Geekissimo

Rapidgator, Uploaded e altri 25 portali bloccati in Italia per… un cartone animato

 
Andrea Guida (@naqern)
16 Aprile 2013
2 commenti

La settimana scorsa vi abbiamo spiegato come accedere a NowDownload, RapidGator, Uploaded e altri cyberlocker bloccati nel nostro Paese, basta cambiare i DNS della propria connessione. Ma vi siete chiesti come mai questi siti sono stati inibiti dai provider italiani? Ebbene, la colpa è di un film, un singolo film a cartoni animati.


Secondo quanto riportato da Punto Informatico, il blocco è stato frutto di una maxi-operazione della Polizia Postale su ordine del GIP al Tribunale Ordinario di Roma, il quale ha accolto la richiesta dei legali di Sunshine Pictures, distributore italiano del film "Un mostro a Parigi”. Questo ha portato al blocco per mezzo DNS di 27 fra cyberlocker e siti di streaming tutti aventi la stessa colpa: ospitare delle copie illegali del cartone transalpino.

Come al solito, a rimetterci sono la credibilità di certe autorità e tutte quelle persone che, pagando delle sottoscrizioni mensili o annuali, hanno scelto di usare uno dei servizi di hosting oscurati (Nowvideo, Nowdownload, Videopremium, Rapidgator, Bitshare, Cyberlocker, Clipshouse, Uploaded ed altri) per custodire i propri file in Rete, file spesso legali e legittimi.
Dovranno prendersi tutti la briga di scoprire come aggirare il blocco e imparare come si cambiano i DNS: operazione semplicissima, per carità, consigliabile a tutti ma che non dovrebbe essere forzata da censure scellerate come quella attuata in questo caso.

L’avvocato Fulvio Sarzana, interpellato su quanto accaduto da PI, ha spiegato che l’indagine della Polizia Postale romana è durata circa un mese e che ha portato alla “più grande operazione di sequestro di contenuti su Internet in un paese occidentale, seconda solo all’operazione di sequestro di domini adottata dal dipartimento dell’Homeland Security (DHS) statunitense nel novembre 2010, che aveva portato al sequestro di 70 portali".
La società denunciante avrà naturalmente le sue buone ragioni, e così naturalmente il magistrato che ha emesso il provvedimento, ma ci si chiede il perché 27 portali mondiali nella loro interezza, con milioni di file anche privati e che raggruppano milioni e milioni di utenti, siano stati resi inaccessibili a milioni di cittadini italiani, per un solo cartone animato”. Bisogna aggiungere altro?

[Photo Credits | Flickr]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Presentata una nuova proposta di “legge-bavaglio” per il Web

Presentata una nuova proposta di “legge-bavaglio” per il Web

A sei mesi dall’ultimo grido d’allarme, siamo costretti a registrare un nuovo tentativo da parte dei parlamentari italiani di introdurre una legge-bavaglio per il Web. L’On. Pino Pisicchio del Gruppo […]

Mega arriva a 1 milione di utenti, ma continua a funzionare male

Mega arriva a 1 milione di utenti, ma continua a funzionare male

Nel suo primo giorno di vita, Mega ha già superato il milione di utenti registrati. Lo ha detto ieri Kim Dotcom dalla Nuova Zelanda, Paese in cui ha deciso di […]

AVAXHOME.WS bloccato in Italia dopo la denuncia di Mondadori

AVAXHOME.WS bloccato in Italia dopo la denuncia di Mondadori

AVAXHOME.WS è stato oscurato dai provider italiani. La misura è stata applicata dopo che la Procura della Repubblica di Milano, accogliendo una denuncia avanzata lo scorso giugno da Mondadori, ha […]

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Nella giornata di ieri, in seguito alle dimissioni della relatrice del Pd Silvia Della Monicail, il Senato ha rispedito in commissione Giustizia il ddl sul reato di diffamazione a mezzo […]

Oggi si vota la legge bavaglio per i blog, anche Wikipedia protesta

Oggi si vota la legge bavaglio per i blog, anche Wikipedia protesta

Oggi il Senato dovrebbe esprimere il suo giudizio definitivo sulla cosiddetta legge bavaglio, una norma realizzata sull’onda emotiva del caso Sallusti (il direttore del quotidiano Il Giornale condannato a 14 […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Carlo

    […] Questo ha portato al blocco per mezzo DNS di 27 fra cyberlocker e siti di streaming […]
    208.67.222.222 4ever.

    16 Apr 2013, 3:46 pm Rispondi|Quota
  • #2thor

    Come al solito questi eventi pomposi che riempiono la bocca di chi li ha attuati e commissionati, non fanno altro che comportarsi come boomerang.
    In primo luogo poiché il blocco è molto relativo, basta solo cambiare un piccolo parametro sul proprio computer e tutto funziona esattamente come prima. Secondo in quanto il fatto di pubblicizzare attività svolte al fine di bloccare siti che divulgavano materiale vario, non fa altro che metterli in luce, dando a chi per caso non lo avesse saputo, sia l’informazione dell’esistenza di tali siti, le esatte coordinate per raggiungerli e le soluzioni per aggirare i blocchi. Un triplo autogoal, che accultura tutti su come aggirare i blocchi, e linfoltimento dei database di siti interessanti.

    E’ una soluzione totalmente inutile, controproducente e che inoltre danneggia come in questo caso, persone che nulla hanno a che fare con le violazione di diritti d’autore. Un inutile abuso all’Italiana effettuato da incompetenti, e ordinato da avvocati ignoranti.

    Saluti

    21 Apr 2013, 12:11 am Rispondi|Quota