Geekissimo

Spam: l’Italia è tra le principali sorgenti, parola di Kaspersky

 
Martina Oliva
20 Aprile 2013
1 commento

kaspersky italia principale sorgente spam

In questi giorni Kaspersky, la nota società russa specializzata in sicurezza informatica, ha pubblicato i dati inerenti la diffusione delle email spazzatura che sono state rilevate dai suoi software.

Stando a quanto emerso anche se il numero complessivo di messaggi identificati come spam è risultato sensibilmente inferiore rispetto a quello rilevato gli scorsi mesi il phishing ed il numero di allegati infetti sono invece stati soggetti ad un forte incremento.

Durante lo scorso mese di marzo, infatti, internet è stata invasa da un’enorme quantità di email fraudolente comprensive di messaggi pubblicitari facenti riferimento alla Pasqua, a San Patrizio ed anche a Hugo Chavez.

Analizzando invece la distribuzione geografica delle fonti di spam è stato possibile scoprire, sempre tenendo conto del report di Kaspersky, che l’Italia occupa una posizione di rilievo rispetto alle altre nazioni, in particolare rispetto a quelle del Vecchio continente.

Nel dettaglio, dopo la Corea del Sud (36,8%), la Cina (11,2%) e gli Stati Uniti (10,1%) l’Italia occupa la quarta posizione di questa tutt’altro che meritevole classifica.

Gli spammer italiani inviano in europa circa il 6,4% di messaggi di posta elettronica spazzatura ed il 6,6% di email con alleganti contenti malware.

Nella maggior parte dei casi i messaggi di posta elettronica che vengono inviati contengono inviti, per i destinatari, a digitare le credenziali per poter accedere al relativo conto corrente online.

L’aumento del numero di email di phishing significa che gli utenti devono prestare ancora più attenzione quando aprono le email o quando utilizzano i siti di social networking.

Tra i principali bersagli degli attacchi di phishing figurano i social network, le organizzazioni finanziare ed anche i motori di ricerca.

[Photo Credits | Flickr]

Via | Kaspersky Lab

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Phishing sempre più in aumento, boom su Facebook

Phishing sempre più in aumento, boom su Facebook

Gli utenti colpiti da attacchi di phishing sono sempre più in aumento ed il fatto che siano passati da 19,9 milioni del 2011-2012 a 37,3 milioni del 2012-2013 è sicuramente […]

Bilancio di un anno di malware, USA in testa alla classifica

Bilancio di un anno di malware, USA in testa alla classifica

Oggi è Natale e cosa c’è di meglio, in vista della fine dell’anno, che tirare le somme dopo un anno di aggressioni informatiche? Se lo scorso anno la Cina era […]

Navigare senza filtri per un mese? Si ricevono oltre 5mila e-mail di spam. Che per la maggior parte vengono da Usa, Brasile e Italia!

Navigare senza filtri per un mese? Si ricevono oltre 5mila e-mail di spam. Che per la maggior parte vengono da Usa, Brasile e Italia!

Surfare in internet senza protezione porta l’utente medio a ricevere circa 70 messaggi di posta indesiderata al giorno. È quanto emerge da un interessante studio svolto da McAfee, una delle […]

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

Condannato a 9 anni di prigione il super-spammatore mondiale

La notizia sta facendo, piano piano, il giro del mondo. La Corte Suprema della Virginia, negli Stati Uniti, a ha condannato a nove anni di carcere Jeremy Jaynes, accusato di […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1rico

    Veramente le mail-trabocchetto (phishing) che ricevo rimandano quasi tutte a siti russi (.ru), anche se sono ben travestite da poste italiane o altri siti del genere.
    Non è che kaspersky si è “casualmente” dimenticata dei connazionali?

    22 Apr 2013, 7:25 am Rispondi|Quota