Geekissimo

Foxconn, minori nelle catene di montaggio

 
Martina Oliva
17 Ottobre 2012
0 commenti

Foxconn minori catene di montaggio

Foxconn, l’azienda cinese salita più volte agli onori della cronaca non solo perchè impegnata nel fabbricare componenti per la Apple ed altri importanti gruppi, ma anche, e sopratutto, per gli scandali inerenti le condizioni lavorative dei suoi dipendenti.

Settimane fa, ad esempio, a causa delle troppe pressioni sulla qualità finale dell’iPhone 5, del poco addestramento professionale ricevuto e delle ferie completamente cancellate i lavoratori di Foxconn avevano proclamato uno sciopero nel tentativo di far sentire le loro ragioni.

Questa volta, invece, l’ultimo scandalo Foxconn riguarda la presenza di minori nelle linee produttive.

Dopo l’esecuzione dei classici controlli in una fabbrica di Yantai, nella Cina nord-orientale, è infatti emerso che sono stati impiegati alcuni “tirocinanti” aventi un età compresa tra i 14 ed i 16 anni.

I giovani, stando a quanto reso noto, hanno lavorato al campus per circa due settimane.

Foxconn aveva inizialmente motivato la cosa dichiarando che i giovani impegnati sulle linee produttive altro non erano che un piccolo numero di “stagisti” inviati dalle scuole ma stage oppure no 14 anni sono comunque troppo pochi, ancor di più se si tiene conto della restrittiva legislatura cinese.

Se si considera poi che tali presunti tirocinanti sono stati impiegati durante il periodo a cavallo e subito dopo l’uscita del nuovissimo iPhone 5 e, a questo punto, anche dell’iPad Mini è molto difficile non riuscire a pensare a male anche se stando a qunto dichiarato da Foxconn stessa nessun minore ha mai lavorato nelle catene di montaggio legate alla produzione Apple.

Alla diffusione mediatica della vicenda è immediatamente seguito un conciso comunicato della Foxconn nel quale è stato specificato il fatto che tutti i dipendenti che risultano e che risulteranno responsabili di tale violazione saranno immediatamente licenziati provvedendo inoltre a chiedere scusa ad ogni studente per l’accaduto.

Sarà sufficiente? forse no.

Photo Credits | Flickr

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Apple, rapporti interrotti con un fornitore cinese causa sfruttamento minorile

Apple, rapporti interrotti con un fornitore cinese causa sfruttamento minorile

Durante il 2012 oramai trascorso Apple ha intensificato i controlli sulle condizioni lavorative offerte dai fornitori cinesi partner ai relativi dipendenti arrivando a rilevare 74 casi di lavoro al di […]

L’iPhone 5 è troppo complicato da costruire, gli operai di Foxconn si ribellano

L’iPhone 5 è troppo complicato da costruire, gli operai di Foxconn si ribellano

Troppe pressioni sulla qualità finale del prodotto, poco addestramento professionale e ferie completamente cancellate, sono questi i fattori che, a quanto pare, hanno portato tra i 3 e i 4 […]

Apple: alla Foxconn si lavora male ma le condizioni miglioreranno

Apple: alla Foxconn si lavora male ma le condizioni miglioreranno

Nel corso delle ultime ore è stato reso noto il report dell’inchiesta effettuata dalla Fair Labour Association in merito alle condizioni di lavoro dei dipendenti Foxconn, una tra le più […]

Apple e le fabbriche in Cina: il primo report conferma condizioni migliori rispetto alla norma

Apple e le fabbriche in Cina: il primo report conferma condizioni migliori rispetto alla norma

Proprio qualche giorno fa è stato dato il via alle prime ispezioni di speciali audit volontari della Fair Labor Association presso i fornitori Apple in Cina addetti al processo di […]

Apple: avviate le ispezioni nelle fabbriche cinesi

Apple: avviate le ispezioni nelle fabbriche cinesi

Tenendo conto delle continue polemiche che ruotano attorno alla questione Apple ed i dipendenti operanti nelle fabbriche cinesi e considerando anche la recenti accuse, pubblicate in un apposito rapporto del […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento