazie al bullismo psicologico dei coetanei e costretti alla solitudine con il rifiuto da parte dell’altro sesso – compagnie di amici propense ad esplorare bar discoteche e luoghi di cultura/divertimento nel tempo libero) e semplici individui che non hanno la fortuna di ricadere nelle classe di emarginati dell’età moderna?

    Idiocracy (film) incoming … specie nelle ricerche scientifiche…
    http://www.youtube.com/watch?v=fvbzB5O4c5c

    13 Gen 2012, 3:17 pm Rispondi|Quota
  • #2Silver D

    Anche dare eccessivo ascolto alle ricerche scentifiche di dubbio scopo da problemi al cervel… pardon, intelligenza 🙂

    13 Gen 2012, 6:58 pm Rispondi|Quota
  • #3Anonimo

    Ma LA SOSTANZA BIANCA COS’è?

    13 Gen 2012, 7:05 pm Rispondi|Quota
  • #4Val3x

    La sostanza bianca è costituita dagli assoni dei neuroni del cervello…che formano nel loro insieme la sostanza grigia. Per dirla in termini semplici: la sostanza grigia del cervello(insieme ad altre zone sia ben chiaro)processa le informazioni, la sostanza bianca non sono altro che “cavi elettrici”che collegano varie zone del cervello permettendo alle informazioni di viaggiare da una parte all’altra.

    14 Gen 2012, 12:40 pm Rispondi|Quota
  • #5Mak

    Un uso prolungato di internet è chiaro che possa dare problemi di “distacco”, ma dare addirittura patologie mi sembra ridicolo. Quelli che per lavoro ci stanno quasi ventiquattro ore al giorno allora dovrebbero essere malati.

    16 Gen 2012, 11:52 am Rispondi|Quota