Geekissimo

Obama e la carta dei diritti per tutelare la privacy degli internauti

 
Martina Oliva
24 Febbraio 2012
1 commento

Obama e la Carta dei diritti per la privacy online

Nel corso delle ultime ore il governo americano ha reso noto uno speciale ed interessante progetto mirante alla protezione dei dati personali degli utenti online che verrà messo in atto grazie al supporto e al via libera concesso da quelli che sono i big del settore, come nel caso di Google, Microsoft e Yahoo!.

Si tratta, nel dettaglio, di una serie di linee guida, rese note mediante un apposito comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Casa Bianca, che, basandosi sul ben noto modello del “Bill of Rights”, elencano quelli che vanno a configurarsi come i diritti fondamentali degli internauti cercando inoltre di fare in modo che internet rimanga un motore per l’innovazione e la crescita economica.

Per Barack Obama, stando a quanto reso noto mediante la carta dei diritti per la tutela dei dati personali sul web, quindi, gli utenti devono avere l’opportunità di esercitare il diritto di controllo delle informazioni personali su ogni aspetto della propria vita in rete e, di conseguenza, di poter comprendere e decidere come vengano utilizzate da chi le riceve.

Le aziende che si ritroveranno ad avere a che fare con i dati personali degli utenti online ne dovranno poi garantire riserbo e sicurezza evitando, di conseguenza, che informazioni sensibili finiscano tra le mani sbagliate.


Agli internauti, inoltre, spetterà l’ultima parola per quanto concerne la scelta di aderire oppure no alla cessione che, in ogni caso, potrà essere revocata in qualsivoglia momento.

A tal proposito Mozilla ha già pensato di introdurre nel suo browser web il pulsante “Do not track” grazie al quale gli utenti potranno incrementare il grado di protezione della propria privacy online evitando quindi che informazioni ad essi relative finiscano in fastidiosi meccanismi di raccolta di dati per obbiettivi pubblicitari.

Tra non molto, comunque, le istituzioni americane provvederanno ad avviare i primi incontri con tutte le aziende del settore internet.

Il compito di verificare che tutto quanto presente nella carta dei diritti per la protezione dell’internauta venga rispettato in maniera corretta spetta invece alla Federal Trade Commission (FTC).

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Italia, Wi-Fi libero nei pubblici esercizi

Italia, Wi-Fi libero nei pubblici esercizi

La Fipe, ovvero la Federazione Italiana Pubblici Esercizi, ha reso noto, proprio nel corso delle ultime ore, che il Garante per la Privacy ha dato il via libera perchè i […]

Mozilla presenta Collusion, l’add-on per spiare gli spioni

Mozilla presenta Collusion, l’add-on per spiare gli spioni

Gary Kovacs, il CEO di Mozilla, ha recentemente annunciato al TED un’interessante novità che, di certo, saprà attirare in maniera particolare l’attenzione di coloro che sono parecchio preoccupati per la […]

UE: le nuove regole per la protezione dei propri dati in rete

UE: le nuove regole per la protezione dei propri dati in rete

Nel corso delle ultime ore Viviane Reding, Commissario Europeo alla Giustizia, ha iniziato a ragionare su quelle che, tra qualche tempo, dovrebbero conformarsi come le nuove regole grazie alle quali […]

Far “girare” più profili di Firefox contemporaneamente

Far “girare” più profili di Firefox contemporaneamente

Oggi voglio segnalarvi un piccolo tips che ho scovato in giro per la rete che riguarda Firefox. Molte volte capita che per necessità su di uno stesso computer bisogna creare […]

Software Update: rilasciata la versione 2.0.0.13 di Firefox

Software Update: rilasciata la versione 2.0.0.13 di Firefox

Firefox è sicuramente il browser web più utilizzato dagli utenti internet, i quali si sentono sempre “stimolati” nell’usufruire di questo “navigatore del web”; anche perché la casa produttrice, non manca […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1save

    finalmente qualcosa che sembra proteggere la gente invece di fare i soliti interessi delle multinazionali

    24 Feb 2012, 4:47 pm Rispondi|Quota