Geekissimo

WhatsApp: gli abbonamenti arrivano su iPhone, ma non per i vecchi clienti

 
Desiree Catani
17 Luglio 2013
1 commento

whatsApp

Le leggende metropolitane riguardanti il prezzo della famosa applicazione Whatsapp si sono ormai esaurite: il titolo non è gratuito, ma si paga tramite abbonamento annuale. Se per un po’ gli utenti Android sono stati più fortunati di quelli iOS, la situazione si è successivamente invertita per poi tornare attualmente in perfetto equilibrio.

Vi abbiamo già detto che Whatsapp per il robottino verde ha un costo annuale, ma il titolo per iPhone era disponibile a prezzo fisso: 0,89 euro per il download per poi continuare ad utilizzarlo a vita senza dover pagare ulteriori soldi.


Gli sviluppatori hanno recentemente introdotto lo stesso metodo di pagamento di Android anche per l’applicazione disponibile su iTunes, quindi gli utenti iOS dovranno pagare annualmente 0,89 €. Così come il robottino verde è possibile pagare anche la cifra di 2,40 euro per 3 anni (risparmiando il 10%) e 3,34 euro per 5 anni (risparmiando il 25%).

A conti fatti, dunque, Whatsapp ha lo stesso identico costo sia su iPhone sia su Android. Se entriamo nello specifico, dobbiamo ammettere che gli utenti iOS godono di una fondamentale agevolazione: a quanto pare, chi ha già comprato l’app al prezzo di 0,89 € non dovrà pagare annualmente la stessa cifra, ma potrà utilizzare in modo illimitato Whatsapp.

Di certo nessuno si stupisce della decisione presa dagli sviluppatori, lo stesso CEO Jan Koum aveva dichiarato che il modello di pagamento imposto per Android sarebbe arrivato anche su tutte le altre piattaforme.

Molti utenti del robottino verde decisero di abbandonare l’applicazione quando divenne a pagamento. In tanti, ad esempio, optarono per Viber.

Dobbiamo ammettere che 90 centesimi all’anno devono essere spesi a cuor leggero per un’app che non solo risulta estremamente comoda, ma ci consente anche di risparmiare grosse cifre. Gli SMS, infatti, sono morti soprattutto per colpa di Whatsapp.

[ Via | Ansa ]

[ Photo Credits | SimonQ錫濛譙 ]

Categorie: iPhone
Tags: iOS,  iPhone,  pagamenti,  Whatsapp, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Microsoft lancia Office per iPhone, ma solo negli Stati Uniti

Microsoft lancia Office per iPhone, ma solo negli Stati Uniti

Questa mattina, Microsoft ha voluto fare una bellissima sorpresa agli utenti iOS: finalmente Office Mobile è arrivato sull’App Store e può essere messo in download gratuitamente. L’applicazione non è compatibile […]

WhatsApp, l’abbonamento annuale sarà introdotto anche su iOS

WhatsApp, l’abbonamento annuale sarà introdotto anche su iOS

A gennaio dell’anno corrente tutti gli utenti in possesso di un device Android hanno avuto modo di apprendere che per continuare a servirsi di WhatsApp, la popolare applicazione di messaggistica […]

iPhone Backup Extractor, recuperare file da iOS estraendoli dai backup di iTunes

iPhone Backup Extractor, recuperare file da iOS estraendoli dai backup di iTunes

Per gestire i dati archiviati sui dispositivi Apple basati su iOS è possibile sfruttare iTunes. Questo, come ben saprà la maggior parte di voi lettori di Geekissimo, sta a significare […]

Come utilizzare i nuovi servizi Amazon Cloud Drive e Cloud Player su iPhone, iPod Touch e iPad [Video tutorial]

Come utilizzare i nuovi servizi Amazon Cloud Drive e Cloud Player su iPhone, iPod Touch e iPad [Video tutorial]

Pochi giorni fa Amazon ha rilasciato i nuovi servizi Cloud Player e Cloud Drive per lo streaming musicale. Sfortunatamente, come molti di voi sapranno, tali utility non sono sfruttabili su […]

Chrome to iPhone, sincronizzare URL su iPhone con Chrome

Chrome to iPhone, sincronizzare URL su iPhone con Chrome

Ultimamente non si fa altro che parlare di tecnologia e soprattutto dei nuovi smartphone, che pian piano stanno diventando dei veri computer. Quello che si sta tentando di fare, infatti […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1paolo

    Ok che 89 centesimi all’anno non sono nulla, però per quale motivo ci deve essere una disparità di trattamento per lo stesso tipo di servizio?
    Su Android, quando l’hanno fatto diventare a pagamento, i vecchi clienti l’hanno preso in quel posto…

    17 Lug 2013, 6:18 pm Rispondi|Quota