Geekissimo

Android, circa un terzo delle app raccoglie dati sensibili

 
Martina Oliva
8 Aprile 2013
2 commenti

Android app rubano dati sensibili

Il binomio privacy-sicurezza è sicuramente uno tra quelli più importanti nell’attuale mondo digitale e la recente ricerca condotta da Bitdefender ne è senz’altro una tra le dimostrazioni più evidenti.

Stando infatti a quanto riportato dalla celebre software house circa un terzo delle app Android raccoglie informazioni personali memorizzate sullo smartphone inviandole poi ad aziende di terze parti.

Il rischio maggiore si incontra con l’installazione delle app gratuite per le quali gli sviluppatori ottengono profitti dai banner pubblicitari e, di conseguenza, sottoscrivono accordi con svariate piattaforme di advertising che talvolta sfruttano i dati privati e personali degli utenti in maniera poco chiara e, sopratutto, poco corretta.

Naturalmente ad agire in tal modo non sono certo tutte le app presenti su Google Play.

La maggior parte delle applicazioni indica in maniera estremamente dettagliata le informazioni che sono necessarie per l’esecuzione delle stesse.

Altre applicazioni, invece, vanno a configurarsi come adware decisamente aggressivi ed intrusivi che richiedono l’accesso ai dati sensibili creando un profilo dell’utente e facendogli visualizzare annunci pubblicitari ad hoc.

Ad agire in questo modo e, di conseguenza, ad inviare numeri di telefoni, indirizzi di posta elettronica e posizione geografica a server remoti, sono circa il 32% della applicazioni.

Passando in rassegna ben 130 mila app Bitdefender ha infatti scoperto che il 12,87% di esse comunica il numero di telefono ad aziende di terze parti, che il 12,03% spedisce le coordinate geografiche relative alla posizione dell’utente e che il 17,3% chiede il permesso di leggere i nomi dei contatti, di accedere alla cronologia di navigazione online e di visualizzare le foto.

Onde evitare di incappare in tali tipo di app è quindi opportuno verificare in maniera attenta le autorizzazioni richieste dalle stesse o, in alternativa, ricorrere all’impiego di soluzioni mobile per la sicurezza in grado di bloccare adware e malware.

Bitdefender sottolineare anche il fatto che applicazioni classificate come adware potrebbero essere sfruttate senza problemi da eventuali malintenzionati per l’invio di messaggi di spam o, ancora, come strumento di spionaggio.

[Photo Credits | Flickr]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
WhatsApp: la vulnerabilità è inesatta, i messaggi non sono a rischio

WhatsApp: la vulnerabilità è inesatta, i messaggi non sono a rischio

Nel corso delle ultime ore è emersa online una notizia che ha fatto tremare, e non poco, tutti gli utilizzatori di WhatsApp, in maniera particolare gli utenti Android. Uno sviluppatore […]

Privacy, gli utenti si fidano più di Microsoft che di Apple

Privacy, gli utenti si fidano più di Microsoft che di Apple

Stando a quanto emerso dalla versione 2012 dello studio pubblicato dal Ponemon Institute tra le aziende più affidabili per la privacy le corporation IT fanno da padrone ma, a quanto pare, […]

Google Play Music, dal 13 novembre sarà disponibile anche in Italia

Google Play Music, dal 13 novembre sarà disponibile anche in Italia

Il 29 ottobre Google ha presentato tante interessanti novità inerenti il mondo Android ed in occasione della diffusione del comunicato per i nuovi device appartenenti alla linea Nexus big G […]

Android, troppe app a rischio sicurezza

Android, troppe app a rischio sicurezza

Sul fatto che Android sia un sistema operativo per device mobile particolarmente a rischio vi sono oramai ben pochi dubbi, così come confermato da numerose ricerche, report ed alerts, ma […]

Privacy su Android: le foto degli utenti a rischio?

Privacy su Android: le foto degli utenti a rischio?

Non molto tempo fa era emerso il fatto che molteplici app per iOS fossero in grado di recuperare i contatti dal device in uso utilizzandoli per svolgere le relative funzioni […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1wp style

    ecco perché android e Google devono morire!!

    8 Apr 2013, 12:01 pm Rispondi|Quota
    • #2iksoiks

      @wp style: basta leggere le autorizzazioni che si danno alle app! -.-“

      8 Apr 2013, 4:47 pm Rispondi|Quota