Geekissimo

Anonymous lancia Anontune, la piattaforma musicale libera

 
Martina Oliva
26 Aprile 2012
3 commenti

Anonymous Anontune

La novità delle ultime ore, relativamente al panorama dell’IT ed a quello della musica, si chiama Anontune, una piattaforma libera ed a sfondo social in grado di pescare continuamente brani musicali d’ogni sorta da tutto il web, ed a renderla disponibile ci ha pensato Anonymous.

Stando infatti a quanto reso noto da un gruppo di sviluppatori che ha dichiarato alla redazione di Wired di far parte del ben noto collettivo il progetto Anontune è nato circa 6 anni fa su un sito di incontro per hacker dove, appunto, alcuni membri di Anonymous cominciarono a pensare ad un sistema mediante cui abbattere l’attuale modello di business messo in piedi dall’industria discografica ma le idee avrebbero poi iniziato a concretizzarsi soltanto a partire dal 23 dicembre dello scorso anno.

Anontune viene quindi ideata con l’intento di combinare le possibilità di ascolto gratuite che vengono offerte da canali mainstream, come nel caso di YouTube e MySpace, agendo sia come motore di ricerca interno sia come un player mediante cui organizzare anche le playlist dei vari ed eventuali artisti musicali d’interesse.


Le playlist create su Anontune possono inoltre essere importate direttamente su iPod.

Pur trattandosi di un progetto che, stando a quanto reso noto ed almeno in apparenza, sembrerebbe essere opera del ben noto collettivo, per potersene servire è prevista la registrazione, ovviamente gratuita, di un account specificando nome utente e password, motivo questo per il quale “l’anonimato” sembra esser valido solo fino ad un certo punto.

La piattaforma, comunque, può già contare su poco meno di un migliaio di utenti iscritti pur risultando, per il momento, funzionante soltanto al 20%.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Hacker vs portale web israeliano: attacco firmato Anonymous?

Hacker vs portale web israeliano: attacco firmato Anonymous?

Nella giornata di ieri vi abbiamo parlato dell’attacco hacker che ha colpito il sito del Tribunale di Milano (si, un portale italiano). Si pensava fosse stato il gruppo pirata Anonymous, […]

Anonymous ricorda il 5 novembre ed attacca PayPal, Symantec e altri

Anonymous ricorda il 5 novembre ed attacca PayPal, Symantec e altri

Ieri è stata la giornata dedicata al rivoluzionario mascherato Guy Fawkes che, appunto, alla mezzanotte del 5 novembre del lontano 1605 venne arrestato da un gruppo di uomini armati mentre […]

LulzSec: l’hacker Jake Davis si dichiara più soddisfatto senza internet

LulzSec: l’hacker Jake Davis si dichiara più soddisfatto senza internet

Il famoso gruppo LulzSec ha seminato il terrore su internet per alcuni mesi ed è ormai entrato nella storia, ma le forze dell’ordine non hanno mai smesso di cercare i […]

Apple, trafugati 12 milioni di ID univoci da un portatile dell’FBI

Apple, trafugati 12 milioni di ID univoci da un portatile dell’FBI

Il gruppo di hacker noto come AntiSec e legati ad Anonymous ha annunciato, proprio nel corso delle ultime ore, di essere entrato in possesso di ben oltre 12 milioni di […]

Anonymous attacca e manda offline il sito web del Vaticano

Anonymous attacca e manda offline il sito web del Vaticano

Durante le ultime ore Anonymous ha messo a segno un altro colpo puntando, questa volta, ai server del sito web del Vaticano e rendendo quindi vatican.va praticamente inaccessibile. Se inizialmente vi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1machete

    Ben noto colletivo sempre più alla ricerca di un consenso, che stenta a venir concesso ai vandali.

    26 Apr 2012, 7:08 pm Rispondi|Quota
  • #2Piergiorgio

    Non viene richiesto alcun indirizzo e-mail per la registrazione. solo uno username ed una password… ma prima di scrivere un articolo, almeno andate a vedere di persona… a scrivere www non ci vuole molto… kisss

    27 Apr 2012, 6:25 am Rispondi|Quota
  • #3GianArb

    la registrazione è solo a fini organizzativi, come fai a organizzare playlist senza un login? Poi non richiede nemmeno una mail, il che vuol dire che non è la Mail list lo scopo della registrazione, per tutto il resto quoto @Piergiorgio 🙂

    27 Apr 2012, 1:34 pm Rispondi|Quota